Vai al contenuto
Home » bottega dei mestieri teatrali

bottega dei mestieri teatrali

Non ci credeva nessuno

Schermata 2013-07-30 alle 02.11.35Quando abbiamo pensato di fondare una compagnia teatrale a Lodi (eravamo io e Marco Mozzato e una manciata di giovanissimi che facevano le prove alla Casa del Popolo sotto un caldo da rimanere attaccati al pavimento) non ci credeva nessuno. E’ vero che ci dicevano che sarebbe stato un ottimo ritrovo settimanale, sempre meglio che ubriacarsi uccidendosi di spritz sotto alla biblioteca, ci dicevano, ma nessuno ci credeva che avremmo fatto qualcosa in più di quegli spettacoli che vanno in scena per dare un senso alla pizza dopo gli applausi degli amici.

Fai teatro per come l’hai voluto fare ma anche per gli incontri che fai. Paola Tramezzani era assessore alla cultura della città mentre ci ascoltava prendendoci terribilmente sul serio, forse più di quanto ci prendessimo noi mentre le parlavamo.

Ora Paola è andata dopo una brutta malattia. E in fondo non ho nemmeno trovato il tempo per ringraziarla tutti questi anni dopo.

“Nebiolo N. 5”, profumo di teatro

da ILCITTADINO

Tra i big Bergonzoni, Baliani e lo stesso direttore Cavalli con la sua dura pièce su Andreotti 

Ha preso forma la nuova stagione della ribalta di Tavazzano 

Come una fragranza storica e preziosa, per intenditori. E in cui si mescolano ingredienti diversi, dalla prosa, alla musica, al cinema, fino alla serate di memoria e di impegno, come quelle dellormai tradizionale Centro di documentazione del teatro civile. Si chiama Nebiolo n°5, come quello Chanel che ha fatto la storia del profumo, la nuova rassegna del teatro Nebiolo di Tavazzano, gestita per il quinto anno consecutivo dalla lodigiana Bottega dei mestieri teatrali, con la direzione artistica dell’autore e attore Giulio Cavalli. Il “profumo” che si respira intorno alla sala via IV novembre è sempre lo stesso, «quello di un progetto che a piccoli passi ci ha portato lontano – spiega lo stesso direttore artistico Giulio Cavalli – , a cui si aggiungono nuove soddisfazioni, come quella di un approccio produttivo in piena collaborazione e sintonia con il Comune e la parrocchia di Tavazzano, con molte associazioni del territorio e con realtà gemelle come il teatro Alle Vigne di Lodi e il teatro di Casale». Tra le novità di quest’anno, infatti, c’è anche il primo segnale di una sorta di un sistema a tre, per esempio con l’inserimento nel calendario di uno spettacolo della stagione del teatro alle Vigne (Urge di Alessandro Bergonzoni, il 23 febbraio all’auditorium Bpl di via Polenghi Lombardo) e la possibilità di pagare il biglietto ridotto esibendo l’abbonamento di una delle altre due sale. Nella prosa, il canto sociale di Vittorio Vaccaro e delle sue Voci del Po (12 novembre), ritratto vivido di uno spazio che è vita e viaggio, lavoro e sopravvivenza di una larga fetta del popolo del Nord; e ancora la Milano degli anni Settanta di Walter Leonardi e Paolo Trotti (Milano 70 Allora, 11 febbraio), finestre di dialoghi “anarchici” e comici, in cui si intrecciano poesia e musica di un periodo ancora buio e a tratti incompreso; fino al “cabaret” di autore unico come Alessandro Bergonzoni (23 febbraio, nella stagione delle Vigne e valido solo per gli abbonati) e alla prosa di narrazione di uno dei più apprezzati attori della scena teatrale italiana come Marco Baliani che porterà a Tavazzano il suo Kohlhaas (2 marzo), scritto con Remo Rostagno e tratto dall’opera Micheal Kohlhass di Heinrech von Kleist, sul difficile destino di un contadino allevatore che solleva domande importanti sulla natura della giustizia umana e divina. In cartellone al Nebiolo anche L’innocenza di Giulio – Andreotti non è stato assolto (19 maggio) di Giulio Cavalli, scritto con collaborazione di Giancarlo Caselli e Carlo Lucarelli. Non mancherà la musica, quest’anno un doppio appuntamento con Munfrà degli Yo Yo Mundi, storie e canzoni d’amore e di festa dei dintorni di Monferrato (10 dicembre) e con i nostrani Aka Beicho che presenteranno il loro nuovo album intitolato A (17 marzo). Due gli appuntamenti anche con la filodrammatiche e la rassegna “Teatro che passione”, che ospiterà ll Pioppo di Luciano Pagetti (con 3 atti e un prologo di Achille Campanile, 14 aprile) e Il Malato immaginario della compagnia Teatro Indirigibile (21 aprile). Novità del 2011, il cinfeforum con quattro appuntamenti organizzati con la collaborazione della commissione cultura, e le serate di storia e memoria stilate insieme al Comune di Tavazzano. Tra gli eventi, Le canzoni di Garibaldi (4 novembre), L’incontro (27 gennaio, con la compagnia Il sipario in scena per narrare la vita di un sopravvissuto a Birkenau) e Tavazzano si racconta, ciclo di serate sulla memoria storica del paese che coinvolgerà direttamente i cittadini. Ad aprire le danze, la serata inaugurale del 29 ottobre con la presentazione della prossima produzione di Giulio Cavalli, sulla corsa e la vita dell’atleta Dorando Pietri. Rossella Mungiello

