Turchia: chiesto l’ergastolo per la scrittrice Asli Erdogan

Tra 15 giorni sapremo se la scrittrice turca Asli Erdogan (non è parente del presidente) sarà condannata all’ergastolo insieme alla linguista Necmiye Alpay e ad altri sette giornalisti ed editori del quotidiano filo curdo Ozgur Gundem, considerato da Ankara la voce della propaganda del partito curdo dei lavoratori (Pkk). In carcere dal 20 agosto Asli è accusata di far parte del Pkk, e di avere utilizzato il quotidiano a fini sovversivi, pubblicando immagini e interviste ai terroristi, ponendo in essere propaganda a favore del terrorismo curdo con l’obiettivo di minare l’integrità e l’ordine economico, giuridico e sociale del Paese.

La scrittrice, in passato, ha lavorato come fisica al Cern ed è tornata in Turchia nel 1996 per dedicarsi ai suoi libri e al giornalismo. Dopo l’arresto aveva fatto giungere notizie terribili sulla sua detenzione.

“Mi trattano in un modo che lascerà danni permanenti sul mio corpo – si legge nella lettera pubblicata sul Daily Cumhuriyet -. Il mio pancreas e il mio sistema digestivo non funzionano come dovrebbero ma non mi viene data la medicina di cui ho bisogno. Sono diabetica e necessito di una nutrizione speciale, eppure qui posso mangiare solo yogurth. Soffro di asma e non mi viene concessa l’ora d’aria”.

In solidarietà con la scrittrice alla fine di settembre alcune librerie italiane hanno aderito all’iniziativa “Scrittura libera”, patrocinata dall’Associazione librai italiani, per leggere brani tratti dal suo solo libro tradotto in italiano due anni fa da Keller: Il mandarino meraviglioso.

Il 19 ottobre, al primo giorno della Fiera di Francoforte, il direttore degli Editori e dell’Associazione dei Librai tedeschi, Heinrich Riethmüller, aveva letto una lettera di Asli Erdogan, che gli era stata recapitata.

“Dietro pietre, cemento e filo spinato – come da un pozzo – vi chiamo: qui, nel mio paese, si lascia avvilire la coscienza con un’inimmaginabile brutalità. Si cerca di uccidere la verità, la coscienza viene calpestata con una brutalità incredibile” si leggeva nel testo.

Secondo l’ultima stima dell’osservatorio indipendente P24, sono 144 i giornalisti al momento in prigione in Turchia. Almeno 168 media sono poi stati chiusi dopo il tentato putsch. Tra questi, il quotidiano filo-curdo Ozgur Gundem.

(fonte)


Also published on Medium.

14 Risposte a “Turchia: chiesto l’ergastolo per la scrittrice Asli Erdogan”

  1. Nessuna memoria a Bisanzio di quando gli imperatori bizantini si consideravano sempre imperatori romani e successori dei cesari e dunque eredi della Roma Antica.?
    Che ne è della cultura bizantina, innesto tra cultura romana e cristianesimo ?Che ne è di questo legame? Costantinopoli era un importante centro politico, economico, militare e culturale dell’Impero bizantino. Costantinopoli era la nuova Roma, la sua struttura urbanistica fu costruita sul modella dell’Antica Roma e fu da subito abbellita con sontuose costruzioni, monumenti artistici e chiese….

  2. Presidente putin turco erdogan : v

  3. erdogan fa schifo e renzi lo accoglie a braccia aperte

  4. “Erdogan è un alleato affidabile” cit.

    1. A welcome step in the right direction, if national and suao-btinnal governments can get their act together and implement this proposed agenda. It isn't like autism knows any borders.

  5. schifoso dittatore Erdogan che noi europei sosteniamo con la scusa che fa da barriera all invasione degli immigrati …

  6. Queste cose indignano le coscienze dei veri democratici facendoli sentire impotenti, ma non si può fare a meno di pensare che, mentre nel mondo avvengono questi drammi, in Italia c’è gente che dice o scrive che da noi è come in Turchia.

    1. Chi vota Sì in un certo senso spera di avere un’Italia “libera” quanto la Turchia.

    2. Più che altro abbiamo un governo e una UE ben felici di lasciare migliaia di profughi in uno stato dittatoriale che non tutela i diritti umani nemneno dei propri cittadini.

    3. Germaine, la tua scemenza l’hai detta grazie. Col si la nostra democrazia non verrà assolutamente indebolita, se credi alle bufale,usa il loro latte per farti una bella margherita, nel senso di pizza.

    4. Come non ne sarà indebolita? Intanto, che la modifica me la proponga un governo senza Costituente, parte di un parlamento incostituzionale e che tutti giochino nelle maglie larghe della sentenza della Corte per dire che, nonostante ciò, si può fare tutto, è il primo vulnus. Il fatto che i cittadini il senato non lo voteranno più, scusate se è poco, il secondo. Che le autonomie regionali non vengano toccate dalla riforma, mentre si accentra verso il governo per le ordinarie, il terzo. Che ci saranno date di elezioni differenziate tra camera e senato il quarto. Che il senato abbia ancora a disquisire senza più essere eletto dai cittadini di materie concorrenti come la Costituzione e I trattati europei, il quinto. Taccio per carità di patria i passaggi dell’art.50 rispetto alla vecchia costituzione e le chiedo, in cambio di questa porcheria, i vantaggi per gli italiani, dove sono?

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.