Onorevoli colleghi!

«ONOREVOLI COLLEGHI ! — La rete internet è da sempre considerata l’ultimo baluardo delle libertà di pensiero, espressione e opi- nione, dato che per sua stessa natura è aperta a chiunque e non prevede partico- lari formalità nell’accesso o nella fruizione dei servizi. Tuttavia la rete internet, alla pari della maggior parte delle invenzioni e degli strumenti tecnologici, può essere utilizzata in modo produttivo o distruttivo.

[…]

L’era digitale ha difatti cambiato anche il senso del dimenticare, disegnando un mondo in cui ogni informazione è sempre attuale, sempre accessibile e sempre disponibile.

[…]

L’obiettivo della disposizione è quello di regolamentare la rete internet e ottenere, di conseguenza, una forma « civilizzata » di spazio telematico.»

 

Quando vi viene in mente di controllare l’educazione digitale dei nostri parlamentari vi imbattete in cose così:

Introduzione del divieto dell’uso anonimo della rete internet e disposizioni in materia di tutela del diritto all’oblio. Lo trovate qui.


Also published on Medium.

3 Risposte a “Onorevoli colleghi!”

  1. Cosa c’è che non va? La forma o la sostanza?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.