La denuncia “civile” ancora sul palco  con Dalla Chiesa, Caserini e Biacchessi 

La strage di Bologna e il dolore di chi è rimasto, la testimonianza di Nando Dalla Chiesa e gli intrecci tra mafia e politica nella seconda repubblica, la Resistenza vista da Daniele Biacchessi e le vite dei partigiani lodigiani raccontate dall’Anpi provinciale, la responsabilità dell’uomo davanti al “riscaldamento globale” del pianeta raccontato da Stefano Caserini. Torna anche quest’anno la rassegna di incontri del Centro di Documentazione per un teatro civile, nato al Nebiolo e inserito nel progetto di residenza teatrale finanziato da Fondazione Cariplo. Uno spazio unico in Italia, nato per raccogliere esperienze e testimonianze di denuncia e che dalla sua fondazione porta a Tavazzano le vicende di chi ha fatto dell’impegno civile un modo di vivere e di intendere l’arte. Scrittori, attori, giornalisti, magistrati; tanti i volti di chi è passato nella cornice intima del Nebiolo per raccontare un pezzo, spesso indigesto, d’Italia. E che a breve sarà anche aperto al pubblico come archivio, in cui sono stati raccolti libri e copioni. «Abbiamo concluso da poco la raccolta del primo lotto di materiale – spiega il direttore artistico Giulio Cavalli – e saremo pronti per l’apertura alla consultazione già entro la fine della stagione». Una “fucina” di riflessioni che quest’anno aprirà il suo percorso con la testimonianza del lodigiano Stefano Caserini (18 novembre), della sezione ambientale del Politecnico di Milano, che esplorerà il tema del riscaldamento globale e delle responsabilità, spesso ignorate, dell’uomo. Sul palco del Nebiolo anche Paolo Bolognesi, presidente dell’associazione tra i familiari delle vittime della strage di Bologna del 2 agosto 1980, a Tavazzano il 20 gennaio, mentre Nando Dalla Chiesa porterà il suo libro “La convergenza” sui legami oscuri tra mafia e politica negli ultimi vent’anni di storia italiana (23 marzo), mentre il giornalista Daniele Biacchessi tornerà al Nebiolo con il suo nuovo volume, “Orazione civile per la Resistenza” (28 aprile), in una serata organizzata in collaborazione con l’assessorato alla pace del comune e l’Anpi. E in cui ci sarà spazio anche per narrare dei tanti lodigiani che hanno combattuto dalla parte dei partigiani tra il 1943 e il 1945. (R.M.)

Teatro Nebiolo: ecco gli abbonamenti

Ne avevamo già parlato qui. Oggi al piccolo (ma intenso) Teatro Nebiolo si apre la campagna abbonamenti. Per partecipare, per esserci, per stare vicini. Se avete voglia qui trovate tutte le informazioni. E il video (preparato con cura da Stefano, che ringrazio).

Il calendario completo della stagione lo trovate qui.

Tutti le iniziative hanno inizio alle ore 21:00 tranne dove diversamente indicato.

Ingresso Intero spettacoli di Prosa – Musica – Teatro, che passione!€ 12,00 – Ridotti* e convenzionati € 8,00 (*Giovani fino a 25 anni, Over 60, Gruppi oltre le 10 persone); Ingresso Cineforum € 4,00. Gli incontri del Centro di Documentazione per un Teatro Civile sono ad ingresso libero e gratuito.

Lo spettacolo URGE di Alessandro Bergonzoni presso l’Auditorium BPL di Lodi è valido solo per i possessori dell’abbonamento Prosa o Adotta una poltrona.

Inoltre, gli abbonati 2011-2012 presentando in cassa la tessera, potranno acquistare i biglietti d’ingresso a tariffa ridotta degli spettacoli che si tengono al Teatro alle Vigne di Lodi e al Comunale di Casalpusterlengo.

