Tamponi rapidi, denuncia dei Cinque stelle: “In Lombardia sono inaccessibili”


“Sui tamponi rapidi Regione Lombardia decide di ripercorrere la stessa, vergognosa, strada che ha previsto per i test sierologici, cioè il renderli inaccessibili”. È la denuncia che il consigliere regionale dei Cinque stelle Gregorio Mammì affida a Fanpage.it. Per come ne è stato pensato l’utilizzo, i test rapidi antigenici rischiano di non aiutare a gestire meglio la pandemia: “Nelle linee guida si legge che non è possibile utilizzare i test antigenici come screening ma solo dopo la prescrizione del medico. Pertanto, uno strumento che potrebbe essere utilizzato dai cittadini, dai datori di lavoro e dai sindaci per effettuare degli screening mirati viene, ufficialmente, reso inaccessibile”.
Continua a leggere

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.