Serviva il NY Times per sapere che vendiamo bombe ai sauditi?


Lo “scoop” del New York Times sulle bombe italiane vendute all’Arabia Saudita per bombardare lo Yemen è una notizia che in realtà circola da tempo ma per mesi è rimasta sotto traccia senza la dovuta attenzione. E nonostante il clamore anche questa volta nessuna ha dato le spiegazioni che meriterebbe.
Continua a leggere

Applaudono la campionessa di scacchi e intanto vendono bombe

L’ipocrisia è un ingrediente che va cotto con calma, servito con una certa impudenza e dissimulato con abilità: solo così ci si può permettere di dare una notizia con la leggerezza di un banale discorso da bar e fingere che “tutto va ben”. L’ipocrisia oggi sta tutta nelle paginate di lodi sperticate riservate alla campionessa […]

Solidali pelosi verso la Siria e intanto vendono le bombe

(il mio buongiorno pubblicato questa mattina per Left) È arrivata direttamente dall’Arabia Saudita la nave Bahri Tabuk, fino a Cagliari per caricarsi 3000 bombe prodotte dalla RWM, azienda tedesca con base a Domusnovas in Sardegna. Diciotto container. Non so se vi sia mai capitato di vedere o se vi riesce di immaginare quanto lunghi siano diciotto container messi tutti in […]

La Pinotti risponde: “le bombe? le vende Gentiloni”

Sembra una barzelletta. Ha scritto tutto Mazzetta: «A questo punto si capisce che Pinotti ha sentito il bisogno di reagire in maniera diversa da come aveva fatto un paio di giorni fa, quando la reazione era stata affidata a un patetico tweet del Ministero della Difesa che minacciava querele alle ONG che da mesi cercano risposte […]

Lì dove sganciano bombe. Di semi.

Perché abbiamo bisogno di alberi La deforestazione è una piaga che affligge tutto il mondo e che, oltre a mettere a repentaglio i mezzi di sostentamento delle persone, sta minacciando una vasta gamma di specie arboree e animali e contribuendo ad aggravare i cambiamenti climatici. La Thailandia ha perso negli ultimi decenni quasi metà della propria […]

Fare la piscina dove passa la bomba

Aleppo, Siria, e quella forte predisposizione umana ad abitare anche la morte se serve per sopravvivere.