Abbonamenti :

PROSA valido per i seguenti 5 spettacoli: 12/11 Voci del Po; 11/02 Milano 70 allora; 23/02 Urge all’Auditorium BPL di Lodi; 02/03 Kohlhaas; 19/05 L’innocenza di Giulio. Andreotti non è stato assolto. Costo € 40,00;

ADOTTA UNA POLTRONA valido per i seguenti 9 spettacoli (Prosa, Musica e Teatro, che passione!): 12/11 Voci del Po; 10/12 Munfra; 11/02 Milano 70 allora; 23/02 Urge all’Auditorium BPL di Lodi; 02/03 Kohlhaas; 17/03 A; 14/04 Il povero Piero; 21/04 Il malato immaginario; 19/05 L’innocenza di Giulio. Andreotti non è stato assolto. Costo € 70,00

CINEFORUM valido per i 4 film in programma: 26/11 Earth; 18/12 Alice in Wonderland; 13/01 Les Choristes; 17/02 Rosso come il cielo. Costo € 12,00

L’abbonato a Prosa o Adotta una poltrona ha la possibilità di mantenere la propria poltrona anche per gli incontri (esclusivamente previa prenotazione).

BIGLIETTERIA

Per prenotare o acquistare i biglietti l’orario è il seguente: da lunedì a venerdì dalle ore 10 alle 12 e dalle 15 alle 18. Telefono 331 9287538 oppure e-mail info@teatronebiolo.org – Nei giorni di spettacolo la biglietteria apre 1 ora prima dell’inizio della manifestazione.

Il sogno realizzato: dieci anni di Bottega con il teatro nel cuore

Un compleanno importante e una festa semplice per abbracciare chi c’era, chi c’è oggi e chi sarà per i prossimi dieci anni. Fine settimana a cavallo tra la magia del teatro e la reale gratitudine, a Tavazzano, per il decennale della Bottega dei Mestieri teatrali. «Una festa popolare – ha annunciato il direttore artistico Giulio Cavalli, anche autore, scrittore e consigliere regionale della Lombardia – non per celebrare quelli che per noi sono dieci anni di amicizia e di lavoro. Solo per stare insieme e raccontarvi una storia». Quella iniziata a Lodi dieci anni fa prima dalla compagnia Teste di Legno, poi cresciuta sullo sfondo dell’amicizia tra lo stesso Cavalli e Marco Mozzato, anche primo regista della compagnia con lo spettacolo Parole d’acqua dolce, debutto del 2001 nella cornice della Piarda Ferrari. E in cui sono passati, negli anni, «più di cento persone che a vario titolo hanno lavorato con noi – ha ricordato ancora Cavalli accompagnato sul palco da Paola Vicari, amministratore di compagnia e Stefano Maj, memoria storica che con la Bottega ha fatto tutto, dall’attore, al dogsitter, per poi diventarne il responsabile tecnico (nella foto in basso, ndr) – : un percorso nato da un sogno che ci hanno più volte detto che era impossibile da realizzare. E non per tarparci le ali, ma solo perché fondare una compagnia professionale di teatro a Lodi sembra davvero impraticabile». Invece,i fondatori della Bottega ci avevano visto lungo. E da una sala prova in via Gorini sono arrivati a calcare il palco del Piccolo Teatro di Milano e a girare l’Italia in lungo e in largo con i loro spettacoli, che dalla commedia dell’arte sono arrivati all’impegno civile sempre portato in scena con l’animo dei giullari. E proprio quella commedia dell’arte degli esordi (portata in oltre 40 Comuni del Lodigiano con il Carro Poetico) è tornata sul palco del Nebiolo di Tavazzano (residenza teatrale della Bottega dal 2007) in una versione sospesa tra la poesia e il re-incontro dei compagni di viaggio e in cui hanno recitato lo stesso Cavalli in un Arlecchino di altri tempi, Marco Mozzato (Zanni), Stefano Maj nel suo ruolo di disturbatore atipico dal nome curioso (Scoreza), Cinzia Bregonzi (la Colombina di quella tournèe), Francesco Lanza (coautore di Do ut des) e Luciano Pagetti, «che siamo onorati di avere sempre al nostro fianco». Tra un brindisi e l’altro, sabato pomeriggio, la “scuola” per giullari di Progetto Nur (compagnia di Castellone nel circuito Alice nella città) che con Nicola Cazzalini, Umberto Bellodi, Alessandro Caproni e Sara Passerini ha portato a Tavazzano giocoleria e arte del sorriso. Ieri spazio ancora all’animazione di strada con la Ditta Gioco Fiaba che nel parco Collodi di via I Maggio ha portato il suo Il bibliotecario e il mostro dei libri che ha trascinato i bambini di Tavazzano in una festa a confini tra realtà e fantasia, chiusa con una lauta merenda. Dalle 18 in poi, invece, è stata la suggestione delle note della Contrabbanda a far risuonare il cielo sopra il Nebiolo. Dove, neanche a dirlo, c’era un altro ex “bottegaio”: il fisarmonicista Guido Baldoni, che accompagnò Cavalli nella prima tournèe di Kabum, come un paio di impossibilità, che poi lasciò il posto all’ottimo Davide Savarè. Tre giorni di festa che, per Cavalli, sono anche un modo di «prenderci la briga di ringraziare chi nel tempo abbiamo perso per strada», «chiedere scusa per le lunghe assenze dell’ultimo anno» e rilanciare «un nuovo patto per stare insieme, qui, in questo teatro in cui abbiamo iniziato a fare qualcosa di importante».

