europa

Il sogno infranto di Benjamin si chiamava Europa, la sua vita spezzata a 17 anni sull’asfalto di Tripoli

Si chiamava Benjamin e aveva 17 anni. A inizio mese anche lui era stato arrestato dalle autorità libiche in quell’enorme rastrellamento condotto dal governo, ufficialmente per motivi di sicurezza e di lotta al narcotraffico, che ha portato nei centri di detenzione ufficiali oltre 5.000 persone rinchiuse nelle solite condizioni che tutto il mondo conosce. Viene perfino difficile riscriverlo di nuovo, eppure i migranti intrappolati in Libia continuano a chiederlo: continuate a scrivere, scrivono, voi giornalisti continuate a raccontare come siamo noi qui, prima o poi qualcosa si muoverà.

I centri di detenzione libici sono stati mostrati al mondo. Ci sono le immagini, ci sono i video, ci sono le testimonianze. Finire in un centro di detenzione controllato dallo Stato significa smettere di essere uomo diventare topo, dormire in mezzo agli escrementi se si riesce ad avere la fortuna di ritagliarsi lo spazio necessario, significa sfiorare la morte per l’inedia che assale per la troppa fame e per la troppa sete, significa essere carne da violentare se si è donna, carne da fare urlare se si è uomo, perché le urla le possano sentire i famigliari che devono spedire altri soldi. Benjamin a 17 anni aveva passato l’orrore ed era stato rilasciato alcuni giorni fa. I rastrellamenti del governo hanno riempito i centri ufficiali che cominciavano a scoppiare e gli occhi, seppur tiepidi, della comunità internazionale hanno fatto il resto. La liberazione in Libia è un concetto strano, anche la libertà non ha lo stesso suono come in molti altri Paesi del mondo: essere liberi a Tripoli significa avere l’opportunità di affrontare altre privazioni fisiche e economiche per tentare la traversata. Come possa andare a finire nel Mediterraneo lo sanno tutti, lo sanno i profughi soprattutto ora che la bella stagione è finita e il mare comincia ad ingrossarsi più spesso e lo sappiamo noi che ogni giorno vediamo sfilare i numeri, anche se abbiamo imparato a diventarne impermeabili.

Benjamin uscito dal centro di detenzione ha raggiunto gli altri, sono migliaia, che a Tripoli dormono per strada poco distanti dalla sede dell’UNHCR che però ha interrotto la propria attività perché “impossibilitata a proseguire”. I migranti appesi al marciapiede sono la fotografia perfetta di cosa siano la libertà e i diritti di questa gente secondo il governo libico, ma anche per la comunità internazionale che li osserva da lontano: hanno il diritto di dormire per strada, di farsi erodere dalla pioggia, di mendicare. Sono liberi di essere perseguitati. Ne scrivevamo su queste pagine pochi giorni fa: nemmeno il Papa e la Chiesa che rappresenta, quella che molti invocano quando devono legittimare le proprie battaglie politiche, sono riusciti a smuovere niente. Banmat Barkhat, per tutti Benjamin, mentre caracollava insieme alle altre 3.000 persone accampate e sospese in un limbo di umanità e di diritto è stato investito da un’auto di notte. La sua felpa a quadrettoni rossi e neri è rimasta sull’asfalto come un sacco di iuta, Benjamin era molle come uno degli orologi di Dalì e i compagni di sventura cercavano di soccorrerlo scuotendolo per avere un segno di vita. Non ce l’ha fatta. Chi l’ha investito se n’è andato senza nemmeno un fremito di rimorso. Ancora ieri i migranti accampati ne piangevano la perdita e chiedevano all’Europa di aprire gli occhi, di smettere di finanziare tutto quell’orrore.

I contrabbandieri con i migranti rimasti senza casa e all’addiaccio sotto teli di plastica hanno potuto alzare i prezzi: ora servono almeno 1.500/2.000 dollari per tentare di raggiungere l’Italia o Malta attraverso il Mar Mediterraneo. «Molti di noi cercano di attraversare via mare perché abbiamo perso fiducia nell’UNHCR per trovare vie legali per uscire». Qualcuno racconta di avere amici che sono riusciti a sfuggire ai rastrellamenti ma portano ancora addosso i segni delle fruste. Molti non si sa nemmeno dove siano finiti. Di sicuro alcuni sono morti che non rientreranno mai in nessun elenco ufficiale e gli altri che sono riusciti a nascondersi non escono perché temono di essere rapiti. Del resto i rifugiati sano bene che quest’anno solo 345 persone hanno lasciato la Libia grazie ai corridoi umanitari. Nel 2020 erano stati 811. Negli ultimi mesi la Libia impedisce i voli di evacuazioni per vulnerabili e richiedenti asilo. L’UNHCR avrebbe ricevuto una “conferma verbale” che i voli potrebbero riprendere a breve ma non c’è nulla di ufficiale.

