Non è Lino Banfi all’UNESCO, il problema è che odiano la cultura


Nel magico mondo gialloverde funziona esattamente così: non ci si mette a concorrere con i saperi cercando di perfezionarne di nuovi o di migliori, no, si preferisce ridurli a barzelletta disconoscendoli e riducendoli a una risata, roba da barbosi professoroni e cosa c’è di meglio di un Lino Banfi come elemento delatore di un’istituzione da buttare in caciara? Dentro quel “commissioni fatte con persone plurilaureate” lanciata come battuta da Banfi c’è tutto lo spregio per la conoscenza e addirittura la fierezza di essere diversi (e quindi “vicini al popolo”, esattamente “come noi”) proprio perché l’ignoranza dà la sicurezza di non dovere dimostrare nulla, anzi di esserne fieri.
Continua a leggere

Tre obiettivi (chiari, semplici, realizzabili) per la cultura

Li scrive in modo chiaro il manifesto del network europeo Culture Action Europe, insieme a più di 150 altre organizzazioni in tutta Europa, per l’Italia. L’ho convintamente sottoscritto perché è perfettamente coerente con il programma di LeU e perché l’argomento (si sa) mi sta a cuore come dovrebbe stare a cuore a tutti. Eccolo qui: L’obiettivo…Continua la lettura di Tre obiettivi (chiari, semplici, realizzabili) per la cultura

Lo dicono tutti ma lo fanno in pochi: la cultura contro la camorra

Mai entrato in una scuola. Mai, neppure nell’asilo nido. La mamma la riteneva una perdita di tempo. Meglio tenerlo in casa, pensava. Appena adolescente, suo figlio Marco (nome di fantasia, ndr) l’ha mandato a fare il meccanico. Poi, un giorno, il capomastro gli chiede di mettere un bigliettino con i nomi dei clienti sulle auto…Continua la lettura di Lo dicono tutti ma lo fanno in pochi: la cultura contro la camorra

Caro Laterza, la cultura qui da noi è un chiodo fisso

(scritto per i Quaderni di Possibile qui) Oggi Giuseppe Laterza, presidente della storica casa editrice fondata da suo padre Vito, in un’intervista a Il Fatto Quotidiano lamenta che “ci sono 5000 cellulari in perenne contatto tra loro per gestire un potere sempre più distante e arrecato” lamentando l’assenza di una politica che sappia “definire i propri valori…Continua la lettura di Caro Laterza, la cultura qui da noi è un chiodo fisso

Eschilo e i mercanti. L’obiettivo è limitare gli studi classici solo ai ricchi.

Una riflessione di Tiziana Drago: «Tutte le volte che negli studi di antichità si fanno sentire esigenze di rinnovamento, tanto più è necessario, se non si vuole costruire sulla sabbia, mantenere l’esercizio del “mestiere”». D’altra parte, «senza il possesso della deprecata »tecnica» l’interesse storico rimane velleitario». Così un filologo materialista e «leopardiano» come Timpanaro prendeva…Continua la lettura di Eschilo e i mercanti. L’obiettivo è limitare gli studi classici solo ai ricchi.

Montanari scrive a Franceschini: «Rischia di essere il peggior ministro della storia»

“Signor Ministro, non è senza sgomento che mi trovo a a scriverLe che Lei sta raggiungendo un obiettivo che si sarebbe detto impossibile: sostituire Sandro Bondi al vertice della classifica dei più nefasti ministri per i Beni culturali della storia repubblicana”. Così inizia l’amara lettera aperta che lo storico dell’arte Tomaso Montanari ha indirizzato al…Continua la lettura di Montanari scrive a Franceschini: «Rischia di essere il peggior ministro della storia»

Caro Shady, hai ragione: è la cultura dei diritti che ci manca in politica estera

Caro Shady, ho letto con molta attenzione la tua lettera a Civati in cui ripercorri la viltà italiana su un politica estera che ormai  è la caricatura di un compromesso che avrebbe voglia di essere credibile come posizione. E sono d’accordo con te quando scrivi: «Trovo esclusivamente necessario cambiare marcia in politica estera, garantendo la…Continua la lettura di Caro Shady, hai ragione: è la cultura dei diritti che ci manca in politica estera

L’articolo che Dossetti avrebbe voluto in Costituzione

L’appello di Tomaso Montanari che è, in fondo, anche un manifesto politico: «Giuseppe Dossetti avrebbe voluto in Costituzione un articolo che dicesse che: «La resistenza individuale e collettiva agli atti dei poteri pubblici che violino le libertà fondamentali e i diritti garantiti dalla presente Costituzione è diritto e dovere di ogni cittadino».  Oggi tutti noi…Continua la lettura di L’articolo che Dossetti avrebbe voluto in Costituzione

A proposito di ISIS, musica e teatro e cultura.

Era successo con Khaled al Assad, il rinomato archeologo barbaramente ucciso. Era successo anche con la sparatoria al Museo del Bardo a Tunisi. E poi al Bataclan, la “sala da spettacolo” che è al centro della cronaca di queste ore. Il terrorismo teme la bellezza, il terrorismo ha bisogno di una massa stolida che non sia…Continua la lettura di A proposito di ISIS, musica e teatro e cultura.

Il politico del mese è Stefano Benni

Non tanto per il rifiuto del premio, secondo me, quanto per la controrisposta alla (brutta) risposta del Ministro Franceschini: Caro ministro, la sua è una risposta da politico in leggera difficoltà, non da sereno amante della cultura. La mia infondata indignazione è condivisa da molti, e si fonda sui miei incontri con piccole, coraggiose, serie realtà…Continua la lettura di Il politico del mese è Stefano Benni