Le primarie sono le primarie, primarie, primarie

Scrive Filippo Azimonti che Per seguire il dibattito sulle primarie lombarde, anche quando tende a farsi carsico come in queste ore, può essere utile citare Gertrude Stein: «Una rosa è una rosa, una rosa, una rosa» (Sacred Emily, 1913) nella sua interpretazione più lineare («Le cose sono quel che sono») come nella più complessa lettura che segnala come usando semplicemente una parola se ne evochino tutti i significati, e ha ragione. Sarei semplicemente meno ottimista di lui (ma lo sono per natura) quando scrive: Ora il problema per chi vorrà aderire al patto civico è piuttosto quello di mantenere aperta la sfida senza rinunciare al contributo di chi, generosamente, ha già dichiarato la propria disponibilità e, in ipotesi, a quanti altri volessero farlo. Solo così la rosa resterà una rosa, anche con le sue spine. Perché le primarie sono primarie e sembra che ci si dimentichi che alle primarie tutti i candidati partono con pari dignità, e allo stesso modo i partiti dovrebbero diventare civici senza bisogno di fare passi di lato quanto piuttosto “saltandoci dentro” per mettersi in gioco, senza paure e con la consapevolezza del lavoro fatto dal centrosinistra in questi anni (ed è stato fatto).

Altrimenti siamo tutti Vladimiri ed Estragoni che aspettano Godot con la corda in mano per impiccarsi all’albero. Una cosa così.

Come scrive oggi Paola su PubblicoMa l’operazione non convince e sembra comunque una retromarcia. E Ambrosoli tentenna e si arrocca. Suona una musica tutta sua. E così, la candidatura che doveva essere la soluzione di tutti i mali, inizia ad assomigliare, più che altro, a un problema.

E mi dispiace se questo post crea dispiacere a qualcuno.

Un commento

Rispondi