Il portavoce dell’UNHCR Tarik Argaz ha detto: «I nostri team stanno già preparando tutta la logistica necessaria per riprendere le evacuazioni il prima possibile. Tuttavia, ciò potrebbe richiedere del tempo poiché alcuni di quelli prioritari per i voli sono attualmente in detenzione, a causa delle operazioni di sicurezza. Altri non possono essere raggiunti poiché le loro case sono state demolite, e gli sono stati portati via gli effetti personali e i telefoni». Ad ottobre più di 2.800 persone si sono messe in salvo in Europa. 1016 sono state salvate dalla flotta civile e più di 1.800 sono arrivate in autonomia (ovvero pagando a caro prezzo gli sfruttatori) a Lampedusa. Accanto a questi numeri ci sono, solo nel mese di ottobre, più di 1.700 persone respinte illegalmente in Libia dalla cosiddetta Guardia costiera libica. Nonostante i tribunali e le organizzazioni umanitarie del mondo continuino a dire che riportare i migranti in Libia sia contro qualsiasi legge e qualsiasi accordo sui diritti umanitari l’opera di respingimento in mezzo al Mediterraneo della Guardia costiera libica (pagata e addestrata direttamente dell’Italia) continua incessantemente.

Quanto possono valere le leggi italiane e internazionali in un Paese in cui ormai non vige nemmeno il principio minimo di umanità. Una volta rientrati in Libia i profughi pescati in mezzo al mare ricominciano daccapo: vengono rinchiusi di nuovo nei centri di detenzione, ancora violenze, altri soldi da pagare poi se va bene ci si riprova di nuovo. A Tripoli tra gli accampati sui marciapiedi c’è qualcuno che racconta di avere ripetuto il ciclo dieci volte. Poi ci sono i morti, diciamo i morti che si possono contare perché muoiono sotto gli occhi di qualche testimone o perché galleggiano sull’acqua e vengono fotografati: a ottobre sono almeno 84 persone decedute nel Mediterraneo centrale. Ma contare i morti è difficile: avere occhi per capire la realtà significa riuscire a superare le ostilità di chi ritiene le Ong e le loro navi addirittura la vera radice del male. Il Mediterraneo ormai è un enorme cimitero liquido in cui anche essere testimoni è un’impresa titanica. Del resto l’Europa è la finanziatrice di tutto questo orrore. Com’è pensabile che voglia risolverlo?

L’articolo Il sogno infranto di Benjamin si chiamava Europa, la sua vita spezzata a 17 anni sull’asfalto di Tripoli proviene da Il Riformista.

Fonte

Miliardi di euro in arrivo dall’Europa eppure il governo non ha stanziato i fondi per le quarantene

Sarà per questa moda dei due Mattei (Renzi e Salvini, gemelli nella lotta contro i poveri fingendo di lottare contro la povertà) o sarà per questa egemonia confindustriale che sembra avere attecchito benissimo nel Paese ma che l’Inps il 6 agosto abbia fatto sapere che la quarantena per contatto Covid non sia più considerata malattia e che quindi l’assenza non sia più a suo carico sembra avere interessato poco o niente, giusto qualcuno che oggi (19 giorni dopo, evviva!) si accorge del risultato finale della sfortunata novità: alla fine a pagare le conseguenze, anche economiche, dell’emergenza sanitaria saranno ancora una volta i lavoratori. Sempre loro.

LIstituto, in particolare, ha chiarito che lindennità di malattia per quarantena Covid non può essere erogata per gli eventi relativi al 2021, ma solo per tutto il 2020 nel limite delle risorse stanziate: i 631 milioni di euro previsti dal legislatore per il 2021 sono svaniti nel nulla, senza nemmeno un plissé da parte dei partiti, nemmeno da quelli che oggi si battono per la gratuità dei tamponi per accarezzare gli sfinteri delle persone che non si vogliono vaccinare. 

Tanto per fare un esempio: TNI Italia (un gruppo di associazioni nato dopo il primo lockdown nel mondo della ristorazione) valuta in circa 600 euro il costo di un’eventuale quarantena sulla busta paga. Chi tirerà fuori questi soldi?

Viene fin troppo facile indovinare: il lavoratore, sicuro. Chi dovrà mettersi in quarantena dovrà presumibilmente usare ferie e permessi, pagando di tasca propria la tutela della propria salute e quella dei colleghi e dei clienti, in nome di un nuovo sovranismo sanitario in cui ammalarsi costa.

La novità porta con sé anche un’ulteriore inevitabile conseguenza: chi ammetterà di avere avuto contatti con un positivo se è consapevole che questo comporterà un inevitabile scontro con il proprio datore di lavoro? Cos’è se non un’istigazione all’omertà?

Poi ci sono i tracciamenti (che fin dall’inizio della pandemia non sono stati il nostro forte) che risentiranno inevitabilmente della nuova misura. Se disincentivi (decurtando ferie, permessi ai lavoratori) la denuncia di contatti con positivi rischi di veder incrementare proprio i positivi?

E badate bene: tutto questo accade in un mondo del lavoro ancora flagellato dalla pandemia, con capi di partito che dai loro hotel a centododici stelle invitano a educarci alla sofferenza, con un “bonus terme” spalmato a piacimento e con miliardi di euro in arrivo dall’Europa per uscire dalla pandemia. Non notate che, al solito, ci sia qualcosa di sbagliato?

