Dopo i migranti, arrivano i Rom. Ecco la nuova arma di distrazione di massa

Ne ho scritto per Linkiesta qui. Non conta che i pericolosissimi rom, al di là della falsa fotografia che viene propagata siano per metà addirittura italiani (quindi sono a casa loro, per dire) e che nei micro insediamenti siano per l’86% di origine rumena come quegli stessi rumeni senza i quali crollerebbero interi comparti della nostra […]

Casarini? Odiatelo se volete, ma quel che conta sono i migranti che ha salvato

“Vi sta sulle palle Casarini? Fatti vostri, amici miei. Casarini non ha niente a che vedere con quei 50 disperati lasciati alla deriva”.

“Ci vietano di assistere i migranti”: la lettera shock degli avvocati alla Questura racconta cos’è l’Italia di Salvini

“È stato segnalato a questo Consiglio che i funzionari e il personale addetto all’Ufficio Immigrazione della Questura è solito denegare l’ingresso agli Avvocati che intendono assistere gli immigrati nel disbrigo delle relative pratiche”. Il mio pezzo per TPI.it

Sorpresa! I migranti morti nel Mediterraneo sono sempre gli stessi

E noi, no, non molleremo di un millimetro. Correremo il rischio di essere monotematici, piuttosto. https://media.blubrry.com/giuliocavalli/p/www.giuliocavalli.net/wp-content/uploads/2019/02/buongiorno-6.mp3Podcast: Esegui in una Nuova Finestra | Scarica | IncorporaRegistrati: Apple Podcasts | Android | Email | Google Podcasts | RSS | More

Ghiaccioli d’Europa: dove eravamo mentre i migranti alla frontiera della Francia morivano congelati

Il mio editoriale per Tpi.it:

Migranti, ora le parole non bastano più: l’opposizione deve “metterci il corpo”


Prima Rossella Muroni piazzandosi davanti ai pullman di Castelnuovo di porto, ora Magi, Fratoianni e Prestigiacomo, lo stesso PD che ne ha prontamente chiesto una commissione d’inchiesta sono la prova che Salvini va affrontato “mettendoci i corpi” e che l’opposizione forse ha capito che la vergogna è tutta lì fuori, bisogna mischiarsene, mostrarla, andarla a prendere, darle voce, dare un nome e un cognome a tutti quelli che oggi sono solo numeri mischiati con la propaganda, utili per essere usati vuoti, solo per i chili che pesano.
Continua a leggere

I migranti. Non. Esistono.

Sono naufraghi, prima in mare e poi sulla terra. Fingiamo che non esistano, lasciando che la Libia si sporchi le mani al posto nostro e spingendoli ai bordi delle nostre strade, come rifiuti. Lo capiranno che per loro non c’è nessun posto. E noi, chissà cosa gli diremo. Il mio editoriale per Linkiesta è qui: […]

No, caro Fico: per i migranti morti nel Mediterraneo è colpa vostra, non “di tutti noi”

Scrive il presidente Fico, dopo l’ennesima tragedia nel Mediterraneo: «Dolore , rabbia e tristezza. Salvare vite umane è quello che fa una società sana. Se non ci riusciamo è un terribile fallimento per tutti noi». E invece il terribile fallimento è tutto loro, alleati servili della peggiore propaganda anti immigratoria degli ultimi anni. Continua su: […]

Perché Salvini non può decidere di ammanettare i migranti della nave Diciotti


Anche sulla vicenda della nave Diciotti della Guardia Costiera Italiana il ministro Salvini preferisce la propaganda alla reale lettura dei fatti. Così improvvisamente diventa pubblico ministero, giudice oltre che revisionista storico sui conflitti in corso, riuscendo a far perdere la pazienza anche agli alleati di governo. Proviamo a fare un po’ di ordine.
Continua a leggere

Hanno risolto il problema “migranti” e “violenze straniere”

Non so se vi è capitato di notare le prime pagine dei giornali, le notiziacce urlate a tutta pagina nella cronaca nera, i titoli dei telegiornali e i servizi allarmati delle trasmissioni del mattino, del pomeriggio e soprattutto della sera: non c’è più “sostituzione etnica”, non c’è più il pericolo costante “per le nostre donne”, […]