Intanto

Le primarie si faranno, dicono, ed è una buona notizia. Resta da vedere come saranno le nuove regole (perché Ambrosoli si prende 48 ore per stendere un progetto sulla carta d’intenti dei partiti e le firme per le candidature slittano sotto questa tempistica di Damocle) e soprattutto quale sarà la coalizione.
La Lega incorona Maroni.
Albertini tenta faticosamente di rimanere in sella.
L’UDC dice che starà con Ambrosoli se non ci sono IDV e SEL oppure con Albertini se non c’è la Lega oppure da sola (il solito decisionismo UDC, insomma).
Forse visto da fuori non è un bel vedere. Forse. Davvero.

20121112-183536.jpg

2 Commenti

  1. Non è un bel vedere per niente. Ambrosoli ha paura anche solo di nominare le parole "primarie" e "sinistra".

    Ma perchè dobbiamo aspettare le sue regole? Le regole le ha già scritte la coalizione, le primarie le abbiamo già fissate, no?

    Bisogna smettere di essere codardi in politica, nessuno ci obbliga a votare e a sostenere Ambrosoli.

    Sarà anche una persona per bene ma si sta comportando male.

    Per fortuna ci sono altri ottimi candidati alle primarie come La Kustermann e Andrea Di Stefano.

    Caro Giulio prova a parlare con Di Stefano, mi sembra molto vicino ai tuoi temi e al tuo programma. E' una persona per bene. Sosteniamolo, lavoriamo insieme a chi parla la nostra lingua. Davvero.

  2. Giuseppe Mendicino

    Bisogna vincere, dopo tanti anni di affarismo Formigoniano. è un'occasione storica, imperdibile. fate squadra al più presto, almeno tu e Ambrosoli. non gettate al vento questa occasione, lavorate sulle cose che vi accomunano (sono tante, a partire dall'onestà. dall'altra parte ci sono truppe organizzate e oligarchie potenti. gli avversari da battere sono loro. se per le vostre divisioni dovessero vincere anche stavolta, nel momento più basso della loro storia, sarebbe una cosa tremenda. da non votare più nessuno.

Rispondi