Ne resterà solo uno

Primarie-Kustermann-e-Di-Stefano-per-Bersani.-Ambrosoli-per_h_partb“Ne resterà solo uno” mi scrive simpaticamente (ma drammaticamente) Agostino su twitter: si parla di quaranta consiglieri indagati per peculato al Pirellone. Lo scrive La Stampa, Il Fatto Quotidiano e in questi minuti un po’ tutti stanno riprendendo la notizia.

E’ la fine degna di una legislatura indegna nei comportamenti, nelle politiche e nella rappresentanza della classe dirigente. Per predisposizione e per passione mi hanno sempre appassionato più gli inizi piuttosto che l’analisi del disfacimento e per questo aspetto domenica perché le primarie (civiche, mi raccomando) dicano chi può essere il candidato per la Lombardia che guidi una coalizione di centrosinistra (meglio di sinistracentro, possibilmente) per segnare una discontinuità etica oltre che politica.

E devo ammettere che queste primarie hanno almeno toccato i temi che per troppi anni sono sembrati un tabù anche dalle nostre parti come l’eccessiva privatizzazione di scuola e sanità, il consumo di suolo, un diverso pensare alle infrastrutture fino al welfare e alle politiche sociali sgretolati dal montismo e dal formigonismo. L’augurio che possiamo farci è che tutti i temi vincano le primarie e rimangano in agenda, sostenute dalla responsabilità di farsene carico chiunque sia il vincitore.

Ho molto apprezzato lo spirito “evoluzionario” di Di Stefano che conoscevamo per competenza e passione. Ho ascoltato con molta attenzione la competenza di Alessandra Kustermann in campo sanitario e risentito finalmente belle discussioni, collegate e dirette con i diversi movimenti e comitati del territorio.

Conosco Umberto Ambrosoli da anni e con lui ho condiviso impegni e serate dove una diversa interpretazione dell’etica pubblica era davvero possibile. Sono d’accordo (come mi succede ultimamente molto spesso) con Pippo Civati quando scriveCredo però che la figura più competitiva per sconfiggere la destra – soprattutto se questa si presenterà unita – sia quella di Umberto Ambrosoli. E non solo e non tanto perché Ambrosoli sia stato indicato come loro candidato da tutti e tre i principali partiti che comporranno la coalizione o perché goda di un consenso molto largo tra le forze civili della città di Milano, ma perché credo che Ambrosoli possa vincere le elezioni e dare alla Lombardia un governo molto distante da quello che ci ha preceduti. Fin dallo stile, dalle modalità di selezione delle persone che lo accompagneranno, dalle scelte politiche di fondo che la maggioranza della Prossima Lombardia vorrà interpretare.

L’importante è che dalle nostre parti dopo queste primarie non ne rimanga solo uno ma esca una pluralità: a partire dai tre contendenti per allargarsi alla Lombardia tutta in un percorso che mi ostino a vedere fortemente politico senza perifrasi di cortesia.

Per quanto riguarda me sono in molti in questi giorni a chiedermi lumi su queste ultime mie settimane politiche (dalla candidatura ritirata in poi) e mi conforta l’interesse e la stima. Per ora rimango a svolgere il mio ruolo di parte attiva a queste primarie e poi avrò modo di pensare, ripensare a piccoli vizi antichi e indegni incrociati per strada, dire e spiegare. E decidere.

Perché ogni tanto le primarie succede che si facciano con la propria coscienza, anche.

5 Commenti

  1. Sarah

    Continuiamo a votare quello più di centro, quello che piace a CL, quello inciuciato con le banche, quello che "le primarie non le voglio perché i partiti sono brutti" e che poi chissà perché piace a tutte le segreterie… Di Stefano è preparato, non fa discorsi astratti, piace a chi ha la pazienza di ascoltarlo. Durante i confronti a tre Ambrosoli è sempre risultato quello più insipido, quello del compromesso, quello del "non tutto è da buttare", quello del "non demonizzare il privato"… Scusate, ma io non lo voto, perché diciamoci la verità, di "figli di" in Italia ne abbiamo già le tasche piene.

    E se cari Civati e Cavalli aveste #DAVVERO creduto in Ambrosoli sareste stati al suo fianco negli incontri pubblici e non avreste passato un mese a dire che le primarie erano meglio senza l'aggettivo (inutile) "civiche". Se non piace poi tanto neanche a voi figuratevi a me…

  2. Sarah

    Continuiamo a votare quello più di centro, quello che piace a CL, quello inciuciato con le banche, quello che “le primarie non le voglio perché i partiti sono brutti” e che poi chissà perché piace a tutte le segreterie… Di Stefano è preparato, non fa discorsi astratti, piace a chi ha la pazienza di ascoltarlo. Durante i confronti a tre Ambrosoli è sempre risultato quello più insipido, quello del compromesso, quello del “non tutto è da buttare”, quello del “non demonizzare il privato”… Scusate, ma io non lo voto, perché diciamoci la verità, di “figli di” in Italia ne abbiamo già le tasche piene.

    E se cari Civati e Cavalli aveste #DAVVERO creduto in Ambrosoli sareste stati al suo fianco negli incontri pubblici e non avreste passato un mese a dire che le primarie erano meglio senza l’aggettivo (inutile) “civiche”. Se non piace poi tanto neanche a voi figuratevi a me…

Rispondi