degli

La dittatura degli irrilevanti

Catullo le chiamava nugae, erano sciocchezze, robe da poco che però hanno meritato di comporre la prima parte del suo Liber. Anche Petrarca aveva capito che con le cose da poco ci si poteva fare letteratura ma nessuno dei due poteva immaginare che gli irrilevanti avrebbero secoli dopo occupato tutte le prime pagine dei giornali, avrebbero monopolizzato il dibattito pubblico e avrebbero perfino acceso l’acquolina in bocca di due aspiranti presidenti del Consiglio come Matteo Salvini e Giorgia Meloni.

Siamo alla dittatura, la dittatura, sì, degli irrilevanti. Sparuti gruppi che si credono molto furbi e con la voce molto grossa, che nella loro cerchia endogamica si sentono parte di un movimento epocale e credono di essere a fare la rivoluzione mentre pesano come il vociare dei ragazzetti in cortile che buttano il pallone contro la saracinesca fino allo zoccolo di qualche signora spazientita.

Un 3 per cento di no vax monopolizza le prime pagine

I più in voga sono i no vax: leggi i giornali e immagini che un’orda enorme di persone, una fiumana di bocche arrabbiate stia sovvertendo l’ordine mondiale. Se capita di leggerli sui social poi te li immagini bardati da scudieri pronti a ribaltare le piazze, convinti di essere dalla parte giusta della Storia, loro enorme maggioranza dei popoli di tutto il mondo rimpiccioliti dalla stampa che li boicotterebbe ogni secondo. Peccato che sia vero proprio il contrario: l’Università degli Studi di Milano, attraverso la ricerca ResPOnsE Covid-19 del Laboratorio Sps Trend, dice chiaramente che la stampa (che ha bisogno di terrorizzare non meno di quelli che critica perché vorrebbero governare usando l’arma della paura) continua volutamente a confondere quelli che non hanno intenzione di vaccinarsi con quelli che sono contrari all’obbligo vaccinale. Ma basta grattare un po’ tra i numeri (quei numeri che conviene a molti non analizzare per poter sputare fumo utile al caos), per vedere che i primi sarebbero passati dal 6 per cento dei mesi scorsi al 3 per cento odierno. Avete letto bene: il 3 per cento degli italiani meritano aperture di editoriali, blocco del Parlamento, spremitura di meningi altissime condite da un po’ di spirito di contraddizione travestito da filosofia. A posto così. Chissà cosa pensano Salvini e compagnia cantante vedendo quanta fatica (e quanta credibilità) devono continuare a consumare per raccogliere gli stessi voti che potrebbero conquistare con un’altra bella polemica sulle nocciole della Nutella. Questi tra l’altro sono scontenti per definizione e quindi si sposteranno sempre di più, saranno sempre più estremi e non è un caso che alla fine finiscano in piazza con quel nugolo flaccido di fascistelli a oltranza. A proposito: anche quelli a livello elettorale pesano come una corrente di minoranza di un’assemblea di condominio.

Il paradosso di Italia viva: sono uno zero virgola ma ha torto chi non li vota

Sempre rimanendo tra gli irrilevanti (e amici) non si può non registrare Renzi e la sua schiera: i sondaggi sono ormai roba da particella di sodio eppure lui e i suoi sfegatati colleghi non si sono resi conto di avere più senatori che elettori. Merito del giochetto di palazzo che gli ha lasciato come capitale un numero di parlamentari che alle prossime elezioni saranno un lontano ricordo eppure alcuni giornali e siti insistono nella loro buffa linea editoriale che consiste nel dirci che siamo stronzi noi e per questo Italia viva non sfonda. È colpa nostra. Quello, il Matteo che da sinistra sta galoppando verso destra, ogni mattina in cui si vede sui giornali si sente la Lady Gaga della politica nostrana e pompa il suo scollamento dalla realtà. Anche loro sembrano tantissimi, su Twitter addirittura spopolano feroci sembrando una fiumana. Peccato che rosellina08228745 non abbia sicuramente il certificato elettorale.

