Le dimissioni alternate del PD

BsCRmiNIYAATsC1.jpg-large

 

La foto è presa da qui. (Credo).

28 Commenti

  1. il partito delle ‘alternative’.delle contraddizioni.dei compromessi.delle complicità illecite.della ipocrisia.partito forse troppo contaminato dalla corruzione.forse a sua insaputa…Errani ha fatto quello che ogni politico condannato dovrebbe fare: lasciare la poltrona.lasciare la politica..

  2. cutolo vincenzo

    Penati fu da Bersani improvvisamente fatto passare dalla presidenza della provincia di Milano al prestigiosissimo ruolo di portavoce/bracciodestro del segretario. Sappiamo tutti in quale melma Penati abbia poi fatto cadere il Pd.
    Oggi Bersani, ancorché ci sia per Errani una sentenza di condanna di secondo grado, lo difende e gli suggerisce addirittura di ritirare le dimissioni …
    Non parliamo dell’ex sindaco di Venezia, che dopo aver fatto il “raccoglitore di tangenti per il partito”, pretende che noi confidiamo nella sua “buona fede” …
    Ma basta con le vecchie logiche di copertura senza se e senza ma! Io sto votando il PD nella speranza che tutti i vecchi, logori riti vengano eliminati. Che si “costruisca” (finalmente!) un elettorato civile, consapevole, correttamente informato anche degli errori e dei guasti …

  3. Giulio ma di cosa ti meravigli? La vera differenza tra Orsoni ed Errani è che il secondo è dal 1999 a guardia di un sistema, se salta Errani salta il banco e in E-R è tana libera tutti. Crolla un sistema in piedi da 15
    anni, non so se mi spiego. E così all’improvviso, senza che il Pd abbia avuto modo di organizzarsi e correre ai ripari, solo per questo cinico motivo chiedono il ritiro delle dimissioni.

  4. Le diffferenze sono notevoli…il primo non solo ha patteggiato ma il Giudice ha anche rifiutato il patteggiamento. E non voleva dimettersi. Il secondo era stato assolto al processo ed ora condannato in appello….quindi a me una sentenza simile non da alcuna certezza ed in ogni caso apprezzo le dimissioni

    1. Presumo la risposta: è stato condannato solo un anno, qualcosa del genere. Eppure conoscendo il processo basterebbe sapere che la condanna di “falso ideologico” riguarda una lettera in cui Errani assicurava che tutte le procedure che riguardavano una cooperativa fossero in ordine e quella cooperativa sia del fratello. Eticamente non vedo differenze con altri accorpamenti familistici o di interesse.

Rispondi