L’articolo proviene da TPI.it qui

L’ipocrisia dell’Europa che fa la morale a Orban ma chiude gli occhi sulle violazioni di Erdogan

Va benissimo, l’Europa alza la voce contro Orban e contro l’Ungheria per una legge omofoba che da quelle parte viene vissuta come liberazione dall’oppressione del “politicamente corretto”. Del resto accade sempre così: i conservatori giocano a fare apparire i diritti come attacco alle posizioni di rendita di tutti gli altri e quindi zittirli risulta addirittura una difesa della status quo che può essere rivenduta come libertà. Che l’Europa comunque trovi la quadra per condannare una legge che si permette perfino di rendere illegali semplici film della Disney in nome della difesa della sessualità di quelli stabiliti “normali” dalle leggi di Stato. Va tutto benissimo, per carità, e che 16 Stati abbiano firmato contro l’Ungheria non può che essere una buona notizia in questi tempi di attacchi da più parti.

Sorge un dubbio, però: mentre l’Europa trova un’insperata unità per i diritti Lgbtq+ nel frattempo si prepara a licenziare l’accordo con la Turchia di Erdogan per fermare limmigrazione dai Balcani, quasi altri 6 miliardi di euro che verranno formalizzati dalla Commissione nelle prossime settimane”, segnalano fonti Ue. Da qui l’interrogativo: ma siamo sicuri che l’Europa che riesce a fingersi contrita per i diritti di alcuni possa avere credibilità mentre calpesta e addirittura subappalta il calpestamento dei diritti di altri? Perché siamo nel 2021 ma alla fine siamo allo stesso punto, con un’Europa che lecca la Turchia (e la Libia) per fungere da confini perfino poco illegali per potere controllare l’immigrazione.

Ancora una volta si continua a pagare un “dittatore” (non l’avevano chiamato così?) per mettere in piedi una barriera che non tenga conto di nessun diritto e di nessun principio di umanità che impedisca ai migranti di cercare rifugio in Europa. Il subappalto dei confini è qualcosa che evidentemente si riesce a nascondere dall’indignazione generale molto più facilmente rispetto alle pessime leggi del pessimo Orban.

Alla fine il tema è sempre lo stesso, quella credibilità che si guadagna esercitando e non solo prefissandola che manca all’Europa ma che soprattutto manca ai Paesi sempre pronti a fare i moralisti senza morale, occupandosi dei diritti più facili da sdoganare o comunque di quelle azioni che non interferiscono con i poteri interni nel governo del proprio Paese. David Sassoli ha detto che “l’immigrazione deve smettere di essere un tema elettorale” ma ancora una volta dopo le parole i fatti raccontano completamente un’altra storia. E immaginare un’Europa in cui Orban è il cattivo e Erdogan viene pagato per fare l’Erdogan è un incubo che non si riesce nemmeno a descrivere.

L’articolo proviene da TPI.it qui

Dal Vaticano a Orban, passando per Salvini e Meloni: in Europa è in atto un’offensiva contro i diritti Lgbt

Punto primo: quando qualche giorni fa si scriveva della legge liberticida voluta da Orban in Ungheria i soliti noti tra i commentatori di casa nostra di sono sperticati per dirci che i difensori dei gay strepitavano per niente. Si abilitavano, ancora, un’altra volta, se è vero che i rappresentanti di 14 Paesi della Ue hanno sottoscritto martedì un documento di condanna della legge. Anche l’Italia, seppur in ritardo, ha aderito dopo avere aspettato “delucidazioni dal governo di Budapest”. La legge vieta la rappresentazione di qualunque orientamento sessuale che non sia quello etero per chiunque abbia un’eta inferiore ai 18 anni. Il divieto riguarda l’insegnamento nelle scuole ma investe anche la programmazione televisiva, la pubblicità, il cinema. È l’ennesimo attacco di Orban contro i diritti Lgbtq+ ma soprattutto è l’ennesimo indizio di un vento che tira in Europa: l’attacco proviene da più fronti e il tema ormai è terreno di scontro politico, come sempre sulla pelle dei diritti di qualcuno.

In Italia gli amichetti di Orban, Salvini e Meloni e molti berlusconiani, insistono sulla stessa linea, pur contenendosi per fingere un certo equilibrio, spremendosi nella diffusione di vere e proprie fake news che passano dalle “favole rubate ai bambini” (come ha detto ieri Salvini) fino alla nota congiunta in cui si chiede lo stop del ddl Zan sull’onda delle parole del Vaticano. “Che peccato, pensavo davvero che le parole del Presidente #Draghi sulla laicità dello Stato e la sovranità del Parlamento fossero condivise da tutte le forze politiche. E niente la destra non ce la fa proprio, ma non è la destra europea, non è la mia…”, scriveva ieri il deputato di FI Elio Vito.

A proposito di Vaticano, la strategia è sempre la stessa: lanciare la bomba e poi calmare le acque buttandola sulla “richiesta di un confronto”. L’obiettivo di fondo intanto è raggiunto e l’assist ai sovranisti è stato servito. Ieri il presidente Draghi ha ribadito la piena autonomia del Parlamento (e ci mancherebbe pure) ma l’incaglio della legge è dietro l’angolo. Anche tra i progressisti si registrano imbarazzo e balbettamenti: il Vaticano, si sa, è più trasversale perfino della difesa dei diritti. Ma questo tempo ci dice chiaramente che sui diritti Lgbtq+ non ci si può permettere di rimanere indifferenti: alla luce di questi attacchi diventa obbligatorio decidere da che parte stare. Sul tavolo c’è molto di più di un semplice disegno di legge, c’è un modo di vedere i diritti e il mondo.