I temi veri come la disoccupazione e la scuola non trovano spazio

Poi ci sono quelli che tornano utili alla propaganda: piccoli autori di reati nella provincia più profonda che servono a definire “gli stranieri” e allora finiscono nella centrifuga della politica nazionale per un piccione spennato al semaforo. Medici dubbiosi che diventano eroi per un’intervista rilasciata alla Gazzetta di Canicattì rilanciata con foga dai media nazionali. Perfino cretini fascistelli che hanno capito che un’effige di quel tempo possa regalagli 10 minuti di celebrità. Poi c’è, ne avevamo già scritto, tutto ciò che torna utile per creare una bolla del politicamente correttore che non esiste: se una maestra elementare di qualche sconosciuto borgo si permette di dire che non le piace Biancaneve può stare sicura di meritare almeno uno straccio di interrogazione parlamentare da Fratelli d’Italia con uno strepito in omaggio di Giorgia Meloni. Nel frattempo ci sarebbero dei numeri, veri, importanti, tanti come i lavoratori che non vedono futuro oppure tutto il mondo della scuola che si interroga sulla ripartenza della ripartenza che potrebbe non ripartire. Ma adesso no, adesso la dittatura che va per la maggiore è quella degli irrilevanti. Vuoi mettere la soddisfazione di creare qualcosa che non esiste in natura? Altro che giornalismo, qui siamo nel divino.

L’articolo La dittatura degli irrilevanti proviene da Tag43.it.

La pericolosa deriva degli ultras di Draghi: “Se cade Mario, vogliamo i militari”

L’ultimo è Marcello Sorgi su La Stampa di oggi, giovedì 29 luglio 2021, ma sommessamente anche su queste pagine lo stiamo ripetendo da un po’. La venerazione per il taumaturgo Draghi riesce addirittura a spingere Sorgi a ipotizzare (seppur come ipotesi remota) un governo “perfino militare, come accaduto con il generale Figliuolo per le vaccinazioni. A mali estremi, estremi rimedi”.

Il male estremo, ovviamente, è l’ipotesi di una caduta di un governo, come sono caduti decine di governi nella storia della Repubblica e com’è caduto il governo precedente in piena pandemia.

L’ostinata e stupida divinizzazione di Mario Draghi sta facendo passare gli editoriali servili e le marce sincronizzate dei lacchè come delle semplici simpatiche manifestazione di affetto politico. Eppure, se ci pensate bene, sono gli stessi editorialisti particolarmente sensibili ogni volta che arriva una critica educata, quelli che gridano da qualche mese “al ritorno del terrorismo” se ci si permette di scrivere di salario e di lavoro, sono gli stessi sempre pronti a giudicare “antidemocratiche” o “violente” le dichiarazioni degli altri.

L’uscita di Sorgi (che è semplicemente più appuntita di tante altre uscite che compongono comunque questa aria di consenso unico obbligatorio) tra l’altro è due volte sbagliata. Prima di tutto perché non fa altro che danneggiare proprio la credibilità di Draghi, che non ha mai cercato (né mai voluto) una bava continua che ne riduce l’autorevolezza, come se avesse bisogno di essere sostenuto. E in secondo luogo è altamente inopportuna in un momento di tensione sociale in cui le scelte del governo vengono contestate e accusate di essere prove di autoritarismo.

Invocare la dittatura sanitaria è già qualcosa di poco equilibrato. Rispondere evocando un governo militare in caso di crisi è semplicemente un moltiplicatore di tensioni. Forse un po’ dipende anche dal fatto, nonostante qualcuno si risenta quando lo scriviamo, che i poteri che aspettano con ansia le prebende dal governo con la valanga di soldi in arrivo dall’Europa non riescano proprio a trattenere, come degli adolescenti elettrizzati, la gioia per essere in una posizione di assoluto favore.

O forse questa è la temperatura di certa stampa che, da cane da guardia del potere, si è involuta nell’ambizione di essere il cane da compagnia accarezzato sul divano dal presidente del Consiglio. In tutto questo, poi, c’è un punto che rende tutto ancora più patetico: non c’è nessuna crisi all’orizzonte e c’è il semestre bianco alle porte. Insomma, solo una leccata, ma pericolosa.

