Conte, l’avvocato degli italiani (ma bianchi e eterosessuali)


Nessuna dichiarazione da parte del presidente del Consiglio sulla morte di Soumalya Sacko, barbaramente ucciso. Prevedibile: il primo compito di Conte è di non urtare la suscettibilità dei suoi “padrini” politici. E deve essere una vita difficile quella di Conte: presentarsi come l’avvocato di tutti gli italiani e dovere imparare in pochi giorni che tutti gli italiani sono tutti tranne i neri (Soumalya Sacko, non era clandestino, eh) e gli omosessuali è una gran fatica.
Continua a leggere