Undicesimo: sopportare

000_hkg8330774

Pensavo questa mattina (la mattina penso, ogni tanto, poco dopo avere fatto colazione, alle cose più impensabili come la vita, i miei figli, i miei genitori e al mio fratello sparpagliato in giro; poi torno a scrivere e mi normalizzo), insomma questa mattina pensavo a quanto possa essere lecita la cattiveria. Se esiste una cattiveria buona giustificata dal rancore, dall’odio personale (e pure quello impersonale) e dalla convulsione delle ferite ancora aperte. Me lo chiedevo fin da piccolo, quando incontravo qualcuno (se ne incontrano, eh) che mi raccontava che per ammaestrare i cani ogni tanto serve un buon calcio ben assestato, o quelli che ritengono il dolore un passaggio curativo da propinare in fase educativa.

Me lo chiedo stamattina, e non ho dormito male e nemmeno mangiato pesante ieri sera, perché sto passando gli ultimi mesi a scavalcare situazioni che richiederanno una soluzione lunga, di quelle cose che solo il tempo riesce a spiegare con il tempo, e in molti mi dicono che sia normale. Nella vita, mi dicono, ci sono fasi in cui c’è da subire stando zitti, senza reagire, essere saggi.

E mentre mi impegno a subire con eleganza mi pare che intorno tutto si sbricioli un po’ come il sapone che s’indurisce incollandosi sul lavandino e ripenso a quella frase di Giovanni Soriano nel suo libro “Maldetti. Pensieri in soluzione acida” che dice “dietro un’apparente cattiveria può nascondersi, a volte, una persona davvero malvagia“.

Ci insegnano fin da bambini a sopportare, ad essere sempre più bravi a sopportare qualsiasi cosa e alla fine questo ‘sopportare qualsiasi cosa’ è la cosa più spaventosa, forse.

9 Commenti

  1. fiorenza venturini

    Dai Giulio , dai miei 62 anni ho accetato una cosa, che sia la vita a dare le risposte che cerchiamo ; vedrai che sarà così anche per te
    ciao Giulio

  2. L’altro giorno a un corso che sto seguendo a Milano si parlava della rabbia, di come siamo educati a soffocarla sin da piccoli perchè ci viene tramandato che la rabbia è un sentimento cattivo e non va sfogato. Così poi passi una vita a trattenere dentro e ad un certo punto questa rabbia esplode, e non si sa più nemmeno riconoscerla. Anche il sopportare, tutto continuamente, si tramuta spesso in uno schema errato, in uno schema di tutti i giorni. Si avanza in questo cammino quando qualcuno ci insegna a riconoscere i sentimenti, a starci dentro per farli poi andare via.

  3. La frase ‘porta pazienza’ mi ha sempre fatto rabbrividire. Può essere un buon insegnamento, fino a quando la sopportazione non porta alla rassegnazione. é terribile, perché annulla ogni tentativo di rompere uno schema per crearne un altro, ciò che si chiama evoluzione. Buona evoluzione a tutti.

  4. Sono contraria alla parola sopportare. Perche’ x me farlo nn significa ne vivere ne essere felici. Si vive una volta soltanto …e chi stabilisce il limite della sopportazione? Gli altri? Beh..il destino va cercato e quando arriva la felicita, la vita va goduta! Dani

Rispondi