L’articolo proviene da TPI.it qui

Dal bacio di Biancaneve a «è una vergogna signora mia…»

Era inevitabile ed è accaduto: a furia di moltiplicare iperboli per leccare anche l’ultimo clic indignato sul fondo della scatola perfino Enrico Mentana decide di dire la sua sulla “cancel culture” con due righe veloci, di passaggio, sui social paragonandola niente popò di meno che ai roghi dei libri del nazismo, con annessa foto di in bianco e nero di un rogo dell’epoca perché si sa, l’immagine aumenta a dismisura la potenza algoritmi del post.

Una polemica partita da un giornalino di San Francisco

La settimana delle “irreali realtà su cui pugnacemente dibattere” questa settimana in Italia parte dal bacio di Biancaneve cavalcato (in questo caso sì, con violenza amorale) da certa destra spasmodicamente in cerca di distrazioni e si conclude con gli editoriali intrisi di «è una vergogna, signora mia» di qualche bolso commentatore pagato per rimpiangere sempre il tempo passato. Fa niente che non ci sia mai stata nessuna polemica su quel bacio più o meno consenziente al di là di una riga di un paio di giornaliste su un quotidiano locale di San Francisco: certa intellighenzia Italiana si spreme da giorni sull’opinione di un articolo di un giornalino oltreoceano convinta di avere diagnosticato il male del secolo, con la stesa goffa sproporzione che ci sarebbe se domani un leader di partito dedicasse una conferenza stampa all’opinione di un avventore del vostro bar sotto casa. Un ballo intorno alle ceneri del senso di realtà per cui si son agghindati tutti a festa, soddisfatti di fare la morale a presunti moralisti di una morale distillata dall’eco dopata di una notizia locale.

Se la battaglia “progressista” si ispira a Trump

Chissà se i democraticissimi e presunti progressisti che si sono autoconvocati al fronte di questa battaglia sono consapevoli di avere come angelo ispiratore l’odiatissimo Donald Trump, il migliore in tempi recenti a utilizzare la strategia retorica del politicamente corretto per spostare il baricentro del dibattito dai problemi reali (disuguaglianze, diritti, povertà, discriminazioni) a un presunto problema utilissimo per polarizzare e distrarre. Nel 2015 Donald Trump, intervistato dalla giornalista di Fox Megyn Kelly su suoi insulti misogini via Twitter («You’ve called women you don’t like fat pigs, dogs, slobs and disgusting animals…») rispose secco: «I think the big problem this country has is being politically correct». Che un’arma di distrazione di massa venisse poi adottata dalle destre in Europa era facilmente immaginabile ma che si attaccassero a ruota anche disattenti commentatori e intellettuali (?) convinti di purificare il mondo era un malaugurio che nessuno avrebbe potuto prevedere. Così la convergenza di interessi diversi ha imbastito un fantasma che oggi dobbiamo sorbirci e forse vale la pena darsi la briga di provarne a smontarne pezzo per pezzo.

La banalizzazione delle lotte altrui è un modo per disinnescarle

C’è la politica, abbiamo detto, che utilizza la cancel culture per accusare gli avversari politici di essere ipocriti moralisti concentrati su inutili priorità: se io riesco a intossicare la richiesta di diritti di alcune minoranze con la loro presunta e feroce volontà di instaurare una presunta egemonia culturale posso facilmente trasformare gli afflitti in persecutori, la loro legittima difesa in un tentativo di sopraffazione e mettere sullo stesso piano il fastidio per un messaggio pubblicitario razzista con le pallottole che ammazzano i neri. La banalizzazione e la derisione delle lotte altrui è tutt’oggi il modo migliore per disinnescarle e il bacio di Biancaneve diventa la roncola con cui minimizzare le (giuste) lotte del femminismo come i cioccolatini sono stati utili per irridere i neri che si sono permessi di “esagerare” con il razzismo. Il politicamente corretto è l’arma con cui la destra (segnatevelo, perché sono le destre della Storia e del mondo) irride la rivendicazione di diritti.

Correttori del politicamente corretto a caccia di clic

Poi c’è una certa fetta di artisti e di intellettuali, quelli che hanno sguazzato per una vita nella confortevole bolla dei salottini frequentati solo dai loro “pari”, abituati a un applauso di fondo permanente e a confrontarsi con l’approvazione dei propri simili: hanno lavorato per anni a proiettare un’immagine di se stessi confezionata in atmosfera modificata e ora si ritrovano in un tempo che consente a chiunque di criticarli, confutarli e esprimere la propria disapprovazione. Questi trovano terribilmente volgare dover avere a che fare con il dissenso e rimpiangono i bei tempi andati, quando il loro editore o il loro direttore di rete erano gli unici a cui dover rendere conto. Benvenuti in questo tempo, lorsignori. Poi ci sono i giornalisti, quelli che passano tutto il giorno a leggere certi giornali americani traducendoli male con Google e il cui mestiere è riprendere qualche articolo di spalla per rivenderlo come il nuovo ultimo scandalo planetario: i politicamente correttori del politicamente corretto è un filone che garantisce interazioni e clic come tutti gli argomenti che scatenano tifo e ogni presunta polemica locale diventa una pepita per la pubblicità quotidiana. A questo aggiungeteci che c’è anche la possibilità di dare fiato a qualche trombone in naftalina e capirete che l’occasione è ghiottissima. Infine ci sono gli stolti fieri, quelli che da anni rivendicano il diritto di essere cretini e temono un mondo in cui scrivere una sciocchezza venga additato come sciocchezza. Questi sono banalissimi e sono sempre esistiti: poveri di argomenti e di pensiero utilizzano la provocazione come unico sistema per farsi notare e come bussola vanno semplicemente “contro”. Chiamano la stupidità “libertà” e pretendono addirittura di essere alfieri di un pensiero nuovo. Invece è così banale il disturbatore seriale. Tanti piccoli opportunismi che hanno trovato nobiltà nel finto dibattito della finta cancel culture.