L’articolo proviene da TPI.it qui

La vigliaccheria degli anti-antirazzisti: criticano i calciatori inginocchiati ma non fanno nulla per contrastare l’odio

Il nuovo genere letterario sono i razzisti che, vergognandosi di dichiararsi razzisti, hanno inventato una goffa forma di anti-anti-razzismo frignando di essere oppressi (loro) da una presunta cancel culture che li strozzerebbe nelle loro pulsioni. 

Ieri, dopo le critiche ricevute per non avere aderito nelle precedenti partite di Euro 2020, cinque calciatori della nazionale italiana di calcio si sono inginocchiati contro il razzismo all’inizio della partita contro il Galles. Poiché gli avversari erano tutti compatti nell’aderire al gesto simbolico si potrebbe dire che nell’immagine che ha fatto il giro del mondo risaltano quei giocatori italiani che invece hanno deciso di starsene lì in piedi, come se passassero di lì per caso, come se il tema del razzismo non li interessasse, loro troppo concentrati a drammi ben peggiori come il non scivolare sui tacchetti.

I calciatori della Nazionale sono liberi di aderire o meno? Certo, assolutamente. Ma sia chiaro: i calciatori della Nazionale sono dei personaggi pubblici che vengono profumatamente pagati per la risonanza delle loro azioni (e delle loro inazioni) e si sottopongono inevitabilmente al giudizio del pubblico. Questo per quello che riguarda il campo.

Fuori dal campo invece oggi abbaia la schiera di quelli che ritengono qualsiasi gesto simbolico in difesa dei diritti un tema “divisivo”. Non hanno tutti i torti, in fondo, se perfino una partita di calcio riesce a pungere i loro istinti tanto da disturbarli profondamente.

Sono quelli che ci tengono a precisare di non essere razzisti ma ci aggiungono sempre un ma, quelli che sottolineano come il razzismo non si combatta con gesti simbolici (chissà che ne penserebbero Peter Norman e Jesse Owens), quelli che non si inginocchiano per “stare in piedi a testa alta con onore” (lo sentite l’odore, la reminiscenza?), quelli che definiscono pagliacciata qualsiasi presa di posizione.

Ci dicono che il razzismo vada sconfitto con i fatti. E allora sarebbe da chiedergli, cari anti-antirazzisti, cosa facciano nella loro vita di così concreto e di così poco pagliaccesco loro per combattere il razzismo. Sarebbe da chiedergli cosa ci sia di così terribilmente divisivo in un gesto del genere.

Ma andrebbero in tilt. Guardano le ginocchia degli altri perché sono troppo codardi per parlarci nel merito. Chiamano “politicamente corretto” il disgusto che proverebbero gli altri se solo avessero il coraggio di confessarsi razzisti. Del resto non tutti i vigliacchi sono razzisti ma tutti i razzisti sono vigliacchi. E proni.

L’articolo proviene da TPI.it qui

Fare il leghista con i diritti degli altri

Un consigliere comunale leghista, apostrofato sui social con la parola “frocio”, lo ha ritenuto un insulto ed ha iniziato una battaglia giudiziaria finita in Cassazione. E nella sentenza in sostanza c’è tutto l’impianto giuridico che sta dietro al ddl Zan

La notizia era uscita qualche giorno fa ma è passata inosservata e l’ha ripescata con curiosità chirurgica Cathy La Torre, avvocatessa da sempre attiva sui diritti. Leggetela bene perché dentro c’è tutta l’ipocrisia di questo tempo politico e della manfrina tirata strumentalmente in piedi intorno al Ddl Zan e ai diritti Lgbt.

Accade nell’hinterland milanese dove un esponente della Lega, consigliere comunale del Carroccio in un comune dell’hinterland milanese, ha querelato Efe Bal (transessuale impegnata da anni per la regolarizzazione della prostituzione) che lo aveva apostrofato su Facebook dandogli del “frocio”.

