MAVIB, piccole soddisfazioni

 Una mattinata lunga e complessa, che sostanzialmente ha sancito l’impegno dell’azienda a non avviare alcuna procedura di mobilità, mentre a partire dal mese di settembre verrà attivato un nuovo tavolo, sempre nella cornice di Palazzo Isimbardi, per valutare gli strumenti da utilizzare per affrontare il calo delle commesse. Nel nostro piccolo, con gli strumenti a disposizione, siamo riusciti ad ottenere un primo piccolo risultato.

3 Commenti

  1. Giuseppa

    Caro sig. Cavalli quando avrà finito di cavalcare l'onda della menzogna e di arrecare danno alle lavoratrici forse scoprirà la vera vita e allora smetterà di sopravvivere nel fango che si è creato intorno.
    Ma solo Lei non capisce che deve chiedere scusa per il suo comportamento da irresponsabile nei confronti di chi crea lavoro.
    Visto i suoi trascorsi politici non c'è da meravigliarsi.

  2. giuseppa

    Ancora una volta lei parla per sentito dire (sempre dalla stessa fonte)in quanto non ha ottenuto nessun risultato. Si nota solo la sua voglia di fare carriera a scapito di finte notizie.
    L'azienda ha già risolto il finto problema rivoltando le false notizie a svantaggio delle lavoratrici che adesso dovranno seguire l'onda.
    Perchè perdere questa occasione che gli avete messo su un piatto d'argento.
    Per inciso non credo che per colpa di qualche stupido personaggio gli atri lavoratori (sempre in prevalenza donne)saranno disposti ad accettare una riduzione di stipendio dopo gli insulti ricevuti in nome di un contratto di solidarietà con chi ti ha denigrato.
    Di doman non v'è certezza…………

Rispondi