Il Grande Autore

A tutti noi è capitato di stare in Aula Magna ad ascoltare Il Grande Autore. Poi, quando si cresce, il rischio di diventare Il Grande Autore anche nelle piccole cose è talmente reale che conviene vaccinarsi quotidianamente leggendo Utili Post, come questo di Galatea:

Il Grande Autore, quando entra nella sala, ha il sorriso condiscendente di un Dio in visita, che s’è materializzato per sfizio e ora osserva con bonomia quello strano, divertente caos che sono in grado di fare i mortali. L’Aula Magna è strapiena di ragazzini, seduti dove capita, perché le Aule magne sono state fatte negli anni in cui le classi tenevano sì e no venti alunni, e adesso ce ne sono quasi trenta per ognuna, moltiplicati per lo stesso numero di classi e anche di più: per cui i posti a sedere sono pochi, ci si litiga le sedie, e le insegnanti, in piedi, devono fare da vigili urbani, smistando qui e là i fanciullini, facendoli accoccolare per terra, e controllando nel frattempo la disposizione, per evitare accrocchi di bulli o di ochette.

Sono stremate, le insegnanti, perché è da due settimane che a scuola non si parla d’altro di questo incontro con Lui, che, a dir la verità, nessuna di loro voleva, perché i suoi romanzi, saggi e raccolti sono indigeribili persino per gli adulti, figuriamoci se possono essere fatti leggere ai ragazzi: ma c’è sempre un genitore che conosce un grande autore e si offre di invitarlo, e se gli si dice di no è capace di fare fuoco e fiamme, sbraitando che la scuola perde occasioni meravigliose, i docenti sono citrulli, il Preside insensibile.

Una risposta a “Il Grande Autore”

  1. Senza alcun desiderio di attaccarlo solo per il gusto di farlo, ma da qualche tempo proprio Saviano mi fa quest’impressione.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.