Il leghista se l’è presa moltissimo, ha ritenuto la parola “frocio” un insulto ed è iniziata una battaglia giudiziaria che è finita in Cassazione. Ora, seguite con attenzione: per i giudici della Cassazione gli epiteti «costituiscono, oltre che chiara lesione dell’identità personale, veicolo di avvilimento dell’altrui personalità e tali sono percepite dalla stragrande maggioranza della popolazione italiana». Non solo, aggiungono che «è destituita di ogni fondamento l’affermazione che tale espressione abbia perso il suo carattere dispregiativo per una presunta evoluzione della coscienza sociale. Perché nella prassi, molti ricorrono a quella parola per offendere». In sostanza nella sentenza c’è tutto l’impianto giuridico che sta dietro al Ddl Zan e il consigliere leghista ha combattuto in tribunale perché venisse riconosciuto.

Fenomenale la risposta della condannata che tramite il suo avvocato fa sapere che «rimane convinta di avere ragione. Resta convinta che frocio non è un insulto, che lei è libera di esprimere le proprie considerazioni. E per sostenere fino in fondo le sue idee sarebbe disposta anche a finire in galera. Se il ddl Zan fosse stato legge – ha detto il legale – sotto accusa per omofobia sarebbe finito lui, l’ex consigliere comunale leghista: in interviste e post ha fatto dichiarazioni pesantissime contro i gay».

Sono mesi che i leghisti ci spiegano che davanti alla parola “frocio” bisogna saper ridere poi arriva uno di loro che ci dà una mano a ribadire l’ovvio in tribunale. Fantastici, non c’è che dire. Meglio di uno sketch di Pio e Amedeo.

Buon martedì.

Commenti

commenti

Il mio #buongiorno lo potete leggere dal lunedì al venerdì tutte le mattine su Left – l’articolo originale di questo post è qui e solo con qualche giorno di ritardo qui, nel mio blog.

L’ipocrisia degli antipopulisti che ora incensano il Draghi “premier gratis”

Mettiamoci d’accordo: il populismo che tanto viene sventolato per irridere, fiaccare e sminuire gli avversari politici è un pensiero strutturato che vorrebbe mantenere saldi alcuni valori oppure è semplicemente il bordo di un tifo che legge gli avvenimenti in base all’utilità politica?

Il punto è sostanziale perché, se il fronte (legittimo e necessario) dell’antipopulismo si prefigge l’obiettivo di evitare le strumentalizzazioni e l’ipocrisia, avrebbe bisogno almeno di un minimo di coerenza, di identità e di credibilità. Da 24 ore i media e i social si sono in ginocchiati di fronte alla decisione di Mario Draghi di rinunciare al suo stipendio di presidente del Consiglio.

Per carità, ognuno è liberissimo di farcire di merito politico le scelte di Draghi, ognuno può intravedere del talento negli atteggiamenti che gli stanno più a cuore, ma osservare coloro che attaccavano (opinione personale: giustamente) il can can sui tagli degli stipendi ai parlamentari e oggi invece contribuiscono alla claque per opportunità politica è una scena disdicevole e misera.

Di più: è lo stesso identico populismo in salsa borghesotta con spruzzi di intellettualismo di facciata. Che Draghi rinunci al suo stipendio non ha nulla di eroico, così come non è un attestato di valore assoluto tagliarsi lo stipendio: ai politici attiene il dovere di essere all’altezza del proprio ruolo e di portare avanti le proprie idee con lealtà nei confronti del popolo italiano.

La deriva di volere pagare poco dei politici scarsi è un abbassamento di aspettative che non può che portare a politici ancora più scarsi, esattamente come accade per tutte le altre categorie professionali. Draghi, poi, può tranquillamente permettersi di rinunciare allo stipendio perché il benessere datogli dalla sua carriera professionale glielo permette: fare passare l’idea che per certi ruoli scegliere persone benestanti conviene attinge da una precisa linea politica, l’importante è esserne consapevoli.

È curioso anche che tra gli estasiati di queste ore ci siano proprio quelli che da sempre ci dicono che le competenze e i meriti devono essere giustamente pagati. Non si accorgono della contraddizione?

