«La Macondo dell’orrore»: Damiano Sinfonico recensisce Carnaio

(fonte) Non è facile immaginare un romanzo costruito sul dramma principe dei nostri anni, ovvero l’ostilità verso gli uomini e le donne che raggiungono il nostro continente. Ci ha provato Giulio Cavalli (1977), autore anche di testi teatrali e di inchiesta, nonché attivo nella militanza politica e nella lotta alla criminalità organizzata: il suo Carnaio, edito da Fandango […]

“Carnaio (leggetelo subito)”: la recensione di Raffaele Viglianti

(il post originale è qui) Carnaio di Giulio Cavalli è un libro tanto piu assurdo, formalmente irreale, onirico quanto più invece capace come nessun altro romanzo uscito di questi tempi, credo, di interpretare l’evoluzione, anzi l’abisso verso il quale si rischia di precipitare oggi e nell’immediato futuro nel nostro paese, nel nostro continente, nell’intero globo.Lungi […]

La mia intervista su Carnaio e il Campiello

(di Rossella Mungiello da Il Cittadino) Non è un libro sull’immigrazione. E nemmeno sulla politica ed è nato quando il Governo gialloverde – e il caso “porti chiusi” – non erano ancora all’orizzonte, anche se qualcuno crede il contrario, per come sviscera il tema dei morti nel Mediterraneo. È piuttosto un libro «sull’imbruttimento dell’umanità, sullo […]

Caro Di Maio, non conta l’impegno, contano i risultati


L’avevamo detto per primi. Nonostante il Movimento 5 Stelle continui a dire di non essere “un partito come gli altri” la batosta elettorale (come accade in tutti i partiti) rimette in discussione la linea di comando e in questo caso regna una certa confusione su chi decide cosa e su chi viene interpellato per prendere una decisione. E non basta un clic sulla piattaforma Rousseau.
Continua a leggere

Come Giovanni Falcone è diventato un santino da sventolare per l’antimafia di facciata


La presenza del ministro Salvini (ma non solo) spacca il fronte dell’antimafia siciliano. ANPI, Arci e il fratello di Peppino Impastato organizzano per conto loro una manifestazione a Capaci che non ha nulla a che vedere con la cerimonia ufficiale pensata in Aula Bunker dove è previsto l’intervento del ministro. Anche il presidente della Regione Sivilia ha parlato di “troppo veleno” e deciso di non esserci.
Continua a leggere

Fatou Boro Lo, la candidata insultata perché nera: “Sessismo e razzismo nel 2019, sconvolgente”


Fatou Boro Lou è una candidata nella lista Europa Verde che qualche giorno fa è stata ricoperta di insulti sui social solo per avere osato criticare (lei, donna e con la pelle nera) le politiche di Salvini e la gestione della vicenda Sea Watch: “Sono sconvolta da tanta volgarità. Ho cominciato a rispondere ma poi ho desistito. Insulti sessisti e razzisti. Siamo nel 2019 e ancora insultano le donne in quanto donne. Ma questo mi dà solo forza per lottare per chi subisce ogni giorno violenze verbali e discriminazione”.
Continua a leggere

a_book_forever recensisce #Carnaio

“Carnaio”, la recensione di bonculture.it

(fonte) La parola carnaio deriva dal termine latino carnarium, deposito di carni macellate. In italiano, poi, ha preso l’accezione di cumulo di cadaveri. Così con questo titolo si presenta al pubblico il nuovo libro di Giulio Cavalli, Carnaio (Fandango, pp. 218, 17 €), che è quasi uno schiaffo, il primo di una lunga serie, che il lettore riceve […]

Lo Sbuffo recensisce Carnaio

(fonte) DF è il centro del modo che scivola verso l’orrore. Una mattina apparentemente come tante altre, un pescatore – Giovanni Ventimiglia – di ritorno dalla pesca mattutina trova un cadavere tra gli scogli. Dopo alcuni giorni ne viene ritrovato un altro, sulla spiaggia. E poi ancora, sempre di più, corpi morti che arrivano dal mare […]

Il Paese ora è stanco di Salvini: l’odio non basta per raccattare voti


La sensazione è che le provocazioni del ministro dell’interno Matteo Salvini funzionino sempre meno: la retorica dei porti chiusi in realtà viene sbugiardata tutti i giorni (e le ultime 70 vittime non aiutano di certo) mentre il nord continua ad aspettare dalla Lega riforme che incidano sulla produttività e sul lavoro. Forse il Paese reale è molto diverso da come lo racconta il vicepremier.
Continua a leggere