Che pena, di morte

Seicentottantadue esecuzioni di condanne a morte. Sono quelle che Amnesty International ha registrato nel 2012 e di cui fornisce dettagli nel suo rapporto sulla pena capitale nel mondo, pubblicato questa mattina. Ma sono molte di più: ancora una volta la Cina ha tenuto segreti i propri dati sulle esecuzioni capitali.

“I governi che usano ancora la pena di morte non hanno più scuse. Non c’è più alcuna prova che indichi che la pena di morte abbia un potere deterrente speciale contro il crimine” – ha affermato Salil Shetty, segretario generale Amnesty.

“La vera ragione per l’uso della pena di morte può spesso essere trovata altrove. Nel 2012, abbiamo ancora una volta assistito con grande preoccupazione all’uso della pena di morte per quelli che sono sembrati essere scopi politici, o come misura populista o come strumento di repressione” – ha concluso Shetty.

Ogni tanto sembra di ritrovare qualche angolo in cui abbiamo lasciato una vergogna internazionale. Nell’angolo della pena di morte varrebbe la pena passarci più spesso, per pulirsi.

Rispondi