Un appello di TILT per il voto ai precari

A proposito di riforma del mercato del lavoro la retorica ufficiale, complici i media mainstream, vuole spesso inquadrare alcuni rapporti di forza all’interno di una cornice precisa: quella della contrapposizione fra i lavoratori anziani, i cosiddetti garantiti, e i giovani precari che li individuano come usurpatori di un diritto in quantità limitata, di cui nel corso degli anni è stato abusato e quando siamo arrivati noi era finito. Non è così.

Oltre la lettera dei giovani bocconiani al Corsera c’è  il mondo vero, quello che loro non hanno mai incontrato. In quel mondo i figli del ceto medio, che arrancano ogni giorno per trovare il loro posto in questo paese, non pensano affatto che i loro diritti debbano essere riconosciuti a discapito di quelli dei loro padri. Il welfare, che ha contraddistinto positivamente lo sviluppo della democrazia in Europa, non è in misura limitata ma si caratterizza invece per modalità espansive, inclusive, moltiplicative. Chi reclama oggi diritti non lo fa a discapito di qualcun altro. Lo fa, anzi, cercando alleanze. L’appello qui.

Rispondi