Vai al contenuto

Scapperanno in 100 milioni

Scapperanno in 100 milioni

L’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati ha dichiarato che 100 milioni di persone in tutto il mondo sono state costrette ad abbandonare le proprie case nell’ultimo anno. Questo è il numero più alto di sfollati registrato dalla seconda guerra mondiale.

L’Ucraina ha vissuto la crisi dei rifugiati più grande e in più rapida crescita da quando l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) è stato istituito nel 1951, ha affermato l’organismo nel suo Global Trends Report. Insieme all’invasione russa dell’Ucraina, la crisi in Afghanistan è stata anche uno dei maggiori eventi che hanno contribuito al “drammatico traguardo” di 100 milioni. Il rapporto scrive che nell’ultimo decennio c’è stata una tendenza al rialzo ogni anno.

L’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati, Filippo Grandi, ha affermato che questa tendenza continuerà, fino a quando la comunità internazionale non si sarà attivata per risolvere i conflitti e trovare soluzioni. La guerra in Ucraina ha creato una crisi di sicurezza alimentare, che costringerà più persone a fuggire dalle loro case nei paesi più poveri, ha affermato l’UNHCR. «Se hai una crisi alimentare oltre a tutto ciò che ho descritto – guerra, diritti umani, clima – questa accelererà la tendenza», ha detto ai giornalisti Filippo Grandi, descrivendo le cifre come «sbalorditive». Ha anche affermato che le risorse si stanno concentrando in Ucraina, mentre altri programmi in tutto il mondo sono rimasti sotto finanziati. «L’Ucraina non dovrebbe farci dimenticare altre crisi», ha detto, ricordando il conflitto in Etiopia e la siccità nel Corno d’Africa.

Grandi ha affermato che la risposta dell’Unione europea alle crisi dei rifugiati è stata “disuguale”. Questo sullo sfondo della generosità con cui sono stati accolti i profughi ucraini, qualcosa che Grandi vorrebbe che fosse concesso a tutti coloro che cercano rifugio. “Certamente si rivela un punto importante: rispondere agli afflussi di profughi, all’arrivo di disperati sulle coste o ai confini dei Paesi ricchi non è ingestibile”, ha affermato. Grandi ha detto che sempre più persone stavano fuggendo dalla regione africana del Sahel per sfuggire a aumenti di carburante, crisi climatiche e violenze. Questi sfollati potrebbero dirigersi a nord verso l’Europa per sfuggire alla crisi. Ha affermato che la regione ha già affrontato anni di siccità e inondazioni, disparità di reddito, scarsa assistenza sanitaria e malgoverno. La crescente crisi della sicurezza alimentare ha aggravato i problemi. “Sono molto preoccupato per il Sahel. E non penso che si parli abbastanza di questa regione che è, tra l’altro, così vicina all’Europa. E penso che l’Europa dovrebbe essere molto più preoccupata”, ha detto.

100 milioni di persone costrette a spostarsi per sopravvivere saranno il carburante per il prossimo sovranismo. E mai una volta che si abbia il coraggio di affrontare la questione alla radice.

Buon venerdì.

Per approfondire, Left del 10 giugno 2022 

Leggilo subito online o con la nostra App
SCARICA LA COPIA DIGITALE

SOMMARIO

 

</a

L’articolo proviene da Left.it qui

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.