Restare umani e solidali, anche nel lavoro

La vicenda arriva da Prato dall’azienda Biancalani attiva nel settore meccanotessile dal 1957, anno in cui Fiorenzo Biancalani la fondò partendo dal nulla. È una di quelle storie di imprenditoria italiana che ha tutti gli ingredienti, positivi e negativi, di questi anni: c’è l’idea vincente originale, c’è il passaggio di consegne ai figli e poi ai figli dei figli, c’è il periodo di crisi (che in questo caso arriva nel 2008 e coinvolge più o meno tutto il settore), c’è l’export (la Biancalani esporta circa l’80% della sua produzione) e poi l’innovazione continua per rimanere forti sul mercato.

Mancano però, in questa storia, due ingredienti deleteri di cui si sente troppo spesso in giro: qui infatti non ci sono furbi giochetti finanziari (la Biancalani è un’azienda come pensavano le azienda i nonni, quelli che “facevano” un lavoro perché “producevano” cose senza bisogno di incespicare nella finanza) e soprattutto c’è un riconoscimento del valore del lavoro e quindi dei lavoratori.

Così quando i dirigenti dell’azienda hanno deciso di festeggiare un anno in forte crescita raddoppiando la tredicesima a tutti i dipendenti (offrendo un bonus supplementare di circa 3mila euro, ndr) come premio per l’ottimo lavoro svolto improvvisamente la notizia ha cominciato a rimbalzare a livello locale e nazionale come se fosse qualcosa di straordinario. Del resto già aveva fatto notizia il fatto che la Biancalani avesse rispettato un patto firmato con i sindacati onorando la promessa di nuove dieci assunzioni giusto qualche mese fa.

Incredibile, davvero, che degli imprenditori rispettino gli accordi e condividano i successi con i propri lavoratori? No, davvero. Se non fosse che anche qui da noi ormai l’ingordigia e lo sfruttamento siano diventate pratiche accettabili e accettate come se nulla fosse e così il lavoro “come dovrebbe essere” finisce nel cassetto delle storie strappalacrime natalizie.

Bravi i Biancalani, quindi, ma soprattutto malissimo quegli altri che ancora non hanno capito che conviene a tutti.

Buon mercoledì.

Il mio #buongiorno lo potete leggere dal lunedì al venerdì tutte le mattine su Left – l’articolo originale di questo post è qui https://left.it/2017/12/27/restare-umani-e-solidali-anche-nel-lavoro/ – e solo con qualche giorno di ritardo qui.


Also published on Medium.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.