La parata per i terremotati

E’ un’ottima idea destinare i soldi della parata del 2 giugno ai terremotati. Perché significa avere l’intelligenza e la responsabilità di riconoscere le priorità reali di questo Paese e perché la “sicurezza” sta nell’intervenire sui bisogni delle persone in difficoltà. Subito e efficacemente.

E perché un terremoto è un dolore squarciante e imprevedibile ma l’aiuto e la solidarietà sono tutte nelle decisioni degli uomini.

“non si può imprecare contro il destino… spesso fabbrichiamo con il fango su terreni mobili e molli… e quando poi un terremoto getta a terra gli abituri, imprechiamo agli inferi e supplichiamo i superi”

(prof. Giuseppe De Lorenzo, su La Gerarchia, dopo il terremoto del 1930)

3 Risposte a “La parata per i terremotati”

  1. più che altro, caro valek, fa venire in mente che se qualche anima bella avesse pensato a opporsi come fa ora contro i soldi della parata qualche mese fa magari qualche risultato concreto lo avrebbe ottenuto. Ora, a meno di una settimana, caro Cavalli i soldi sono già stati spesi tutti e queste evocazioni sono pura demagogia.

    1. Giulio Cavalli dice: Rispondi

      Caro Stefano, forse sarebbe il caso di leggere prima no? http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/05/29/no2giugno-paccata-soldi-terremotati/245312/
      https://www.giuliocavalli.net/2012/05/30/no2giugno-il-senso-oltre-lemergenza/
      Perché la demagogia sta nel giudizio senza informazione, altrimenti. E perché concordo con te sulla questione economica difficilmente modificabile. Però l’ho scritto e ripetuto.

  2. citazione perfetta alla situazione!..ma il fatto che sia datata a circa 80anni fa, mette in luce la triste verità che in questo Paese non ci sono stati molti progressi…

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.