Un sacco di cagate

E a volte rifiutano quello che scrivo, e dicono: “Non va per niente bene, Bukowski!”, e hanno ragione: scrivo un sacco di cagate. Quasi intenzionalmente scrivo un sacco di cagate, per tirare avanti, e la maggior parte delle cose che scrivo non va, ma mi mantiene in esercizio.

[Charles Bukowski, Il sole bacia i belli, a cura di David Stephen Calonne, traduzione di Serena Viciani, Milano, Feltrinelli 2014, p. 54]

Rispondi