Vai al contenuto

Lo schivo Tronca è sbarcato a Roma

tronca-roma

Ha salutato con postura presidenziale e si è incurvato davanti al Papa.

Doveva essere la nuova politica, il cambio di verso e invece sembra un affresco di Giovannino Guareschi.

51 commenti su “Lo schivo Tronca è sbarcato a Roma”

    1. certo , saranno state ragioni sicuramente diverse , e non penso migliori. Te lo dico da non cattolico, ma penso semplicemente che ci sia un cerimoniale da rispettare in questi casi , e comunque leggere sottomissione in quello che magari è semplicimente un segno di rispetto o devozione religiosa mi sembra un attimo pregiudiziale.

    2. non metto in discussioni le buone intenzioni personali di rispetto e devozione, ma appunto erano e dovevano rimanere personali. Quello era un incontro istituzionale tra il Rappresentante della Città di Roma e il Romano Pontefice, pari tra loro. Altra cosa è il rapporto fedele – papa …

    3. che poi magari Tronca è un fervente cattolico , è stato praticamente catapultato a Roma a un mese dall inizio del Giubileo e incontra la persona a capo della chiesa … mica c’era d’aspettarsi una pacca sulla spalla “a Fra’ tranquillo che ja famo” … si appunto stiamo sul pezzo Giulia Gervasoni ;-)

    4. bah io sono anticlericale e giudico porcherie moltissime cose passate , presenti e future fatte dalla chiesa , ma non mi sognerei mai di impedire a un credente di qualsiasi religione di manifestare la sua fede , che poi anche Marino si inchino con tanto di fascia tricolore . Magari a sto punto diamo anche un goniometro in dotazione . oh a me che si imposti una polemica politica sulla portata di un inchino fa sorridere . Magari aspettare qualche mossa più significativa sarebbe utile.

    5. La Fede si manifesta a casa propria o nella opportuna chiesa/moschea/sinagoga/ecc. Non siamo qui ad impedire niente a nessuno se fatto a titolo personale. In veste di commissario con fascia tricolore non è accettabile. In quel momento lui rappresenta la città di Roma, non se stesso.
      Questo è un punto fondamentale, sul quale i non cattolici sono stati sempre troppo indulgenti. Facciamo che è il caso di dire basta?
      Già mi fumano per l’8 ‰, vogliamo sempre chiudere un occhio? O tutti e due?
      Mi pare che loro gli occhi (e pure la bocca, stessero zitti), li tengono ben aperti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.