Pietà per la Nazione

Pietà per la nazione i cui uomini sono pecore

e i cui pastori sono guide cattive

Pietà per la nazione i cui leader sono bugiardi

i cui saggi sono messi a tacere

Pietà per la nazione che non alza la propria voce

tranne che per lodare i conquistatori

e acclamare i prepotenti come eroi

e che aspira a comandare il mondo

con la forza e la tortura

Pietà per la nazione che non conosce

nessun’altra lingua se non la propria

nessun’altra cultura se non la propria

Pietà per la nazione il cui fiato è danaro

e che dorme il sonno di quelli

con la pancia troppo piena

Pietà per la nazione – oh, pietà per gli uomini

che permettono che i propri diritti vengano erosi

e le proprie libertà spazzate via

Patria mia, lacrime di te

dolce terra di libertà!

(di Lawrence Ferlinghetti)

(No, no, no, non Pasolini!)


Also published on Medium.

17 Risposte a “Pietà per la Nazione”

  1. Il vero schifo vostro è che avete tradito i proletari, la gente ITALIANA che sta male in nome di diritti (per lo più piselli diritti) che riguardano una sparuta minoranza. Per questo state morendo per fortuna.

    1. Cazzate. Il proletariato è internazionale.

    2. Vallo a dire a chi ha perso il lavoro in ITALIA che è internazionale. PIRLA

    3. Il proletariato mai termine fu più obsoleto e concetto superato, infatti il proletariato islamico non credo che sia lo stesso a cui si riferiva Marx.. Pupazzi!!

    4. E perché mai sarebbe superato? nel senso di classi più vulnerabili oppresse dal capitale internazionale? Pupazzo scemo sei tu. Il proletariato islamico si fa comandare proprio dall’islam stesso. Che viene usato come pretesto per farli rimanere nell’ignoranza e nella povertà. BABBEO. MARX OGGI COMBATTEREBBE CON ME CONTRO QUESTA INVASIONE ORDITA DALLE MULTICRIMINALI CHE VOI APPOGGIATE IDIOTI.

    5. Bella storiella da parte di uno che conferma in toto la versione di Fusaro: ESERCITO DI RISERVA era una definizione che si adattava alla realtà dei tempi, ma che oggi si configura in qualcosa di completamente diverso. Gli africani non servono a niente in questa fase storica da un punto di vista produttivo, in primis perché siamo pieni di disoccupati, l’industria sta sparendo (ed è la vera disgrazie per il nostro paese), ma soprattutto importiamo persone senza alcuna qualifica professionale ed esportiamo invece italiani qualificatissimi che potrebbero rilanciare un progetto industriale che è ancora possibile. IL tutto logicamente ideato, organizzato, finanziato e orchestrato da chi vuole spolpare l’Italia,, paese ancora appetibilissimo in interi settori. Il tutto continuando a devastare l’africa da cui le popolazioni vengono indotte a fuggire per colpa delle speculazioni che comprano ettari su ettari di terreno coltivabile. In questo modo producendo due effetti devastanti: uno in quel continente e un altro qui da noi. Soprattutto destabilizzando il paese per l’enorme e crescente disagio sociale che quest’ultima ondata di immigrazione forzata e senza alcuna ragione pratica ed economica già sta producendo e in prospettiva produrrà sempre di più. Io questo lo dico e lo penso ben prima di leggere la definizione di Fusaro ESERCITO DI RISERVA per la semplice ragione che è di un’evidenza devastante, Soprattutto è evidente la serie incredibile di crimini che gli organizzatori di questa gigantesca operazione (che fa parte del solito disegno criminale complessivo del capitale) stanno perpetrando sia a danno delle popolazioni africane (beh quello da secoli) ma oggi anche a danno di quelle europee del sud.

    6. Ecco uno che la pensa come me. Non potrei esprimere meglio questo concetto con parole migliori, Me le ha letteralmente tolte di bocca. Solo gli stronzi non vogliono vedere questo status quo, Marx o meno, Fusaro o meno. https://www.facebook.com/mohamed.konareditshata/videos/1818463658200507/

  2. Sembra scritta apposta contro la UE…contro gli zerbini come te. che vogliono farsi invadere da stranieri mandati apposta dalle multicriminali per fottersi il nostro paese, Perché lo sai che non esiste il business dei trafficanti, che l’unico business è destabilizzarci per fottersi la nostra economia ancora appetibile vero?

    1. Forse hai male interpretato, rileggila!

  3. Una moneta
    Fa poco rumore qualcosa
    e non c’è modo
    per chi si consola
    di disfarsi dell’offerta
    d’un bicchiere pieno
    e non c’è modo pare
    d’averne un’altra
    che soddisfi in altro modo.
    Quando prendi la moneta
    tutto comincia
    nel cieco della tasca,
    a toccarla e a ricontarla
    prima di cadere
    nell’attesa offerta
    della giusta misura.
    Ed è voce variabile
    suono che scuote,
    spinge e allerta il respiro
    concesso dalla faccia
    esposta in luce
    al lato piano
    che in un istante
    esclama “testa o croce”
    Ci rubano la forma
    e il peso della sostanza,
    anime ingorde
    votate a una falsa reminiscenza
    tagliano il mazzo
    del vero delle carte
    e con lingua convincente
    reclamano moneta e gloria
    passata in giudicato.
    In oblio avida mano
    tenta la risalita
    da profonde distanze
    e con l’idea del vecchio
    s’adatta al corso nuovo
    con un vivido colore
    che più non gli appartiene.
    Ritornerà ancora la moneta
    e la parola di un’eterna promessa,
    più nella tasca
    che nella mano ferita. ( P.V.)

  4. Quindi non è di Pasolini,se è così mi fido di quello che dice Giulio Cavalli…..

    1. Una certezza storica su Pasolini è che in occasione degli scontri di Valle Giulia nel 68 tra studenti e poliziotti si schierò apertamente con questi ultimi in quanto a suo dire i veri proletari

  5. e per la traduzione italiana approvata da Ferlinghetti, vedere la seguente intervista http://www.sagarana.net/rivista/numero37/saggio1.html

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.