L’articolo Dal bacio di Biancaneve a «è una vergogna signora mia…» proviene da Tag43.it.

La sinistra si scalda per i processi a Salvini e ignora i migranti: 500 morti in 4 mesi (+200%)

Il Mediterraneo continua ad essere un cimitero liquido e il campo di battaglia di emergenze che spuntano solo quando tornano comode alla sfida politica. L’ipocrisia dei partiti sta tutta in quei numeri che diventano roncole quando servono per attaccare l’avversario e poi scompaiono se richiedono senso di responsabilità. Fra qualche mese, sicuro, comincerà di nuovo la fanfara degli sbarchi incontrollati come accade ciclicamente tutte le estati (con il miglioramento delle condizioni atmosferiche e quest’anno anche con l’allentamento del virus) e intanto sembra impossibile riuscire a costruire una chiave di lettura collettiva su cui dibattere e da cui partire per proporre soluzioni.

Però nel Mediterraneo un’emergenza c’è già, innegabile, e sta tutta nello spaventoso numero di morti in questi primi mesi dell’anno: mentre nel 2020 furono 150 le vittime accertate nel Mediterraneo quest’anno ne contiamo già 500, con un aumento quasi del 200%. A lanciare l’allarme è stata Carlotta Sami, portavoce dell’Unhcr, che ha partecipato al briefing con la stampa del Palais des Nations di Ginevra dal porto di Trapani in Sicilia, dove circa 450 persone stavano sbarcando in seguito al salvataggio da parte della nave della ONG Sea Watch: «Dalle prime ore di sabato 1 maggio – ha spiegato Sami – sono sbarcate in Italia circa 1.500 persone soccorse dalla Guardia Costiera italiana e dalla Guardia di Finanza o da Ong internazionali nel Mediterraneo centrale. La maggior parte delle persone arrivate è partita dalla Libia a bordo di imbarcazioni fragili e non sicure e ha lanciato ripetute richieste di soccorso».

Sami ha anche tracciato un primo quadro degli sbarchi nel 2021: «Mentre gli arrivi totali in Europa sono in calo dal 2015, – ha spiegato Sami – gli ultimi sbarchi portano il numero di arrivi via mare in Italia nel 2021 a oltre 10.400, un aumento di oltre il 170 per cento rispetto allo stesso periodo del 2020. Ma siamo anche profondamente preoccupati per il bilancio delle vittime: finora nel 2021 almeno 500 persone hanno perso la vita cercando di compiere la pericolosa traversata in mare lungo la rotta del Mediterraneo centrale, rispetto alle 150 dello stesso periodo del 2020, un aumento di oltre il 200 per cento. Questa tragica perdita di vite umane sottolinea ancora una volta la necessità di ristabilire un sistema di operazioni di ricerca e soccorso nel Mediterraneo centrale coordinato dagli Stati».

L’agenzia Onu «sta lavorando con i suoi partner e con il governo italiano nei porti di sbarco per aiutare ad identificare le vulnerabilità tra coloro che sono arrivati e per sostenere il sistema di accoglienza dei richiedenti asilo» ma Sami sottolinea come continuino a mancare «percorsi legali come i corridoi umanitari, le evacuazioni, il reinsediamento e il ricongiungimento familiare devono essere ampliati» mentre «per le persone che non hanno bisogno di protezione internazionale, devono essere trovate soluzioni nel rispetto della loro dignità e dei diritti umani». L’incidente più grave finora è quello del 22 aprile, quando un naufragio ha causato la morte di 130 persone sollevando i prevedibili lamenti che ogni volta vengono spolverati per l’occasione. Solo una questione di qualche ora, come sempre, poi niente. La zona continua a essere completamente delegata alla cosiddetta Guardia costiera libica: «Nell’ultimo naufragio si parla di almeno 50 morti, noi abbiamo la certezza solo di 11 persone.  Quello che sappiamo è che erano in zona una nave mercantile e un’altra barca e che non sono intervenute, nonostante sia stato lanciato l’sos. E questo è molto grave: se c’è un natante in distress si deve intervenire, perché l’imbarcazione può affondare in qualsiasi momento. Ma ormai questa sembra essere una prassi consolidata: nessuno interviene in attesa che arrivi la Guardia costiera libica e riporti le persone indietro. Questo ci preoccupa molto», ha spiegato Carlotta Sami.

