#ballottaggi e sballottati

Non mi piacciono i commenti a caldo. Mi piace leggere i numeri prima di proporre le analisi e invece sento già molti lanciati in tribune televisive con la smania dei cacciatori al safari di ferragosto. Non mi piace questa abitudine tutta italiana di deridere le vittorie degli altri, appropriarsi vittorie di sponda e questa eterna indecisione nell’ammettere le proprie debolezze. Le amministrative dicono che contano le persone oltre che i partiti (ricordate quanto l’hanno ripetuto nelle scorse settimane?): bene, le persone da candidare le scelgono i partiti (ne dovrebbero essere la sintesi politica) e la classe dirigente non può esimersi da questa responsabilità. Perché qui quando vince qualcuno diventa sempre “nostro” in senso larghissimo. Personalmente sono contento dei nuovi sindaci che conosco da vicino, penso a Fois a Senago, Lucini a Como, Scanagatti a Monza, Monica Chittò a Sesto San Giovanni e tanti altri: hanno l’occasione di provare a raccontare un’altra storia, sul serio. Non mi conforta Leoluca Orlando a Palermo: l’ho conosciuto da vicino, non mi piace, ma gli elettori hanno scelto lui (nell’anno del ventennale della morte di Falcone, poi).

Una cosa mi piace: Roberto Formigoni è stato sfiduciato dagli elettori in Lombardia. Ma questo non significa che dall’altra parte per forza si sia pronti ad essere convincenti. Partire da qui sarebbe un buon punto per qualcosa di veramente diverso. Ora studio e vediamo di andare più a fondo. A dopo.

3 Commenti

  1. Gabriele AMADIO

    Concordo su Leoluca Orlando che ho visto confrontarsi infelicemente con Matteo Renzi in Ballarò (comunque ho delle riserve anche su Matteo Renzi).
    Vedo con amarezza con l'ennesimo ceffone preso dai partiti della vecchia classe politica non è servito a niente e l'enorme percentuale degli astenuti sta passando ancora una volta in secondo piano.
    Bersani e la Bindi esultano sventolando dati e statistiche: ancora una volta e peggio di prima NON HANNO CAPITO NULLA!!

  2. fabrì

    Sentivo ieri Formigoni che commentava i risultati. Con la sua giacchetta dal collo vellutato che gli dà l'aria da perfetto opinionista.Ha rivolto ai due schieramenti il consiglio di trovare candidati e volti nuovi..Si farà da parte?Non credo sono solo 20 anni che è sul palcoscenico della politica!

  3. DAVE

    Esatto…dici bene….."…hanno l'occasione di provare a raccontare un altra storia….." ma dove invece nn è così , cosa resta???? il vecchio e chi sta sul carrozzone del vecchio……MEDITARE GENTE…MEDITARE !!! SIAMO ALLA FRUTTA……..

Rispondi