L’abolizione delle accise e la potenza dei numeri

Ma ve lo ricordate Salvini tutto baldanzoso in televisione quando annunciava che avrebbe abolito le accise sulla benzina? Ve li ricordate i bar in cui si diceva “peccato che non abbia i voti perché lui è uno che farebbe veramente ciò che dice”? Bene, i voti li ha trovati dal Movimento 5 Stelle che da partito si è trasformato in trampolino di lancio per l’ultradestra e si è fatto ingoiare da Salvini (e infatti ora Di Maio imita il nuovo Pertini de’ noialtri) e allora mi sono detto andiamo a vederli questi numeri, no? I numeri hanno qualcosa di bellissimo: sono lì, monumentali, non scalfibili, non interpretabili, non condizionabili. Evviva i numeri.

Le accise dunque. Ci sono ancora. Tutte. Dal Belice al Vajont. Tutte, anche quelle della guerra in Abissinia e pesano circa il 40% del totale. Ecco tutto. Anzi, nel nuovo Def c’è un aumento delle accise per 130 milioni all’anno nel triennio 2020-2022. Forte, vero?

Imu e Tasi valgono 21 miliardi di gettito per la casse comunali. Sapete cosa ha proposto Salvini? Di accorparle? Ovvero? Ovvero non cambia niente. Cambierà forse il nome. Ma i numeri (ah, maledetti numeri) rimangono sempre gli stessi. Evviva.

Secondo un’inchiesta de Il Sole 24 Ore l’Imu è aumentata quasi in una città su dieci (9,4%) mentre l’addizionale Irpef è stata ritoccata nel 7,3% dei casi. Ah, il taglio delle tasse.

Il taglio delle tasse è un altro must imperdibile: da dieci mesi Di Maio e Salvini ci dicono che taglieranno le tasse e saremo tutti felici. Dopo l’abolizione della povertà arriverà la felicità di cittadinanza , dicono loro. Solo che sul Def che hanno licenziato sfortuna vuole che compaiano i numeri, appunto, e i numeri dicono che quest’anno la pressione fiscale salirà al 42,4 del Pil mentre l’anno scorso era al 42%. Strano, vero?

È che anche in politica, come nella vita, tocca fare i conti con la realtà: ho un amico che al bar offre da bere a tutti per risultare brillante e poi tira la cinghia fino al mese successivo. Noi lo sappiamo, lo trattiamo con distratta simpatia. Solo che, ci pensavo oggi, noi non lo eleggeremo mai, uno così.

Buon giovedì.

L’articolo L’abolizione delle accise e la potenza dei numeri proviene da Left.

Il mio #buongiorno lo potete leggere dal lunedì al venerdì tutte le mattine su Left – l’articolo originale di questo post è qui https://left.it/2019/04/11/labolizione-delle-accise-e-la-potenza-dei-numeri/ – e solo con qualche giorno di ritardo qui, nel mio blog.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.