“Gigante buono”, “amore non corrisposto”, “raptus”: il femminicidio di Piacenza dimostra una narrazione sensazionalistica e maschilista

Il mio pezzo per TPI.it

Gli sciacalli razzisti del femminicidio: indignati se l’assassino è un immigrato, muti se è italiano

Il mio commento per TPI.it

Non è “raptus”, non è “follia”, non è “gelosia”

Per fortuna Il Post rimette le parola al loro posto sulla tragedia di Cisterna di Latina: Diversi giornali hanno raccontato il femminicidio di Cisterna Latina usando termini come “raptus” , “follia” o “gelosia” e dedicando ampio spazio al femminicida, Luigi Capasso sottolineando come fosse «legatissimo alle figlie» o intervistando conoscenti o colleghi che lo descrivono come…Continua la lettura di Non è “raptus”, non è “follia”, non è “gelosia”

E chi protegge le “nostre” donne dai “nostri maschi”?

(da leggere Valentina Saini per Gli Stati Generali) Sei donne uccise in meno di venti giorni. Da Pamela Mastropietro, ritrovata il 31 gennaio a Macerata, fino a Federica Ventura, accoltellata dal marito venerdì in provincia di Foggia. Quanto a numero di femminicidi, il 2018 non promette niente di buono. In Italia viene uccisa una donna…Continua la lettura di E chi protegge le “nostre” donne dai “nostri maschi”?

Se il marito picchia la moglie ogni tanto «non si può parlare di maltrattamenti in famiglia»

(Notizie dal Medioevo contemporaneo. Se non sei stata ammazzata non sei nessuno, femmina!) Nella sua requisitoria, il pubblico ministero aveva sottolineato le «continue aggressioni fisiche» e le «umiliazioni morali» che la donna era stata costretta a subire. Aveva parlato di calci, pugni e schiaffi, di lancio di oggetti e di offese quasi quotidiane. Ma al…Continua la lettura di Se il marito picchia la moglie ogni tanto «non si può parlare di maltrattamenti in famiglia»

“La violenza sulle donne è come la mafia”: parla la giudice Paola Di Nicola

Donne coraggiose di cui c’è terribilmente bisogno. Paola Di Nicola intervistata da AGI:   Roma – “Il femminicidio ha la stessa valenza culturale, sociale e criminale della mafia. Si deve pretendere dallo Stato lo sforzo dimostrato nel combattere il fenomeno mafioso perché il femminicidio, inteso in senso ampio, arriva ad ammazzare, nel disinteresse assoluto, più della…Continua la lettura di “La violenza sulle donne è come la mafia”: parla la giudice Paola Di Nicola

Donna denunciò 12 volte il marito che la uccise. Ora hanno condannato i magistrati.

Lasciarono a un marito violento la possibilità di uccidere la moglie, nonostante quest’ultima l’avesse denunciato per ben dodici volte. Per questo motivo ha corte d’Appello di Messinaha condannato i magistrati che lasciarono libero di agire Saverio Nolfo, marito di Marianna Manduca. L’uomo uccise la moglie nel 2007 a Palagonia, in provincia di Catania. ed è attualmente in…Continua la lettura di Donna denunciò 12 volte il marito che la uccise. Ora hanno condannato i magistrati.

La grammatica dello stupro 2.0. Su Facebook.

(L’articolo di Maurizio De Fazio per l’Espresso) Sono tutti gruppi Facebook chiusi, a iscrizione e l’unico modo per introdursi è quello di fingersi uno di loro. Un “vero maschio” che parla come un giornale porno anni ‘70 e per cui la parità tra i sessi è la più grande mistificazione. Eccoci precipitati nel gorgo dell’ultra-misoginia…Continua la lettura di La grammatica dello stupro 2.0. Su Facebook.

L’era in cui tutti siamo a sinistra sui nostri diritti e a destra dei diritti altrui

Demetrio aveva deciso di diventare il padre di sua sorella. Dopo la morte del padre ha pensato che, da fratello maggiore, dovesse occuparsi di Marisa, prendersene cura. Già, prendersi cura è un verbo di cui s’è persa la forma a forza di stritolarlo tra le devianze di un tempo in cui il controllo è diventato sinonimo…Continua la lettura di L’era in cui tutti siamo a sinistra sui nostri diritti e a destra dei diritti altrui

Femminicidio e sensibilità giudiziaria

La storia di cui parla oggi il Corriere della Sera pone un problema giudiziario: la cultura sociale sui femminicidi ha bisogno anche di riscontri giuridici. Una donna uccisa dal marito dopo dodici (12!) denunce significa che qualcuno ha delle responsabilità: Ora questa dolorosa vicenda sulla quale gravano non poche ombre dovrà essere ripresa in mano…Continua la lettura di Femminicidio e sensibilità giudiziaria