Ma l’indignazione (giusta) per le donne dell’est dov’è finita con Dell’Utri in prima serata?

Ma tutte le voci contro Paola Perego (e i suoi autori) per quell’abominevole slide di luoghi comuni sulle donne dell’Est dove sono finite oggi dopo una delirante intervista che Sky Tg24 ha concesso a Marcello Dell’Utri (amico di mafiosi per conto terzi) permettendogli di infilare una serie di castronerie già smentite da un regolare processo e dalla Storia?

Abbiamo sopportato il figlio di Riina che ha incensato cotanto padre da un imbarazzante Bruno Vespa che si fingeva imbarazzato, un capo di governo che per anni ha attaccato i magistrati a reti unificate, un ministro che ci consigliava di “convivere” con la mafia, sindaci che ne negavano l’esistenza e tutta una serie di inesattezze, superficialità e false litanie.

Ora, di nuovo, torna Dell’Utri che dichiara impunemente: “Che io sia qui per un fatto politico mi pare che sia nelle cose. Non ho niente da spiegare, ho già detto tutto in lunghissimi interrogatori ai giudici, spiegato quale era il mio contatto con la mafia. Aver conosciuto Vittorio Mangano che poi fu fattore ad Arcore è stata la base dell’accusa per cui mi hanno ristretto qui, ma non ho niente da spiegare. È una guerra politica, non mi sento neanche un capro espiatorio. L’unico rammarico è che il processo è durato tanto, per cui sono qui in tarda età. Se fossi stato qui in età minore avrei superato meglio la detenzione”.

Ma niente sdegno stavolta. L’antimafia non è pop. I mafiosi, invece, terribilmente sì.

(per chi volesse farsi un’idea sulle mistificazioni di Marcello Dell’Utri abbiamo un libricino scritto apposta, lo trovate qui)


Also published on Medium.

20 Risposte a “Ma l’indignazione (giusta) per le donne dell’est dov’è finita con Dell’Utri in prima serata?”

  1. Condivido pienamente. Indignazione a semaforo alternato.

  2. Come (tentare di) sdoganare un criminale.

  3. Non è che tutti abbiano sky, eh, io ce l’ho, ma appena ho visto la faccia del mafioso, che diceva come era stato bene in cella, dove venivano sempre a trovare altri politici e preti amici suoi, ho cambiato subito.

  4. Però ha avuto almeno la decenza di togliersi la coppola per l’intervista…:-)

  5. io sono allibita!!!ma che mondo di m.stiamo vivendo?intervistare Dell’Utri. Ma una robba da pazzi,io non credo neppure che questo sia in prigione,e poi a che dopo dare ancora tanta importanza ad un tipo cosi poco raccomandabile !!!!

  6. Sky non é tv pubblica.

  7. In questo caso, per indignarsi, o anche solo per partecipare alla conversazione, bisognerebbe conoscere un minimo di fatti e, si sa, di politica oramai non si interessa nessuno. E’ il gossip che funziona sempre.

  8. Non è tanto ciò che dice (o non dice, ma piuttosto il fatto che un detenuto per mafia, possa rilasciare un’intervista. Per come la vedo io, gli autori sono suoi complici.

  9. Ho visto l’ intervista, se quello può definirsi un carcerato provato dalla detenzione, allora non ho ben capito cosa sia la detenzione. Sarà dentro, ma sarà ancora ben protetto…

  10. Quando è andata in onda?

  11. Se fai domande devi anche incalzare su risposte fasulle!!

  12. Questo signore sa cose e può muovere leve che la Perego nemmeno immagina.

  13. Mi sfugge qualcosa….questo signore, tuttora detenuto, o sbaglio ?, può rilasciare un’intervista ?

  14. Probabilmente ricevono molti soldi per queste interviste impresentabili tutto si compra e tutti si vendono.

  15. http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/09/13/alessandra-moretti-e-il-gemello-di-dellutri-fotografati-a-cena-insieme-e-nessuno-rivela-gli-altri-invitati/2031269/ magari il cronista poteva chiedergli cosa ci facesse suo fratello gemello a cena con Alessandra Moretti e come mai gli altri commensali sono rimasti rigorosamente top secret…

  16. Condivido in pieno Giulio, Dell’Utri sa bene per cosa è condannato , speriamo se lo ricordino anche gli altri. Un’intervista imbarazzante, Sky l’ha fatta grossa.

Lascia un commento