Abbiamo comunque il dovere della profondità di fronte alle interiora offerte da Salvini

Credo che il NO a Salvini in 140 caratteri o come status su facebook serva molto poco. Sono convinto che serva profondità: profondità di analisi, di ragionamento e profonda umanità. Il perché ho provato a spiegarlo qui.

22 Risposte a “Abbiamo comunque il dovere della profondità di fronte alle interiora offerte da Salvini”

  1. Caro Giulio, ti seguo giornalmente, perchè ti ammiro molto per il coraggio che hai a combattere la mafia, però circa il problema dell’immigrazione sono d’accordo con Salvini e quindi “….non ho le basi etiche, morali e giuridiche per essere un cittadino di un Paese moderno….” Pongo allora alcune domande: 1) ieri Piero Angela su Quark diceva che il temuto boom demografico mondiale non ci sarà perchè, contrariamente alle previsioni, in tutti i paesi del mondo, anche quelli emergenti, è in corso una riduzione dell’incremento demografico, ad eccezione dell’Africa la quale, cito a memoria, già a metà di questo secolo passerà da un miliardo attuale a quattro miliardi di abitanti. Domanda: quanti ne potremo ospitare ancora? 2) Anche i Sigg.Bleir, Ollande e quasi tutti i premier dell’Europa non hanno le basi etiche, morali e giuridiche ? 3) Salvini parla alla “pancia del Paese” a scopo elettorale, si faccia allora un referendum per scoprire quanti siamo in Italia senza basi etiche, morali e giuridiche.

  2. Dopo il PD arrivera’ la Lega…piaccia o no…Renzi ci ha messo parecchio di suo.

  3. Salvini si estingue ignorandolo ……invece pur di apparire tutti ne parlano compreso te Cavalli

  4. Come ho già detto in precedenti post, chi usa l’insulto per argomentare significa che non ha argomenti sufficienti. limitarsi a descrivere Salvini e chi lo vota come una sorta di maiali che sguazzano nel liquame dell’intolleranza finge di non capire la reale situazione, l’invasione chiaramente anomala che stiamo vivendo non può essere accettata come inevitabile, altrimenti saremo inevitabilmente destinati alla fine della nostra civiltà…. se questo va bene al sig. Cavalli, è una sua scelta, ma non è assolutamente la mia. Chiedo scusa se ho un’opinione diversa, ma per quanto continuerete ad insultarmi, continuerò ad esercitare il mio diritto.

  5. Chiunque , di media intelligenza , sa bene che Salvini è il furbone di turno della politica (politica?)italiana che con qualche discorso alla pancia del popolo e numerose apparizioni in trasmissioni tv( compiacenti per lo spettacolo che offre)sta cercando di conquistare il suo posto(ben retribuito e colmo di privilegi)nella tanto odiata RomaLadrona.Adesso si , è vero, si sono d’accordo dovremmo essere ancor più intelligenti da rispondere con ironia , sarcasmo e profondità d’animo ai suoi tristi e banali discorsi ,ma spesso tutta questa “intelligenza” tutta questa profondità d’animo non viene nè capita nè apprezzata perchè , signor Cavalli, chi è d’accordo con Salvini è più che ammaestrato da un ” piazzista travestito da politico” che decanta la sua rabbia e non solo non ha “le basi etiche, morali e giuridiche per essere un cittadino” non di un paese moderno ma non le ha nemmeno per far parte di qualsiasi paese civile.

  6. Ciao Giulio, concordo in parte con il tuo scritto, anche se penso tra le righe, è il mio modesto parere, fai emergere un realtà inconfutabile. Il mio riferimento è al ruolo de politico, nella sua essenza. Il politico, ha il compito di coniugare, in modo equo, degli interessi contrapposti, come fra il datore di lavore e il dipendente, le legittime aspettative di sicurezza con il flusso di emigranti nel nostro paese. Come avere un indirizzo politico ed economico che non dia deleterio per i cittadini, vedi l’Ilva di Taranto. Come strupare dei luoghi bellissimi, come la Val di Susa, per farci un buco inutile e costoso per la cittadinanza. Sono talmente impreparati da farsi bocciare la legge elettorale, la indicizzazione delle pensioni, il blocco degli stipendi, tutte leggi incostituzionali, dichiarati tali dalla consulta. Avere dei politici che non hanno amore per la costituzione, anzi, inconsapevolmente la violano, sono d

    1. Stanco di questa accozzaglia di affaristi corrotti, impresentabile, e non ultimo, dei ciucci in ambito giuridico. Basta, basta, basta, tocca agli elettori fare piazza pulita di questa gentaglia.

  7. La tv ha grosse responsabilità. Ditelo hanno creato un,mostro. Che spara cazzate.

  8. Io non ne posso più. Non,so voi questi twett senza sostanza. Sparati a raffica, senza pausa. Un mischiare tutto come il polverone delle polente. Uff stancano. I commenti

  9. Sono molto contenta di averti letto. Cari saluti

  10. ottimo. nel nostro Paese c’è una tendenza atavica a liquidare l’avversario e le sue ragioni, o pseudo ragioni, con battute e slogan banali. invece la ragione e il ragionamento vanno usati sempre e con chiunque.

  11. Sono d’accordo sulla profondità. Per esempio richiuderlo in una cantina.

  12. Giusto.
    Alle interiora si risponde con l’anima.

  13. Bravo Francesco,anche gli africani vorrebbero secondo me che le varie multinazionali se ne vadano a casa loro, invece che rimanere a sfruttare le risorse di quel continente

  14. Faccio un esempio… Cosa rispondere al suo slogan “ruspa”? Che la ruspa senza benzina non funziona. E la nostra benzina viene anche dal petrolio che l’italiana Eni depreda ai Nigeriani, inquinando l’ambiente e costringendoli alla fuga ed all’asilo. La ruspa contro i migranti senza la benzina che deprediamo ai migranti non parte, non funziona.
    Ridicolizzare con l’ironia un vuoto slogan.

    1. Ti ricordo solo due cose
      1 le ruspe erano per i campi ROM, e non prendiamo nulla da loro
      2 anche negli gli stati africani clandestino è reato

  15. Sono d’accordo con quanto scritto. Non si può smontare con argomenti logici un “non argmento” o una banalità (a proposito di banalità mi viene in mente la Arendt e la sua banalità del male). Si rischia di scendere sul terreno dell’illogico e di perdere. Secondo me Salvini si combatte con l’ironia e con lo smontare quanto dice ridicolizzandolo.

  16. Sono d’accordo con quanto scritto. Non si può smontare con argomenti logici un “non argmento” o una banalità (a proposito di banalità mi viene in mente la Arendt e la sua banalità del male). Si rischia di scendere sul terreno dell’illogico e di perdere. Secondo me Salvini si combatte con l’ironia e con lo smontare quanto dice ridicolizzandolo.

  17. Complimenti, finalmente leggo qualcosa di “profondo”.

  18. Complimenti, finalmente leggo qualcosa di “profondo”.

  19. Vile? Sì, ma tanto! —> ‘Sto maiale in TV —> matteo salvini —> Voti st’animale? —> Via smettila, no?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.