Conviene, quindi, fare un patto: politica è difendere alcune posizioni con la maturità di slegarle dall’opportunismo di partito. Entrare nel merito delle questioni con lucidità e competenza dovrebbe essere l’esatto opposto del populismo e non cadere nel tifo è il primo passo per restare fuori dal brodo della propaganda. La tentazione è facile, starne fuori è serio.

Leggi anche: 1. Draghi è un’occasione per la politica italiana, ma il “populismo delle élite” rischia di rovinarla / 2. Il populismo chic delle élite: la competenza come unica fede

L’articolo proviene da TPI.it qui

“Donna, ricordati di procreare altrimenti non ti realizzi”

A destra la concezione dell’identità di donna è sempre la stessa dai tempi di Adamo: essa per la Lega o Forza Italia ha il supremo compito di partorire come accadeva in quei tempi in cui in Italia avevamo qualche problemino con la democrazia

Antonio Tajani è coordinatore nazionale di Forza Italia, mica uno qualunque. Uno dei suoi pregi, per chi ha uso di seguire la politica, è quello di essere sornione sempre allo stesso livello mentre si ritrova a parlar degli argomenti più diversi, come se recitasse a memoria il ruolo che Forza Italia si propone nel centrodestra: essere quelli “seri”, quelli “non populisti”, quelli “libertari” e così via.

Ieri Tajani era presente alla presentazione degli eventi della festa ‘Mamma è bello’ e ovviamente gli è toccato sfoderare qualche riflessione politica sul ruolo di mamma (i politici, quelli che funzionano sono così, hanno un’idea su tutto e un mazzo di slogan per qualsiasi occasione, dalla sagra della porchetta fino al complesso tema di maternità e famiglia) e così ha sfoderato la solita frase come una tiritera, forse rendendosi poco conto di quello che stava dicendo. «La famiglia senza figli non esiste», ha detto Tajani, e poi, tanto per non perdere l’occasione di peggiorare la propria figura ha deciso anche di aggiungerci che «la donna non è una fattrice, ma si realizza totalmente con la maternità».

Ma come? Ma Forza Italia non è proprio il partito delle libertà? Niente: Tajani non si è nemmeno reso conto di essere riuscito in pochi secondi a tagliare completamente fuori migliaia di persone che avrebbero tutto il diritto di sentirsi feriti dalle sue parole. Mettere in dubbio la legittimità di un amore e di una famiglia, del resto, sembra essere diventato il giochino del momento dalle parti del centrodestra e così le famiglia che non hanno figli e quelle che non ne possono avere improvvisamente si accorgono di essere meno degne di tutti gli altri. E badate bene, qui siamo addirittura oltre al solito attacco alle coppie omosessuali: qui siamo proprio a un’idea di donna che ha il supremo compito di partorire come accadeva in quei tempi in cui in Italia avevamo qualche problemino con la democrazia.

Molti sono inorriditi, giustamente e si sono lamentati ma in fondo è proprio sempre la stessa idea di mondo, anche se esce con toni e con modi diversi, che nel centrodestra si coltiva da anni: «Le donne preferiscono accudire le persone, gli uomini preferiscono la tecnologia», ha detto ieri a Piazza Pulita (solo per citare uno dei tanti esempi) Alberto Zelger, consigliere comunale della Lega a Verona.

Insomma, anche oggi, care donne vi è stato ricordato il sacro comandamento di realizzarvi solo attraverso la procreazione. E se è vero che qualcuno potrebbe fregarsene della sparata di Tajani, come accade per le boiate di Salvini, occorre ricordare che questi sono leader di partiti che decideranno come spendere i soldi che dovrebbero servire per rimettere in piedi l’Italia, sono lì a stabilire quali dovrebbero essere le priorità. E questo, vedrete, è molto di più di una semplice frase sbagliata.

Buon venerdì.

Commenti

commenti

Il mio #buongiorno lo potete leggere dal lunedì al venerdì tutte le mattine su Left – l’articolo originale di questo post è qui e solo con qualche giorno di ritardo qui, nel mio blog.

