Un fiore di nome Rita


Forse di questi tempi in cui l’antimafia è diventata orpello o campo di scontro politico non ci renderemo conto subito di quanto la sua morte sia una perdita grave e quanto ci mancherà il suo sguardo sul presente. In fondo, se ci pensate, l’antimafia di Rita è sempre stata così lontana dall’esibizionismo degli uomini forti e dalla feroce sete di vendetta che ultimamente qualcuno può avere pensato di averla messa fuori gioco.
Continua a leggere

Nominala invano: la mafia secondo Salvini

Alla fine gli è toccato scendere a Foggia. Dodici braccianti morti (sedici in pochi giorni) sono troppi anche per lui che vorrebbe per decreto cancellare i negri quando sono vittime e ripopolare invece gli stranieri delinquenti senza i quali non saprebbe come esistere. Così il ministro dell’inferno Matteo Salvini ha impegnato tutta la sua propaganda […]

“Ecco cosa succede a Vittoria, il mix perfetto di mafia e politica” (di Paolo Borrometi)

(un articolo di Paolo Borrometi sul recente scioglimento per mafia di Vittoria, fonte) Vittoria è la nona città per popolazione della Sicilia e ospita il Mercato ortofrutticolo più importante del Sud Italia, il secondo d’Italia. Una polveriera, l’ho più volte definita. Baricentrica per molteplici interessi che abbracciano l’intero Paese. Da qui, da questo splendido lembo […]

Le 13 domande di Fiammetta Borsellino

Fiammetta Borsellino, figlia del magistrato Paolo, ha scritto a Repubblica 13 domande sul depistaggio che avvenne dopo la strage di via D’Amelio. E sono interrogativi imprescindibili per fare luce su un pezzo d’Italia, oltre che sull’omicidio. Forse, prima dei festeggiamenti, sarebbe il caso di trovare le risposte. Eccole qui: Sono passati 26 anni dalla morte […]

E intanto i Casamonica casamonicano

Come racconta la brava Floriana Bulfon su Repubblica il ritorno a casa del capo clan dei Casamonica Giuseppe (che ha scontato una condanna per traffico di cocaina mica in carcere ma in una più accogliente comunità di recupero in controtendenza con i piccoli spacciatori che invece il carcere se lo fanno per davvero) ha segnato […]

Processo Aemilia, ecco il ruolo dell’ex senatore Carlo Giovanardi: “Pressioni su ufficiali dei carabinieri”

(Un altro miracolato: Giovanardi. Dal processo Aemilia sta emergendo un mare di immondizia eppure sembra non interessare a nessuno) L’ex senatore della Repubblica Carlo Giovanardi, il Capo di Gabinetto della Prefettura di Modena Mario Ventura, il funzionario dell’Agenzia delle DoganeGiuseppe Marco De Stavola. Sono uomini dello Stato, il primo anche membro della commissione parlamentare antimafia […]

‘A livella: indicare il fango degli altri per sembrare puliti

La nuova via di scampo, la più in voga al momento, per evitare di argomentare una difesa e non essere costretti a prendersi le proprie responsabilità è nel trovare qualcuno di peggio in giro e sperare che la feroce indignazione popolare trovi abbastanza soddisfazione per placarsi. Sta accadendo in queste ore con i cinquanta milioni […]

La “retorica” delle torture in Libia

Non c’è bisogno di andare in Libia. No. Basta visitare la faccia feroce che vomita i denti durante il suo processo  di Osama Matammud, detto “Ismail”, 22 anni al momento del suo arresto a Milano, dove era stato riconosciuto da alcune delle sue vittime, nei pressi della Stazione centrale e se non l’avessero acciuffato per i […]

La ‘ndrangheta e i criminali nella curva del Milan

(il solito bravissimo Davide Milosa per Il Fatto Quotidiano) Nonostante il campionato sia in vacanza, sulle gradinate dello stadio Giuseppe Meazza tira aria di burrasca. E’, infatti, proprio in queste settimane che si decidono conferme e nuovi ingressi dei gruppi ultras in curva Sud. Un risiko complicato da concordare, in parte, anche con la società […]

Processo Borsellino: la mafia cercatela tra gli investigatori

“Uno dei più gravi depistaggi della storia giudiziaria italiana” con protagonisti uomini dello istituzioni. La corte d’assise di Caltanissetta che 14 mesi fa concluse l’ultimo processo sulla strage di via d’Amelio non fa sconti. E in una motivazione lunga 1865 pagine, depositata nel tardo pomeriggio di sabato, punta il dito contro i servitori infedeli dello […]