Gli occhi di Josefa, il “porto sicuro”

Io non so se avete avuto l’occasione di guardare gli occhi di Josefa, l’unica persona viva sulle macerie del barcone ritrovato dalla Ong Open Arms in mezzo al mare, con a fianco una donna e un bambino lessati e uccisi dal sale. Josefa ha quarant’anni, i capelli bianchi (ce lo racconta splendidamente Annalisa Camilli che…Continua la lettura di Gli occhi di Josefa, il “porto sicuro”

«Ci parliamo con gli occhi»

Sono le parole della figlia di Francesco Nuti, da anni non più autonomo. Una piccola storia che è la stessa di tanti figli che fanno da badanti ai genitori. E che nessuno racconta