La bugia come regola, la cialtroneria come metodo, lo slogan come contenuto

Non è questione dei tempi che non sono più quelli di una volta e nemmeno della barbarie come decadenza del sapere: è che funziona. Semplicemente. Essere cialtroni funziona, mentire ha il suo successo, avere una schiera di tifosi pronti a coalizzarsi in un esercito di sgherri è producente e ingannare la propria schiera ha molto più successo di qualsiasi smentita. Quella al massimo riuscirà a scalfire un angolo di cui alla fine non si accorgerà nessuno.

Di Maio dice di avere proposto altri ministri in sostituzione a Savona e lo dice (da Barbara D’Urso perché anche l’informazione pesa un tanto al chilo e la qualità dell’informazione è una fissazione di qualche radical chic) sicuro di non essere minimamente toccato dalla smentita che arriva direttamente da una nota ufficiale del Quirinale. Non solo: a smentire Di Maio ieri ci ha pensato anche direttamente il numero due della Lega Giorgetti e poi ci pensa direttamente Salvini che confessa di non sapere cosa si siano detti Di Maio e Mattarella.

Ma, in ogni caso, non conta raccontare palle. Serve. Funziona. Semplicemente. Se riesci a costruire una comunicazione che prende per buono tutto ciò che dici nella tua diretta Facebook (a proposito: Renzi ha contestato le dirette Facebook di Di Maio e Salvini direttamente su Facebook, in diretta, genio) allora sei sicuro che chi visita la tua pagina non si prenderà nemmeno la briga di controllare le altre. Funziona così: io parlo ai miei sapendo che i miei non crederanno o non leggeranno mai quello che dicono gli altri. Il gioco è fatto.

Così il quadro politico attuale è una serie di soliloqui sui social e in tv (a proposito: ma quelle vecchie trasmissioni in cui si invitava un ospite e il suo contraddittorio non esistono più? Sicuri che la stampa non abbia le sue colpe?) che non hanno nessun timore di essere smentiti. Se l’informazione è falsa tanto alla fine non lo saprà nessuno. Se l’informazione è abbastanza indignata si è sicuri che diventerà l’indignazione del dopo cena. Se l’incazzatura è abbastanza appuntita alla fine il voto è certo.

La bugia come regola, la cialtroneria come metodo e un tweet o uno slogan come unico contenuto: noi stiamo affondando per queste cose qui. L’approfondimento è considerato un lusso da professori, il sapere è considerato un peso, l’informarsi un’inutile perdita di tempo. E così tutti divisi tra santi coglioni senza nessuna possibilità di toni intermedi. Se scrivi che Mattarella è riuscito a gestire questa crisi peggio ancora di come l’hanno fatta finire questi risulti uno sfascista, se dici che Di Maio ci è cascato come un pollo sei un pidiota, se lamenti la vergogna di un Salvini come potenziale ministro dell’Interno sei un buonista, se scrivi che il Pd riesce a fare danni ogni volta che parla sei un populista, se dici che Liberi e uguali ormai è archeologia sei un ingrato. Beati voi che sapete benissimo in che cassetto mettere ogni frase che vi arriva, nel tempo di un battito di ciglia.

Buon mercoledì.

Il mio #buongiorno lo potete leggere dal lunedì al venerdì tutte le mattine su Left – l’articolo originale di questo post è qui https://left.it/2018/05/30/la-bugia-come-regola-la-cialtroneria-come-metodo-lo-slogan-come-contenuto/ – e solo con qualche giorno di ritardo qui, nel mio blog.

Una risposta a “La bugia come regola, la cialtroneria come metodo, lo slogan come contenuto”

  1. Giuseppe ROMANO dice: Rispondi

    E’ proprio cosi!!!!

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.