La sinistra si scalda per i processi a Salvini e ignora i migranti: 500 morti in 4 mesi (+200%)

Il Mediterraneo continua ad essere un cimitero liquido e il campo di battaglia di emergenze che spuntano solo quando tornano comode alla sfida politica. L’ipocrisia dei partiti sta tutta in quei numeri che diventano roncole quando servono per attaccare l’avversario e poi scompaiono se richiedono senso di responsabilità. Fra qualche mese, sicuro, comincerà di nuovo la fanfara degli sbarchi incontrollati come accade ciclicamente tutte le estati (con il miglioramento delle condizioni atmosferiche e quest’anno anche con l’allentamento del virus) e intanto sembra impossibile riuscire a costruire una chiave di lettura collettiva su cui dibattere e da cui partire per proporre soluzioni.

Però nel Mediterraneo un’emergenza c’è già, innegabile, e sta tutta nello spaventoso numero di morti in questi primi mesi dell’anno: mentre nel 2020 furono 150 le vittime accertate nel Mediterraneo quest’anno ne contiamo già 500, con un aumento quasi del 200%. A lanciare l’allarme è stata Carlotta Sami, portavoce dell’Unhcr, che ha partecipato al briefing con la stampa del Palais des Nations di Ginevra dal porto di Trapani in Sicilia, dove circa 450 persone stavano sbarcando in seguito al salvataggio da parte della nave della ONG Sea Watch: «Dalle prime ore di sabato 1 maggio – ha spiegato Sami – sono sbarcate in Italia circa 1.500 persone soccorse dalla Guardia Costiera italiana e dalla Guardia di Finanza o da Ong internazionali nel Mediterraneo centrale. La maggior parte delle persone arrivate è partita dalla Libia a bordo di imbarcazioni fragili e non sicure e ha lanciato ripetute richieste di soccorso».

Sami ha anche tracciato un primo quadro degli sbarchi nel 2021: «Mentre gli arrivi totali in Europa sono in calo dal 2015, – ha spiegato Sami – gli ultimi sbarchi portano il numero di arrivi via mare in Italia nel 2021 a oltre 10.400, un aumento di oltre il 170 per cento rispetto allo stesso periodo del 2020. Ma siamo anche profondamente preoccupati per il bilancio delle vittime: finora nel 2021 almeno 500 persone hanno perso la vita cercando di compiere la pericolosa traversata in mare lungo la rotta del Mediterraneo centrale, rispetto alle 150 dello stesso periodo del 2020, un aumento di oltre il 200 per cento. Questa tragica perdita di vite umane sottolinea ancora una volta la necessità di ristabilire un sistema di operazioni di ricerca e soccorso nel Mediterraneo centrale coordinato dagli Stati».

L’agenzia Onu «sta lavorando con i suoi partner e con il governo italiano nei porti di sbarco per aiutare ad identificare le vulnerabilità tra coloro che sono arrivati e per sostenere il sistema di accoglienza dei richiedenti asilo» ma Sami sottolinea come continuino a mancare «percorsi legali come i corridoi umanitari, le evacuazioni, il reinsediamento e il ricongiungimento familiare devono essere ampliati» mentre «per le persone che non hanno bisogno di protezione internazionale, devono essere trovate soluzioni nel rispetto della loro dignità e dei diritti umani». L’incidente più grave finora è quello del 22 aprile, quando un naufragio ha causato la morte di 130 persone sollevando i prevedibili lamenti che ogni volta vengono spolverati per l’occasione. Solo una questione di qualche ora, come sempre, poi niente. La zona continua a essere completamente delegata alla cosiddetta Guardia costiera libica: «Nell’ultimo naufragio si parla di almeno 50 morti, noi abbiamo la certezza solo di 11 persone.  Quello che sappiamo è che erano in zona una nave mercantile e un’altra barca e che non sono intervenute, nonostante sia stato lanciato l’sos. E questo è molto grave: se c’è un natante in distress si deve intervenire, perché l’imbarcazione può affondare in qualsiasi momento. Ma ormai questa sembra essere una prassi consolidata: nessuno interviene in attesa che arrivi la Guardia costiera libica e riporti le persone indietro. Questo ci preoccupa molto», ha spiegato Carlotta Sami.

