Fermi tutti: a Bologna ha perso la scuola pubblica e non ce ne siamo accorti

“I dati sull’affluenza – è il commento del deputato Pd Edoardo Patriarca – dimostrano che ha votato una minoranza. Si è trattato di una battaglia ideologica che non interessa la gran parte dei cittadini. I bolognesi hanno capito che la sussidiarietà è la chiave di volta laddove lo Stato non riesce ad arrivare”.

(senza commento)

11 Commenti

  1. Anche nel PD, purtroppo, ci sono soggetti che hanno uno strano concetto della Democrazia. Personalmente ho simpatia per vita vissuta per certa Scuola Privata, ben organizzata e finalizzata. Avrei piacere che la Scuola Pubblica fosse in grado di assicurare tutto ciò di cui la nostra gioventù avrebbe bisogno, spesso così non è. Ma tutto ciò nulla c’entra con una consultazione popolare che si è svolta democraticamente, chi aveva interesse ha manifestato votando il proprio punto di vista e quindi il risultato emerso merita totale rispetto. Con l’interesse che oggi riescono a captare le vicende pubbliche, collettive, è già un buon risultato che abbiano votato coloro che si trovavano direttamente coinvolti: genitori di figli in età scolare, insegnanti, etc. Credo che anziani, altri soggetti… per i quali la Scuola non è argomento d’interesse sarebbero potuti intervenire al voto solo spinti da motivazioni diverse (ideologiche?) che evidentemente però o non c’erano o non sono state tali da coinvolgerli.

  2. Ha perso perché la scuola pubblica non riesce a garantire un servizio necessario e nemmeno sufficiente:chi ha figli che starebbero in liste di attesa è evidente che, al di la, Dell,ideologia più, o meno favorevole, desidera avere conto del soddisfacimento di un.bisogno

Rispondi