Lo chiamavano “Continuità”

516199_mantovani maroniRicapitoliamo, anche se è molto semplice:

in Lombardia la Lega Nord disse di essere stata costretta a “staccare la spina” a Roberto Formigoni per i troppi dubbi e le troppe contiguità del governatore e dei suoi fedelissimi nell’ambiente della sanità lombarda. Fin qui sembrerebbe anche “potabile” come azione se non fosse che quel sistema malato della sanità lombarda la Lega l’ha costruito insieme al PDL per tutti questi anni ma tant’è, magari i leghisti si sono ravveduti cammin facendo, viene da pensare.

Roberto Maroni si candida presidente della Regione Lombardia rivendicando discontinuità con il formigonismo e una svolta nella gestione della regione. Qualcuno (i più arguti e i più comunisti) gli fa notare che però la coalizione che lo sostiene ha anche il PDL: vero, dice lui, ma il candidato presidente è leghista e quindi sarà la Lega a ergersi a garante del nuovo corso.

Oggi Maroni presenta la nuova giunta regionale e si scopre che alla sanità c’è Mario Mantovani: uomo PDL, molto vicino a Paolo Berlusconi e tra l’altro fondatore della Mantovani Onlus proprietaria di quattro Residenze per anziani e di una Residenza per disabili. 

Insomma Maroni comincia la sua avventura alla guida della Lombardia svendendo subito la delega più importante al berluscones meno presentabile per il ruolo.

Buona notte, Lombardia.

 

11 Commenti

  1. Livio Tomei

    Il titolare del simbolo della Lega è tale Berlusconi Silvio e non è un caso di omonimia. Si raccomanda la lettura del libro di pinotti e Gumpel "L'unto del Signore" Bur Rizzoli.
    Dovrebbe essere distribuito ovunque allao stesso modo con cui distribuiscono crti sedicenti giornali che ricevono il contributo pubblico come già illustrato dalla Gabanelli in "Report"

  2. Giordana

    Con quello che è successo in casa della Lega , specialmente Maroni che era il braccio destro di Bossi, ha avuto un bel coraggio a presentarsi come governatore della Lombardia, ma lo cosa più incredibile sono state le persone che lo hanno votato…come possono credere alla serietà di queste persone?

    1. Oronzo Rompicazzo

      Non c'é scritto da nessuna parte che essere fondatore della Mantovani Onlus proprietaria di quattro Residenze per anziani e di una Residenza per disabili sia un'attività illecita. Queste sono pure insinuazioni Se Giulio Cavalli ha prove di illeciti, li denunci, altrimenti si dedichi alla pornografia che rende di più.

      1. mauro

        E già si va in piazza a raccontare onestà e trasparenza. Ma se chi dovrebbe controllare che tutto.sia giusto e trasparente e anche proprietario di suddetti locali il conflitto di interesse e un piccolo particolare . Non guardare i porno a lungo andare si diventa vecchi.

      2. mario

        è vero peccato che ci sia un LEGGERO conflitto di interessi ma sia lega che pdl non guardano a queste sottigliezze basta vedere il loro presidente Berlusca che guarda che strano è guarito miracolosamente dall'uveite oerò non smette di raccontare ca….te

Rispondi