Regeni lo torturano anche da morto

Schermata 2016-04-20 alle 22.07.19

Caso Regeni, il verdiniano Barani: “Depistaggio. Al Sisi estraneo. Lo dimostra il ritrovamento del cadavere”

Intervista all’emittente Sada El-Balad del verdiniano Lucio Barani sul caso Regeni. Il parlamentare assolve l’Egitto di Al Sisi e accusa i non meglio precisati “servizi segreti deviati” al soldo “di qualche potenza straniera” di un fantomatico complotto. Il motivo della congiura? “Far naufragare i rapporti fra Italia ed Egitto” in modo di sostituire  Roma come partner economico privilegiato del Cairo. Barani dice di avere anche la prova del nove, quella che dimostra la completa estraneità del governo Al Sisi: “Il ritrovamento del cadavere del giovane ricercatore che è stato buttato in mezzo ai rapporti fra i due paesi”. A nome di chi parla il senatore che il giorno prima si è definito pretoriano di Renzi? “A nome di un importante gruppo parlamentare determinante per la maggioranza di governo”. E ora che si ritaglia pure il ruolo di pontiere nella crisi fra i due paesi si schiera con l’Egitto contraddicendo la linea del governo italiano. Arrivando fino a giustificare la reticenza di fornire materiale investigativo ai pm italiani

(fonte)


Also published on Medium.

6 Risposte a “Regeni lo torturano anche da morto”

  1. garantismo sciagurato, che vergogna!

  2. Cominciamo a riscrivere la storia di una vicenda di cui sappiamo tutti la verità, ma non la vedremo mai resa pubblica ed ufficiale

  3. Mi piacerebbe capire a che titolo parla, cosa ne sappia ed in che modo lo avrebbe saputo. Oppure è solo un tipico metodo politico per dire, forse non conto nulla,ma non fate i furbi che il mio appoggio vi serve?

  4. L’analisi del cui prodest, la considerazione che i servizi segreti egiziani se responsabili avrebbero potuto far sparire il corpo invece di darlo in pasto ai media, inducono a non escludere che altri servizi segreti esteti abbiano potuto agire. Tali considerazioni prescindono dall’appartenenza all’area verdiniana.

  5. Platone era sistematicamente avverso alla democrazia. Ci vedeva la rinuncia programmatica al principio di valenza della competenza.

    Effettivamente simili zucche vuote sono seconde solo a chi le ha votate.

  6. Aspettando la verità sulla morte di Regeni, mi piacerebbe sapere di preciso che lavoro svolgeva in Egitto, si dice ricercatore per conto di un’università inglese.

Lascia un commento