Vicini a Don Ciotti in questo splendido 21 marzo

Non si può non osservare con il cuore gonfio le immagini che ci arrivano in queste ore da tutte le città d’Italia per la giornata in ricordo delle vittime (innocenti, anche se nella legge la parola “innocenti” hanno voluto dimenticarsela) di mafia. Solo a Locri sono in 25mila a manifestare per le vie della città…Continua la lettura di Vicini a Don Ciotti in questo splendido 21 marzo

Non si tocchi la scuola

Oggi è un lunedì particolare per la scuola e per noi. Il comunicato di LIBERA ne coglie il senso dopo quello che è successo a Brindisi: Il 19 maggio è un giorno che non dimenticheremo facilmente. Il vile attentato stragista nella scuola Morvillo Falcone di Brindisi è stato il segno di una violenza che ha…Continua la lettura di Non si tocchi la scuola

Vittime di mafia dimenticate dallo Stato

Ho aderito subito e con forza all’appello di POLITICAMENTE SCORRETTO in difesa delle vittime di mafie e contro l’incosciente taglio di ben dieci milioni di euro (su dodici) dei fondi destinati a chi ha subito reati di stampo mafioso (compresi racket e usura). Uno Stato che non riesce a proteggere i propri uomini migliori, coloro…Continua la lettura di Vittime di mafia dimenticate dallo Stato

A Cesano Maderno una lobby per la legalità

Cesano Maderno – Sei associazioni e un unico percorso, lungo sette mesi, per promuovere la legalità.Associazione Consenso, Circolo culturale Don Bosco, cooperativa Le Stelle, associazione Magister Ludi, “Noi per Cesano”, e Lipu si sono ritrovate per la prima tappa di quel “Vivere insieme” che è alla base del ciclo di eventi in partenza il prossimo novembre. Tra…Continua la lettura di A Cesano Maderno una lobby per la legalità

Politicamente scorretto

Anche quest’anno ci vediamo a Casalecchio di Reno, con “L’Innocenza di Giulio – Andreotti non è stato assolto” che andrà in scena il25 novembre e che aprirà la rassegna teatrale “Politicamente Scorretto va a teatro” in collaborazione con Emilia Romagna Teatro Fondazione. Il programma come sempre è ricchissimo e l’evento lo potete seguire anche in streaming. Carlo Lucarelli, don…Continua la lettura di Politicamente scorretto

L’esilarante idea di Brunetta sul certificato antimafia

La scelta di indebolirlo e di scaricare la questione sulla pubbliche amministrazioni ha il sapore di una anestetico che invece di snellire la procedura rischia di rendere tutto ancor più complicato con una moltiplicazione di lavoro per gli enti che già devono affrontare e combattere i tagli e le riduzione di servizi e personale. Ci…Continua la lettura di L’esilarante idea di Brunetta sul certificato antimafia

Le corde politiche di Don Luigi

Ma lo stesso Paolo Borsellino, di fronte ai successi contro la criminalità, durante il maxiprocesso, avvertiva della possibilità di cadere in una “pericolosissima illusione”, in “perniciose illusioni” di cessata pericolosità, diceva che non sono consentiti allentamenti e calo di tensione. I successi contro la mafia rischiano di vanificarsi se non si crea una continuità , se si abbassa la guardia. Non basta più parlare sempre e…Continua la lettura di Le corde politiche di Don Luigi

Giulio Cavalli e Don Luigi Ciotti a Caternoster

Giulio Cavalli, attore e autore di “Nomi, cognomi e infami”, e Don Luigi Ciotti, fondatore di Libera, a Caternoster (Raitre, 24/10/2010). http://www.youtube.com/watch?v=WWN5lS0dLGY Il libro di Giulio Cavalli non è un libro come gli altri. Nomi, cognomi e infami è il diario impersonale di un anno di storie incrociate in una tournée che è scesa dal palco per…Continua la lettura di Giulio Cavalli e Don Luigi Ciotti a Caternoster

Giulio Cavalli al Primo raduno nazionale dei giovani di Libera

Giovani attivisti antimafia da tutta Italia si incontrano in una cascina confiscata TORINO Bici, tende, teatro, conferenze e la forza esplosiva di migliaia di ragazzi. Così i giovani di Libera, l’Associazione contro le mafie fondata da Don Luigi Ciotti, hanno pensato il loro primo raduno nazionale, che si terrà dal 4 al 10 luglio a…Continua la lettura di Giulio Cavalli al Primo raduno nazionale dei giovani di Libera

18 anni senza Falcone. Interviste a Ingroia, Cavalli e Don Ciotti

Era il 23 maggio del 1992 quando un pulsante azionato da un commando omicida guidato da Giovanni Brusca, innescò il tritolo situato sotto l’autostrada all’altezza dello svincolo di Capaci, che portò alla morte del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo e degli uomini della sua scorta. Il tragico evento è stato ricordato Palermo, dove…Continua la lettura di 18 anni senza Falcone. Interviste a Ingroia, Cavalli e Don Ciotti