Quotidiani intelligenti

image

Che razza di pubblicitario è, quello che rivendica un’anima civile? Che creatura assurda, ridicola è mai? Può forse esisterne uno che si appassioni al giusto e all’ingiusto, che si immerga nei conflitti, che dissentendo dai correnti modelli di comunicazione cerchi di coltivarne altri?

Un’ostilità proveniente dalle fondamenta, che oggi fa guardare a quegli articoli come all’autentico epicentro del ventennio berlusconiano, la più plastica espressione di una cultura. In fondo, furono il b side degli attacchi a Biagi e agli altri dissenzienti mediatici nel 2002. Quello era stato fattuale, perché ognuno si adeguasse. Questo era culturale, a presidio del proprio nucleo fondante: la comunicazione come contrasto al vero.

In questa loro dimensione senza uscita, vivere nel libero mercato vuol dire sposarne ogni perversità, rinunciare a ogni pretesa di giustizia, al senso stesso del riformismo. All’opposto, Enzo Baldoni, con modi forse impraticabili per la maggioranza di noi, incarnava una figura di creativo “industriale”, novecentesco, fatta di pura attitudine. Ricercatore empirico di nessi, divertito e coinvolto, venne attaccato da quelle parole mentre dava al suo mestiere il connotato più bello, che è la curiosità del mondo.

A proposito di muscolo della curiosità e del muscolosissimo Enzo Baldoni.
(L’articolo intero è qui.)

Un commento

Rispondi