Rossella Mungiello

DA IL CITTADINO

Dieci anni e sentirli tutti: il nostro compleanno teatrale

All’inizio ci credevamo davvero in pochi. Ci si contava sulle dita di una mano e ci si ritrovava la sera fino a tardi ad immaginarci tutti con i pochi ingredienti che ci sarebbero serviti: un palcoscenico, la voce e le storie. Il pubblico no, il pubblico sapevamo che sarebbe comunque arrivato. L’importante era raccontare le storie a modo nostro, con il nostro stare bene insieme.

Quando siamo nati dieci anni fa la Bottega dei Mestieri Teatrali era la carta intestata di un sogno. A Lodi, impossibile. Ci dicevano. I teatranti (e ancora peggio i parateatranti) sono stregoni sempre inclini a tarpare le ali.

Quando siamo andati in scena per la prima volta era settembre, in riva al fiume Adda. C’era l’afa che ti leccava sotto la camicia e un odore di petrolio bianco dappertutto. E luci dappertutto. Lo spettacolo era Parole d’Acqua Dolce di Marco Mozzato ed è stato l’inizio della storia. Una buona storia: dieci anni in cui abbiamo provato a raccontare storie che abbiamo sentito importanti con l’aiuto e la preziosa collaborazione di tanti amici. Una storia che parte dalla grande piccola Lodi (con l’aiuto e l’amicizia di chi ci ha creduto con noi, il Teatro Alle Vigne, il Comune di Lodi, il nostro pubblico), passa (e si ferma) al coraggioso Teatro Nebiolo di Tavazzano e ci porta in giro per il mondo.

Dieci anni che pesano tutti. Come pesano le cose importanti. Per questo ci ritroviamo insieme a parlarne, a rivedere ma soprattutto a programmare insieme al futuro. Per un compleanno speciale come la storia e le persone che prova a raccontare.

In occasione dei 10 anni di attività, in programma nei giorni 9, 10 e 11 settembre 2011, il “Compleanno di Bottega”.
Bottega dei Mestieri Teatrali, associazione che gestisce il Teatro Nebiolo, festeggia a Tavazzano per condividere con il territorio le esperienze passate, ritrovare le vecchie collaborazioni, ma anche aprire nuovamente l’Associazione ai cittadini in un’occasione di festa.
E’ dunque in fase di programmazione una piccola rassegna di eventi realizzati all’aperto e ad ingresso gratuito (il programma potrebbe subire qualche variazione).

VENERDI’ 9 Teatro Nebiolo/Centro Civico – Tavazzano con Villavesco (LO)
ore 21:15 apertura della festa presso il Teatro Nebiolo con proiezioni video sui 10 anni di attività, brindisi e torta per il pubblico e ‘benvenuto’ di Giulio Cavalli;
ore 22:00 presso il Centro Civico Mascherpa spettacolo di Commedia dell’Arte a cura di ‘Bottega dei Mestieri Teatrali’.

SABATO 10 Piazza Mercato
all’aperto, presso Piazza Mercato dalle ore 18:00 alle 18:30 intervento di Giulio Cavalli (lettura breve);
segue alle ore 18:30 lo spettacolo di teatro di strada a cura di ‘Progetto Nur’.

DOMENICA 11 Parco Collodi Via I Maggio/Vie di Tavazzano
dalle ore 15:30 alle 16:30 animazione teatrale per bambini presso il Parco Collodi;
segue merenda;
dalle ore 18:00 ‘La Contrabbanda’ in concerto (percorso itinerante presso le vie di Tavazzano con partenza dal Parco Collodi);
alle 19:15 chiusura del concerto davanti al Nebiolo e conclusione dei festeggiamenti.

Vi aspettiamo.