Secondo le stime dell’Organizzazione internazionale delle migrazioni (Oim) siamo al 60% di persone che tentano la traversata in mare e che vengono sistematicamente riportate indietro: «Almeno una su due è matematicamente riportata in Libia – spiega Flavio Di Giacomo, portavoce Oim, a Redattore Sociale -. Dopo l’ultimo naufragio abbiamo lanciato un appello all’Ue perché si rafforzi il sistema di pattugliamento in mare e si evitino altre tragedie, ma è caduto nel vuoto. C’è un silenzio politico assordante su questo tema. Si parla solo genericamente di un aumento degli arrivi: ma attenzione a evitare narrazioni propagandistiche perché nonostante la crescita i numeri restano bassi. Non esiste un’emergenza in termini numerici ma solo un’emergenza umanitaria, di morti e dispersi in mare».

Sempre a proposito di proporzioni poi ci sarebbe da capire perché le eventuali (gravi) responsabilità penali di Salvini quando fu ministro e lasciò alla deriva le navi delle Ong debbano infiammare più di questo spaventoso numero di morti che sembra non avere responsabili. Forse anche il centrosinistra, se vuole davvero occuparsi di diritti umani e non solo di dialettica politica, dovrebbe avere il coraggio di ripartire da qui.

L’articolo La sinistra si scalda per i processi a Salvini e ignora i migranti: 500 morti in 4 mesi (+200%) proviene da Il Riformista.

Fonte

La vigliaccheria fiscale

Aumento dei ricavi per Amazon Europa che nel 2020 è arrivata a 44 miliardi di euro. Ma zero tasse. Si diceva che dalla pandemia sarebbe uscito un “nuovo mondo”… Ecco, per ora è esattamente come prima, con i ricchi sempre più ricchi. E una questione enorme politica che passa sottovoce

Complice la pandemia che è stata tutt’altro che una livella per sofferenza dei diversi lavoratori e per danni alle diverse aziende la ricchissima Amazon del ricchissimo Bezos è diventata ancora più ricca aumentando di 12 miliardi i ricavi rispetto all’anno precedente in Europa e arrivando a un totale di 44 miliardi di euro.

Poiché i numeri sono importanti vale la pena ricordare che sono 221 miliardi circa tutti i soldi che l’Italia ha a disposizione dall’Europa per risollevarsi. Giusto per fare un po’ di proporzioni. L’ultimo bilancio della divisione europea di Amazon (lo trovate qui) racconta della società con sede legale in quel meraviglioso paradiso per ricchi che è il Lussemburgo gestisce le vendite delle filiali di Gran Bretagna, Germania, Francia, Italia, Spagna, Olanda, Polonia, Svezia. Ovviamente le tasse si pagano sui profitti, non certo sui ricavi, eppure le acrobazie fiscali di Amazon hanno permesso di risultare in perdita per 1,2 miliardi di euro nonostante un aumento del ricavo del 30%. «I nostri profitti sono rimasti bassi a causa dei massicci investimenti e del fatto che il nostro è un settore altamente competitivo e con margini ridotti», ha spiegato un dirigente di Amazon. Insomma, poveretti, lavorano per perderci. E infatti hanno accumulato 56 milioni di euro di credito d’imposta che potranno usare nei prossimi anni e che portano a 2,7 miliardi di euro il credito totale.

È incredibile che un’azienda che vale in Borsa quanto il prodotto interno lordo dell’Italia non riesca proprio a fare profitto o forse semplicemente i profitti vengono spostati altrove, complice la vigliaccheria fiscale di un’Europa che è sempre forte con i deboli ma è sempre piuttosto debole con i forti, come sempre. Attraverso compravendite fittizie infragruppo tra filiali dei diversi Paesi i guadagni vengono spostati da dove si realizzano a dove più conviene e le contromisure del Lussemburgo contro queste pratiche sono volutamente morbide.

In una nota la commissione Ue commenta: «Abbiamo visto quanto apparso sulla stampa, non entriamo nei dettagli, in linea generale la Commissione ha adottato un’agenda molto ambiziosa in materia di fiscalità e contro le frodi fiscali, nelle prossime settimane pubblicheremo una comunicazione e sul piano globale siamo impegnati con i partner internazionali nella discussione in corso» sull’equa tassazione delle imprese. Si tratta del negoziato per definire un’imposta minima globale per evitare la concorrenza fiscale al ribasso. Quanto agli aspetti di concorrenza, del caso Amazon/Lussemburgo il dossier resta in mano alla Corte di Giustizia Ue: il gruppo Usa e il Granducato hanno contestato la decisione comunitaria che nel 2017 concluse che il Lussemburgo aveva concesso ad Amazon vantaggi fiscali indebiti per circa 250 milioni di euro, un trattamento considerato illegale «ha permesso ad Amazon di versare molte meno imposte di altre imprese». Peccato che contro la decisione europea abbia ricorso Amazon (e questo ci sta) e perfino il Lussemburgo.

Sono numeri spaventosi che raccontano perfettamente come la guerra tra poveri e tra disperati non riesca mai a guardare in alto dove si consumano le ingiustizie peggiori. Vi ricordate quando si diceva che dalla pandemia sarebbe uscito un “nuovo mondo”? Ecco, per ora è esattamente come prima, con i ricchi sempre più ricchi. E invece una questione politica enorme passa sottovoce mentre i nostri leader stanno litigando sul bacio a Biancaneve.

Buon giovedì.

Commenti

commenti

Il mio #buongiorno lo potete leggere dal lunedì al venerdì tutte le mattine su Left – l’articolo originale di questo post è qui e solo con qualche giorno di ritardo qui, nel mio blog.

