Non è solo Salvini: è la (non) credibilità di chi gli si oppone


Se ad attaccare le politiche immigratorie di Salvini ci si mette un Macron oppure qualsiasi altro che in fondo appare come un “Salvini che avrebbe voluto fare il Salvini” diventa difficile pensare che l’opposizione risulti credibile. In Parlamento sono davvero pochi coloro che possono vantarsi di avere avuto un comportamento specchiato sui temi immigratori. Per questo, purtroppo, l’opposizione è qui fuori.
Continua a leggere

Salvini e le lacrime di coccodrillo a sinistra


Eppure peggio di Salvini che fa esattamente il Salvini ci sono le lacrime di coccodrillo che in queste ore gocciolano nelle dichiarazioni, nei comunicati stampa e nei tweet. Quelli che si sono impuntati su Savona ma hanno trovato normale avere Salvini all’interno. Quelli che basta Conte per tranquillizzarli. E soprattutto gli amici di Minniti.
Continua a leggere

Se si rivota Salvini e Di Maio prendono l’80%? Non cambierebbe niente lo stesso


La narrazione truffaldina di queste ore sta raggiungendo livelli impensabili: Conte e Savona che vengono celebrati per motivi opposti e contrari, il Presidente della Repubblica che dovrebbe agire per il consenso piuttosto che seguendo la Costituzione e il solito vecchio trucco dei “poteri forti”. Eppure anche dopo nuove elezioni tutto sarebbe esattamente così com’è ora.
Continua a leggere

Dal «non sono razzista ma…» al «non si mettono le bombe ma…»: la Lega si prepara a governare


«La gente è sempre più stufa della politica intrapresa dagli ultimi governi in materia di immigrazione» ha dichiarato il dirigente della Lega Alto Adige riferendosi all’intimidazione di ieri in un centro migranti vicino a Bolzano. Il presidente della Onlus risponde: «il vero disagio è nel mescolare delinquenti e rifugiati senza riuscire a trattare i temi separatamente».
Continua a leggere