Secondo le stime dell’Organizzazione internazionale delle migrazioni (Oim) siamo al 60% di persone che tentano la traversata in mare e che vengono sistematicamente riportate indietro: «Almeno una su due è matematicamente riportata in Libia – spiega Flavio Di Giacomo, portavoce Oim, a Redattore Sociale -. Dopo l’ultimo naufragio abbiamo lanciato un appello all’Ue perché si rafforzi il sistema di pattugliamento in mare e si evitino altre tragedie, ma è caduto nel vuoto. C’è un silenzio politico assordante su questo tema. Si parla solo genericamente di un aumento degli arrivi: ma attenzione a evitare narrazioni propagandistiche perché nonostante la crescita i numeri restano bassi. Non esiste un’emergenza in termini numerici ma solo un’emergenza umanitaria, di morti e dispersi in mare».

Sempre a proposito di proporzioni poi ci sarebbe da capire perché le eventuali (gravi) responsabilità penali di Salvini quando fu ministro e lasciò alla deriva le navi delle Ong debbano infiammare più di questo spaventoso numero di morti che sembra non avere responsabili. Forse anche il centrosinistra, se vuole davvero occuparsi di diritti umani e non solo di dialettica politica, dovrebbe avere il coraggio di ripartire da qui.

L’articolo La sinistra si scalda per i processi a Salvini e ignora i migranti: 500 morti in 4 mesi (+200%) proviene da Il Riformista.

Fonte

Il vero allarme sicurezza

Pensateci bene, non avete la sensazione che il problema degli omicidi sia il primo problema della sicurezza in Italia? Non vi è capitato ogni volta, tutte le volte, di vedere rilanciato, di sentire dibattuto un delitto qualsiasi soprattutto se torna utile alle esigenze televisive (quindi con qualche efferatezza di cui disquisire in studio) o se torna utile alle esigenze della propaganda (e qui lo straniero viene perfetto)?

Se dovessimo disegnare il Paese come esce raccontato dai giornali e dalla televisione verrebbe da dire che gli omicidi siano moltissimi. Pensate ai morti sul lavoro e ai morti di lavoro: da 24 ore si parla (e per fortuna) della morte di Luana D’Orazio risucchiata da un macchinario tessile a Prato. D’Orazio è perfetta per la narrazione perché era giovane (22 anni), mamma da appena un anno e bella.

Eppure si muore più di lavoro che di omicidio: l’anno scorso 1.270 persone hanno perso la vita sul lavoro e gli omicidi sono stati 271. Se le emergenze devono essere pesate con i numeri l’allarme sicurezza che dovrebbe far strepitare la classe politica e su cui si dovrebbero accapigliare dovrebbero essere questi morti. Attenzione, quest’anno sta andando tutto molto peggio: le denunce di infortunio sul lavoro con esito mortale presentate all’Inail entro il mese di marzo sono state 185, 19 in più rispetto alle 166 registrate nel primo trimestre del 2020 con un incremento dell’11,4%. Per capirsi: lo scorso 29 aprile una trave aveva ceduto nel deposito Amazon di Alessandria causando un morto e 5 feriti, a Taranto un gruista di 49 anni è morto precipitando sulla banchina e a Montebelluna (Treviso) un operaio di 23 anni era stato investito da un’impalcatura, morendo sul colpo. Tre morti in un giorno.

Parlare dei morti sul lavoro è molto meno redditizio dell’altra “sicurezza” di cui si ciancia un po’ dappertutto: c’è da mettere mano a una normativa che risale al 1965 e il Decreto 81 del 2008 che ha ampiamente superato i 10 anni non ha mai visto il completamento di alcuni articoli che attendono ancora la firma di una ventina di decreti attuativi che avrebbero dovuto renderli operativi.

E se qualcuno pensa che sia inaccettabile morire a 22 anni sul lavoro allora vale la pena rileggere la dichiarazione di ieri della madre di Luana D’Orazio: «Sul lavoro non devono morire né ventenni, né trentenni, né più anziani, sono tutte vite umane».

Buon mercoledì.

Commenti

commenti

Il mio #buongiorno lo potete leggere dal lunedì al venerdì tutte le mattine su Left – l’articolo originale di questo post è qui e solo con qualche giorno di ritardo qui, nel mio blog.