Caro Conte, anche tu hai tenuto i porti chiusi

La Mezzaluna Rossa libica (l’equivalente più o meno della nostra Croce Rossa) ieri ha annunciato altri 50 morti in un naufragio al largo della Libia. Poco prima l’Oim, l’agenzia dell’Onu per le migrazioni, aveva riferito della morte di almeno 11 persone dopo che il gommone su cui viaggiavano era affondato. La Guardia Costiera libica come al solito dice di non esserne informata. Una cosa è certa: nel Mediterraneo si continua a morire ma la vicenda non sfiora la politica nazionale, merita qualche contrita pietà passeggera e poi scivola via.

L’importante, in fondo, è solo mantenere ognuno la propria narrazione: ci sono i “porti chiusi” di Salvini che rivendica di averlo fatto ma poi in tribunale frigna chiamando in causa anche i suoi ex compagni di governo, c’è il “blocco navale” evocato da Giorgia Meloni, c’è il PD che finge di avere dimenticato di essere il partito che con Minniti ha innescato l’onda narrativa e giuridica che ci ha portati fin qui e c’è il Movimento 5 Stelle che si barcamena tra una posizione e l’altra.

A proposito di M5S: il (prossimo) leader Conte è riuscito a dire in scioltezza “con me porti mai chiusi” provando a cancellare con un colpo di spugna quel suo sorriso tronfio mentre si faceva fotografare al fianco di Salvini con tanto di foglietto in mano per celebrare l’hashtag #decretosalvini e la dicitura “sicurezza e immigrazione”.

Conte che sembra avere improvvisamente dimenticato le sue stesse parole su Sea Watch e sulla comandante Carola Rackete: “è stato – disse Conte – un ricatto politico sulla pelle di 40 persone”. Insomma, non proprio le parole di chi vuole prendere le distanze dalla politica di Salvini.

Oltre le parole ci sono i fatti: l’ultimo atto del Parlamento prima della caduta del primo governo Conte nell’agosto 2019 è stato il “decreto sicurezza bis” che stringeva ancora più i lacci dell’immigrazione. Sempre ad agosto 2019, 159 migranti sulla nave Open Arms sono stati 19 giorni in mare senza la possibilità di attraccare nei porti italiani.

Insomma: partendo dal presupposto che i porti non si possano “chiudere” per il diritto internazionale è vero che Conte a braccetto con Salvini ha sposato l’idea dei “porti chiusi” nel senso più largo e più politico. Ed è pur vero che nessun governo, compreso questo, sembra avere nessun’altra idea politica che non sia quella di galleggiare tra dittature usate come rubinetto per frenare le migrazioni in un’Europa che galleggia appaltando i propri confini. Gli unici che non galleggiano sono i morti nel Mediterraneo.

Leggi anche: I poveri sono falliti e i ricchi sono radical chic: così Salvini non risponde mai nel merito a chi lo critica

L’articolo proviene da TPI.it qui

La bugie di Conte sui migranti: “Con me porti mai chiusi”

Riposizionarsi in politica, si sa, costa fatica, richiede spalle molto larghe e soprattutto una credibilità che va trattata con cura. Se dovessimo pensare al principe del riposizionamento di questi ultimi anni non potremmo che cadere sulla figura di Giuseppe Conte, l’ex due volte presidente del Consiglio che è riuscito nell’impresa di governare con la Lega di Salvini per poi, nel giro di qualche mese, essere addirittura indicato come “il punto di riferimento dei progressisti” dal Partito democratico. Merito anche della liquidità di un’epoca politica in cui una buona narrazione conta molto di più degli ideali, Conte è riuscito a imbastire una drammaturgia perfettamente pop e magistralmente funzionale.

Cambiare opinioni e posizioni non è un peccato, in politica può essere un pregio se l’evoluzione è motivata e risulta credibile a vecchi e nuovi elettori ma Conte sceglie per riposizionarsi la svilente strada della negazione e questo no, non è accettabile: «con i miei governi i porti non sono mai stati chiusi» ha detto l’ex presidente del Consiglio al webinar delle Agorà a cui ha partecipato con il segretario del Pd Enrico Letta. Un’affermazione (furbescamente accettabile dal punto di vista giuridico) che cozza furiosamente con il primo Conte, quello con Salvini al ministero dell’Interno e con tutta la fanfara dei “taxi del mare” e le Ong finite in decine di inchieste che si sono tutte dissolte. Basterebbe un’immagine per raccontare quel Conte: c’è il futuro leader del Movimento 5 Stelle che sorride sornione con il suo ministro Salvini reggendo un foglio con l’hashtag #decretosalvini e la dicitura “sicurezza e immigrazione”. Quello è stato il punto più alto (o più basso, a seconda dei punti di vista) della piena condivisione della linea leghista. Quel testo era stato approvato il 24 settembre 2018: il comunicato stampa del Consiglio dei ministri precisa che ci si riunì «alle ore 11.41 a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del presidente Giuseppe Conte».

