Tre tragedie sul lavoro in un giorno: dove sono i difensori dei morti italiani?


Ieri tre morti sul lavoro nel ricco Nord-Est che non hanno fatto notizia. Uno per l’impatto con un rullo alimentare. Uno per il rovesciamento di una macchina operatrice. In Friuli un operaio è morto schiacciato da una gru. Tre morti in un giorno sarebbero all’incirca un migliaio di morti all’anno, numeri da strage che invece finiscono relegati tra i trafiletti di pochi giornali. Dico, dove sono gli italiani per gli italiani?
Continua a leggere

@labocchio_libri su Carnaio: «crudo, maleducato e terribilmente attuale»

«Un racconto che è insieme una distopia su un futuro molto vicino e una satira sul sovranismo e sulla retorica che lo accompagna, consigliatissimo.» “non siamo creature mansuete” su #Carnaio

In due parole: un paese come tanti deve affrontare una strana marea, quei corpi senza vita faranno emergere il peggio, una distopia, una satira che parla del nostro crudele presente DF località di mare, mediamente depressa, mediamente sviluppata, mediamente turistica… un posto come tanti finché non cominciano ad arrivare cadaveri: pochi all’inizio, poi sempre di più, […]

«Un libro potentissimo»: “a clacca piace leggere” recensisce Carnaio

seguo giulio cavalli da poco, non lo conoscevo fino a qualche mese fa.ho iniziato ascoltando i suoi podcast e leggendo gli articoli, quindi quando ho iniziato a trovare in giro le recensioni di carnaio, evitando il più possibile gli spoiler, mi sono detta che dovevo assolutamente leggerlo, sapevo che non ne sarei rimasta delusa. e infatti. carnaio è un libro […]

@Chiara_sui_libri recensisce Carnaio

Unlibroneltaschino recensisce Carnaio

«È da comunisti»

Mentre si discute di famiglia tradizionale, si disarticola la cultura. Anche quando ha a che fare con la memoria.

Una mia intervista su Carnaio

Francesco Morra recensisce Carnaio

Donnatinuzza recensisce ‘Mio padre in una scatola da scarpe’

(fonte) Ho da poche ore terminato la lettura di “Mio padre in una scatola di scarpe” di Giulio Cavalli, ma non ve ne parlerò. No, perchè è un libro che va letto, impossibile da raccontare; il rischio è quello di sminuire la tragica bellezza di una vita vissuta onestamente e privare chi ascolta della potenzialità […]