Dopo 4 mesi possiamo dirlo: quello di Draghi è un governo di destra

Toh, che sorpresa. Il governo dei migliori, quello che avrebbe dovuto essere apolitico, tecnico, impolitico e uno a caso di quel milione di aggettivi che sono serviti per truccarlo da “superiore”, ora si scopre che ha una naturale predisposizione verso destra.

Era difficile prevedere che fare entrare nel governo Matteo Salvini, Silvio Berlusconi e tutta la combriccola liberale avrebbe prodotto politiche di destra? Evidentemente sì, visto che tutti gli editorialisti si sorprendono.

Così siamo a 22 giorni dallo sblocco dei licenziamenti con la farlocca narrazione delle “aziende che corrono e devono essere libere di agire sul mercato”, che – tradotta (però c’è da dire che il governo dei migliori è fortissimo sulla narrazione) – significa che le aziende devono essere libere di licenziare.

La linea politica la detta, manco a dirlo, il presidente di Confindustria Bonomi, che accusa i sindacati di fare terrorismo mediatico e ci dice che siamo di fronte a un “miracolo economico” e parla di solo 100mila posti di lavoro in meno. Peccato che, secondo la Banca d’Italia, siano 550mila. Ma soprattutto: se siamo nel bel mezzo di un “miracolo economico” perché c’è bisogno di licenziare?

E poi: che dire dell’Anac svuotata dall’ultimo decreto del Consiglio dei ministri che ha trasferito i controlli anti-corruzione da un ente indipendente agli uffici governativi? Il controllato che diventa controllore è un classico del nostro Paese che ha sempre aperto le porte a mafie e corruzione.

Del resto c’è solo una valanga di miliardi in arrivo. E sarà proprio per questo che al governo hanno pensato bene di liberalizzare i subappalti, confondendo come al solito la legalità con la burocrazia per risultare efficaci e convincenti.

A proposito di lavoro: a parte i post su Facebook e i discorsi per il cerimoniale, vi viene in mente un’azione o una parola per evitare la strage? Niente, figurarsi. In compenso si sono versate parole per affossare qualsiasi dibattito sul salario minimo, considerato dalle nostre parti troppo di sinistra. Non vorrete mica disturbare il “miracolo economico”. Dai, su.

La caciara sulla tassa di successione è un altro capitolo degno dei berlusconiani di altri tempi. Ultimo ma non ultimo, questo insopportabile paternalismo sui giovani che non accettano di fare gli schiavi e che vengono additati come indolenti e fannulloni. Del resto, è sempre così: quando ci tengono a ripetere di non essere né di destra né di sinistra sono quasi sempre di destra. Anche se si fanno chiamare tecnici.

L’articolo proviene da TPI.it qui

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.