Le parole sono importanti. Vale la pena ricordare anche come Conte, rispondendo al Pd (in quel caso nella veste di oppositore) sul caso Aquarius, appoggiò in toto la linea dura di Salvini: usare il divieto di sbarco per mostrare i muscoli contro l’Europa. Poi la Sea Watch e la comandante Carola Rackete. «È stato – disse Conte – un ricatto politico sulla pelle di 40 persone». Insomma, non proprio le parole di chi vuole prendere le distanze dalla politica di Salvini. A luglio 2018 anzi proprio l’allora premier rivendicava (sta ancora sul suo profilo Facebook) il risultato della spartizione dei migranti ottenuto lasciandoli in mare per giorni: «Francia e Malta prenderanno rispettivamente 50 dei 450 migranti trasbordati sulle due navi militari. A breve arriveranno anche le adesioni di altri Paesi europei». Come dire: se non li facciamo sbarcare gli altri si muovono, quindi il nostro agire è utile e chi se ne frega dei diritti.

L’ultimo atto del Parlamento prima della caduta del primo governo Conte? Agosto 2019, decreto sicurezza bis che stringeva ancora di più i lacci dell’immigrazione: il governo pose la fiducia per farlo passare. E anche i 159 migranti sulla nave Open Arms a cui fu impedito per 19 giorni l’accesso ai porti italiani nell’agosto del 2019 sono figli del governo gialloverde. Che Conte oggi ci dica di non avere “mai chiuso i porti” è una presa in giro alla memoria e alla verità. Potrebbe dirci di avere sbagliato, potrebbe dirci di essersi accorto che i diritti sono più importanti degli slogan, potrebbe perfino dirci di essere sceso a compromessi per tenere salda la propria posizione ma la narrazione per invertire il passato questa volta è miseramente fallita e che il Pd non alzi nemmeno un’osservazione aggiunge desolazione: se la prossima alleanza nasce sulle frottole non è un buon inizio.

L’articolo La bugie di Conte sui migranti: “Con me porti mai chiusi” proviene da Il Riformista.

Fonte

La sparizione del salario minimo

Solo lo scorso 16 marzo la Commissione Lavoro del Senato approvava la direttiva Ue volta a garantire l’adozione del salario minimo legale ai lavoratori degli Stati membri. Il testo impone l’individuazione di soglie minime di salario che possono essere introdotte per legge (salario minimo legale) o attraverso la contrattazione collettiva prevalente, come sottolineato anche dal ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Andrea Orlando.

Il salario minimo (su cui Partito democratico e Movimento 5 Stelle hanno depositato diversi disegni di legge negli ultimi anni) è proprio scomparso nella versione del Piano nazionale di ripresa e resilienza inviata alla Commissione europea nonostante fosse presente nel testo entrato in Consiglio dei ministri.

Nella bozza che circolava pochi giorni fa si parlava di una «rete universale di protezione dei lavoratori» e del «salario minimo legale», oltre alla garanzia di una retribuzione «proporzionata alla quantità e alla qualità del lavoro svolto» per tutti i lavoratori non coperti dalla contrattazione collettiva nazionale. Perfetto: è sparito tutto il paragrafo. Non si tratta di correzioni, di aggiustamenti, no, è sparito tutto.

La cancellazione difficilmente può arrivare dall’Europa vista la direttiva che è stata approvata solo un mese fa in Commissione Lavoro e viste le parole durante il proprio discorso allo Stato dell’Unione 2020, che von der Leyen aveva a riguardo, dicendo che «il dumping salariale danneggia i lavoratori e gli imprenditori onesti, mette a repentaglio la concorrenza sul mercato del lavoro – aveva aggiunto – per questo faremo una proposta per un salario minimo in tutti gli Stati dell’Unione. Tutti devono avere accesso ai salari minimi o attraverso la contrattazione collettiva o con salari mini statutari, è arrivato il momento che il lavoro venga pagato nel modo equo».

Qualcuno prova a teorizzare che la cancellazione in extremis potrebbe essere il risultato degli incontri con le parti sociali nella fase finali della stesura, ipotizzando che un eventuale salario minimo possa indebolire le trattative sindacali poiché alcune aziende potrebbero così semplicemente accontentarsi di essere a norma di legge. Peccato che sia da tempo sotto gli occhi di tutti la moltiplicazione di accordi sottoscritti da soggetti non del tutto rappresentativi che hanno contribuito alla corsa al ribasso per certe categorie. Del resto il problema dei contratti pirata (soprattutto nelle zone più depresse del Paese) è sempre poco dibattuto nonostante abbiano affiancato spesso il lavoro nero.

L’ex ministra del lavoro Catalfo disse: «Il salario minimo è da sempre un obiettivo mio e di tutto il Movimento 5 Stelle. Una risposta essenziale per contrastare il cosiddetto dumping salariale, riequilibrare il sistema di concorrenza interna fra le imprese e ridare dignità e futuro ai “working poor” (i lavoratori poveri) e alle loro famiglie. Una risposta che la crisi innescata dalla pandemia ha reso ancora più urgente e necessaria e sulla quale, come Italia, dobbiamo investire con determinazione nel nostro progetto di rilancio».

E quindi? E ora? Il Pd e il M5s che dicono?

Buon giovedì.

(nella foto il ministro del Lavoro Andrea Orlando)

Commenti

commenti

Il mio #buongiorno lo potete leggere dal lunedì al venerdì tutte le mattine su Left – l’articolo originale di questo post è qui e solo con qualche giorno di ritardo qui, nel mio blog.