Una bella proposta

Concreta. Viene dagli iscritti del PD ma suona la sveglia un po’ per tutti. La trovate qui.

Contendibilità delle cariche istituzionali. Devono essere introdotte le primarie per scegliere i candidati alle elezioni al parlamento europeo, al parlamento nazionale, al consiglio regionale e provinciale. Il partito si impegna nel garantire pari opportunità di accesso alle candidature per le primarie. Allo stesso modo si impegna per garantire il rispetto della competenza, del talento, della parità di genere e del merito.

Le primarie devono essere aperte agli iscritti, agli elettori, ai cittadini in regola con il permesso di soggiorno che oggi sono privi del diritto di voto amministrativo e politico.

Limite inderogabile di ricandidatura alle cariche di parlamentare nazionale ed europeo per la durata di due mandati, anziché tre come previsto oggi dall’art. 21 comma 3 dello statuto. Va introdotta la medesima clausola per le cariche elettive regionali, provinciali e comunali. Questa modifica, però, deve avere efficacia retroattiva a decorrere dalle prossime elezioni. Gli elettori, altrimenti, non crederebbero alla nostra convinzione nell’importanza nel rinnovamento.

Rendicontazione di mandato, la qualità del dopo: la rendicontazione dell’attività svolta nelle istituzioni dovrà essere formalizzata attraverso meccanismi standard e facilmente comprensibili dai cittadini per rendere la ricandidatura non un atto dovuto ma l’esito di un lavoro svolto con efficacia. Tra le informazioni rese pubbliche dovranno essere presenti specifici indicatori dell’impegno profuso: presenze, voti, commissioni presiedute, mozioni presentate, ecc. Tale schema dovrà essere obbligatoriamente periodicamente compilato dagli eletti. Per la ricandidatura inoltre dovrà essere dimostrato l’importo versato al partito di parte della retribuzione da amministratore.

Abolizione delle “liste bloccate” per accedere alle cariche del partito (assemblea provinciale, regionale, nazionale), coerentemente alla richiesta di abolizione delle liste bloccate per le elezioni al parlamento nazionale.

Referendum tematici: è necessario promuovere l’utilizzo dello strumento dei referendum tematici per definire una posizione netta del partito su alcune scelte, come previsto dallo statuto, al fine di contrastare una certa cultura della “distinzione” nel partito che confonde i militanti e gli elettori e non consente l’assunzione di scelte necessarie per lo sviluppo culturale del  Paese. La decisione assunta dagli iscritti attraverso i referendum dovrà essere sostenuta coerentemente dagli eletti nelle istituzioni e dai dirigenti del Partito.

Rispondi