Caso Cucchi: il carabiniere colpevole di avere raccontato ciò che sa

Chissà che ne pensa l’onore dell’Arma, che è una formula buona per qualsiasi occasione, di ciò che sta accadendo a Riccardo Casamassima, appuntato scelto che quando morì Stefano Cucchi prestava servizio nella caserma di Tor Vergata e che ha raccontato nel 2015 in tribunale di avere sentito il maresciallo Roberto Mandolini dire con la mano sulla fronte «È successo un casino ragazzi, hanno massacrato di botte un arrestato» seguito dal comandante Enrico Mastronardi che ha fatto il nome di Cucchi.

In tribunale Casamassima ha riportato anche le parole di Sabatino Mastronardi (figlio di Enrico) che disse: «Guarda non si sono proprio regolati. Non ho mai visto una persona massacrata di botte così». Ha pensato, il carabiniere Casamassima, che tra i doveri della divisa ci fosse anche quello di raccontare ciò che si sa, ancora di più in un processo come quello sulla morte di Stefano Cucchi in cui le responsabilità di pezzi dello Stato, se confermate, risultano gravissime.

Invece ora Casamassima si ritrova a lavorare fianco a fianco al collega che ha denunciato (a proposito di incompatibilità ambientale, appunto) e da quando ha testimoniato continua a subire una serie di procedimenti disciplinari (tra cui ben 10 giorni di consegna) dal tempismo piuttosto curioso. Ai giornalisti Casamassima ha detto di essere “spaventato e abbandonato” e che queste parole provengano da un carabiniere forse dovrebbe aprire qualche riflessione.

Il prossimo 15 maggio l’appuntato scelto sarà chiamato in aula per confermare la sua testimonianza e chissà che per allora l’onore dell’Arma non scelga di stare dalla parte della verità e non ci stupisca tutti con una rinnovata voglia di fare chiarezza. Farebbe bene all’Arma, farebbe bene alla famiglia Cucchi e farebbe bene a noi.

Buon mercoledì.

Il mio #buongiorno lo potete leggere dal lunedì al venerdì tutte le mattine su Left – l’articolo originale di questo post è qui https://left.it/2018/05/09/caso-cucchi-il-carabiniere-colpevole-di-avere-raccontato-cio-che-sa/ – e solo con qualche giorno di ritardo qui, nel mio blog.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.