Mai con B. Firmato PD

«Pensare che dopo 20 anni di guerra civile in Italia, nasca un governo Bersani-Berlusconi non ha senso. Il governissimo come è stato fatto in Germania qui non è attuabile» (Enrico Letta, 8 aprile 2013).

«I contrasti aspri tra le forze politiche rendono non idoneo un governissimo con forze politiche tradizionali» (Enrico Letta, 29 marzo 2013).

«Non sono praticabili né credibili in nessuna forma accordi di governo fra noi e la destra berlusconiana» (Pier Luigi Bersani, 6 marzo 2013)

«Il governissimo non è la risposta ai problemi» (Pier Luigi Bersani, 13 aprile 2013).

«Il governissimo predisporrebbe il calendario di giorni peggiori» (Pierluigi Bersani, 8 aprile 2013).

«Se si pensa di ovviare con maggioranze dove io dovrei stare con Berlusconi, si sbagliano. Nel caso io, e penso anche il Pd, ci riposiamo» (Pierluigi Bersani, 2 ottobre 2012).

«In Italia non è possibile che, neppure in una situazione d’emergenza, le maggiori forze politiche del centrosinistra e del centrodestra formino un governo insieme» (Massimo D’Alema, 8 marzo 2013).

«Il Pd è unito su una proposta chiara. Noi diciamo no a ipotesi di governissimi con la destra» (Anna Finocchiaro, 5 marzo 2013).

«Fare cose non comprensibili dagli elettori non sono utili né per l’Italia né per gli italiani. Non mi pare questa la strada». (Beppe Fioroni, 25 marzo 2013).

«Non si può riproporre qui una grande coalizione come in Germania. Non ci sono le condizioni per avere in uno stesso governo Bersani, Letta, Berlusconi e Alfano» (Dario Franceschini, 23 aprile 2013).

«Sono contrario a un governo Pd-Pdl» (Andrea Orlando, 22 aprile 2013).

«Abbiamo sempre escluso le larghe intese e le ipotesi di governissimo» (Rosy Bindi, 21 aprile 2013).

«Serve un governo del cambiamento che possa dare risposta ai grandi problemi dell’Italia. Nessun governissimo Pd-Pdl» (Roberto Speranza, 8 aprile 2013).

«Non dobbiamo avere paura di confrontarci con gli altri, ma non significa fare un governo con ministri del Pd e del Pdl. La prospettiva non è una formula politicista come il governissimo, è quel governo di cambiamento di cui l’Italia ha bisogno» (Roberto Speranza, 7 aprile 2013).

«L’alternativa non può essere o voto anticipato o alleanza stretta tra Pd e Pdl» (Roberto Speranza, 7 aprile 2013).

«Lo dico con anticipo, io un’alleanza con Berlusconi non la voto» (Emanuele Fiano, 28 febbraio 2013).

«I nostri elettori non capirebbero un accordo con Berlusconi» (Ivan Scalfarotto, 28 febbraio).

«Non c’è nessun inciucio: se questa elezione fosse il preludio per un governissimo io non ci sto e non ci starebbe neanche il Pd» (Cesare Damiano, 18 aprile 2013).

«Serve un governo di cambiamento vero ed è impensabile farlo con chi in questi anni ha sempre dimostrato di avere idee opposte alle nostre» (Fausto Raciti, 14 aprile 2013).

«Un governo Pd-Pdl è inimmaginabile» (Matteo Orfini, 27 marzo 2013).

13 Commenti

  1. antonio sarassi

    Stanno uccidendo le idee , il concetto di sinistra e di destra e i valori ad essi tradizionalmente collegati. Se i 2 poli governano insieme , uno dei due perderà la propria “costituzione vivente” e cioè il nucleo che lo caratterizza , deludendo ed annullando il voto degli elettori. Inoltre (piu’ banalmente )se il governo è una nave , se dei due timonieri uno vuole andare a destra e l’altro a sinistra, è verosimile che l’imbarcazione andrà a fondo o comunque non andrà lontano.
    Una sola domanda : perchè la gente non protesta? perchè le manifestazioini in Italia si fanno solo per rinnovare i contratti ?

  2. giordana

    Sono completamente d’accordo con tutti i commenti, in particolare con il consiglio di fare un manifesto con le frasi dette dai vari esponenti del PD (Partito Deludente) e farle commentare…ma non permettendo loro di dire : era l’unica strada possibile. Mi sembra troppo di comodo e non rispettoso delle idee di base del Partito.

  3. mario lupi

    il popolo che ha memoria è quello che da questi signori non viene ascoltato. bisognerebbe fare dei manifesti con tutte queste frasi e poi affiggerle su ogni sede del pd tanto x rinfrescargli la memoria . cosi poi sentiamo il xchè hanno cambiato idea LORO NON GLI ELETTORI!!!!!!!

  4. Il problema non è Berlusconi, è che Berlusconi ha parecchi milioni di elettori indefessi.
    Scegliete voi la soluzione:
    1. sterminarli in una guerra civile;
    2. mettersi ad un tavolino e trovare un accordo civile.

    Un’altra soluzione non c’è.

Rispondi