Sara Gama e le azzurre sovvertono la fallocrazia sportiva (senza chiedere il permesso)

Il mio commento per TPI.it