A proposito di priorità

Ogni tanto converrebbe prendersi la briga di leggere gli atti parlamentari perché in fondo è proprio il Parlamento che dovrebbe essere la sede per l’azione politica più importante, quella più sostanziosa e evidente.

Le parole, si sa, sono importanti e in politica le parole disegnano l’azione che si ha in mente per il futuro. Ogni tanto si crede che i leader politici esagerino durante le loro comparsate televisive per semplificare il loro messaggio e per fomentare un po’ la propaganda.

Ecco, proviamo a metterci le mani, tanto per capire di cosa stiamo parlando. Per Fratelli d’Italia il deputato De Toma è intervenuto alla Camera per presentare una mozione (la 1/00469) di cui è primo firmatario il suo compagno di partito Lollobrigida, dal titolo impegnativo: Mozione concernente iniziative per il rilancio produttivo e economico della nazione. Uno si immagina finalmente di vedere una proposta di soluzione da parte dell’unico partito di opposizione, sono quelli che dicono che i diritti non siano una priorità e che bisogna occuparsi del bene del Paese, non perdersi in chiacchiere. Benissimo. Nel suo discorso alla Camera ha usato parole altissime: «Più volte è stato annunciato l’avvento di tempi nuovi. Oggi ci staremmo preparando ad affrontare un’altra svolta, con il Governo dei migliori alla guida del Paese, eppure è evidente a tutti che così non è. L’Italia ha bisogno di gente che sappia fare le cose e che abbia il contatto con la vita reale».

E uno pensa: oh, finalmente si esce dalle barriere ideologiche e si lavora per il bene del Paese. Perfetto, cosa si dice nella mozione? Ecco qui uno stralcio, del “visto che”:

si assiste alla perdurante furia «gender» portata avanti dalla sinistra, a cominciare dalla sostituzione della mamma e del papà con la triste dizione «genitore uno» e «genitore due», mentre per alcune forze di Governo tematiche quali lo «ius soli» sembrano avere maggiore importanza della ripresa economica, che è la vera sfida di oggi, con la crisi che morde milioni di famiglie e di imprese italiane;

la cosiddetta «cancel culture» e l’iconoclastia, cioè la vandalizzazione o addirittura l’abbattimento di parte del patrimonio culturale considerato «politicamente scorretto», è un fenomeno che dagli Usa e da alcune nazioni europee sta arrivando, grazie ad alcuni presunti intellettuali, in Italia; il dibattito sul passato, totalmente decontestualizzato, rischia d’inasprire il confronto e di cancellare, dai libri e dal nostro patrimonio, la nostra cultura;

è insensato pensare di invertire il trend della caduta della curva demografica e della natalità zero nel nostro Paese, attraverso l’agevolazione di un ingresso incontrastato di immigrati e clandestini, anche attraverso la semplificazione contenuta nell’ultimo «decreto sicurezza» delle pratiche necessarie per ottenere accoglienza e residenza, non solo per chi provenga da zone teatro di guerra ma anche per motivi di lavoro, ove ne ricorrano i requisiti;

sul fronte della sicurezza e della lotta all’immigrazione clandestina Fratelli d’Italia ha proposto fin da subito la soluzione del blocco navale: per evitare che il Mediterraneo continui ad essere un mare di morte, regno degli scafisti e delle organizzazioni non governative che, dietro presunte operazioni umanitarie, sono state spesso complici anche involontarie ma non per questo meno colpevoli del traffico di esseri umani.

Fa bene leggere gli atti parlamentari. Perché di questo stiamo parlando: della propaganda che addirittura non viene più usata per rendere vendibili i contenuti ma che diventa essa stessa contenuto. Il rilancio del Paese, per Giorgia Meloni, è anche questa cosa qui. Segnatevelo.

Buon martedì.

(nella foto Francesco Lollobrigida e Giorgia Meloni, Fratelli d’Italia)

Commenti

commenti

Il mio #buongiorno lo potete leggere dal lunedì al venerdì tutte le mattine su Left – l’articolo originale di questo post è qui e solo con qualche giorno di ritardo qui, nel mio blog.