Indignati tutte le mattine, mi raccomando.

Non ho un buon rapporto con l’abuso di indignazione anche se mi capita di usarla (in teatro o in scrittura o in politica) per fare leva sull’ascolto più attento e aperto ma l’abuso, no, proprio no. Mi sembra che quando l’indignazione diventa diffusa e permanente ci sia una sorta di annacquamento flaccido e stancante. Per questo valgono le parole di Manuel Peruzzo per Gli Altri, quando dice:

La sinistra vuole nobilitare l’incazzatura. La destra, per imitazione e complesso d’inferiorità, vuole incazzarsi nobilmente.

Ecco, mi manca svegliarmi per un progetto. Che sarebbe infinitamente meglio. No?

4 Risposte a “Indignati tutte le mattine, mi raccomando.”

  1. laura mannucci dice: Rispondi

    caro Giulio, ultimamente mi indigno troppo e malvolentieri……
    da quando sono “emigrata” in terra nibelunga mi capita di pensare spesso “ma cosa diavolo stanno combinando laggiu´?”
    ho la fortuna di rientrare a Milano ogni 2/3 settimane per pochi gg e la sensazione + diffusa e´quella di disagio e di voglia di ritornare qui…..
    che tristezza :-((((((((((

  2. il progetto, Giulio, è vivere, amare e sperare di essere capiti e amati… vivi, godi della vita che è il dono più grande che ci sia stato regalato e ama, ama tutto e tutti…. ciao

  3. Grazie. gentile Giulio cavalli. Ancora una volta hai interpretato il mio pensiero!

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.