Governo sull’orlo di una crisi di servi

Alla fine quelli del PDL anche oggi urlano di voler fare cadere il Governo. E non lo faranno perché non sono ancora abbastanza forti per presentarsi alle elezioni e perché il semestre europeo bisogna completarlo per non perdere la faccia. Ma ancora una volta oggi gli interessi di uno tengono in bilico tutto il resto scrivendo un’agenda delle priorità che è disgustosa e indegna per una democrazia reale. Ancora una volta oggi dobbiamo constatare che le “larghe intese” sono state semplicemente la legittimazione di un politico che senza questo centrosinistra sarebbe già finito. So che alla fine sono sempre gli stessi discorsi, so che alla fine siamo sempre gli stessi (e in tanti) ad essere d’accordo su questo ma non possiamo esimerci dal valutare quanto sia impossibile parlare di politica in senso più ampio e compiuto. Alla fine tocca essere d’accordo con Renzi quando dice che questo è il tempo dell’immobilismo.

Sarà così ancora a lungo. E quando non sarà così vorrà dire che Berlusconi e Forza Italia saranno abbastanza forti per non essere battibili. E’ un capolavoro di idiozia politica, davvero.

11 Commenti

  1. mery

    magari si dimettessero davvero,magari Napolitano veramente varasse un governo di scopo x la legge elettorale e legge di stabilità poi tutti a votare,magari Grillo lasciasse liberi x poco i suoi per permettere questo dimostrando che è più responsabile di Berlusconi e i suoi servi….

  2. mario lupi

    non è solo l’interesse di uno B ma di tutta la corte dei miracolati che lo segue/e sono tanti)quindi se lui cade tutti i leccapiedi spariscono. direi che se succedesse magari torniamo ad essere un paese NORMALE

Rispondi