Il caporalato come la mafia. Cioè?

maurizio-martina-ot-300x225Martina: “Combattere il caporalato come la mafia. Expo? Ne siamo orgogliosi”
“Il caporalato? Entro 15 giorni un piano per risolvere l’emergenza”. “Lo spreco alimentare? Abbiamo già risultati importanti”. “Expo? Numeri e risultati importanti”. “Milano? Ci sono le energie per lavorare bene”. La mia intervista al Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Maurizio Martina è qui.

Il giornalismo impastato con la merda

falsa-notizia-il_MaleQuindi si scopre che un sito web “d’informazione” è stato denunciato per avere scritto clamorose bufale sugli immigrati. Ne scrivono un po’ tutti oggi (un link a caso qui) ma in pochi sembrano accorgersi che il giovane proprietario del sito (anzi, il “giovane italiano bianco denunciato”, come si scriverebbe lui stesso) si difende dicendo di essersi inventato patetiche iperboli sullo strapotere degli extracomunitari per fare numeri più alti.

In pratica, per logica: oggi impastare l’immigrato con la merda rende popolare una notizia. E non solo, anche un segretario di partito come Salvini, a pensarci bene. Nessuno pensa ad un paese affamato di nemici perché soggiogato dalla paura servita con spaventosa costanza e chirurgicamente dosata un po’ dappertutto.

E io ho più paura dei lettori che condividevano le bufale piuttosto che del gestore del sito.  Perché quelli sono più di uno, anzi più di tre, tu pensa se esistesse il reato di associazione al cattivismo.

Il baldanzoso Gabrielli e tutti i turbopolitici con i voti degli altri

E niente: il Prefetto di Roma Gabrielli, che oggi ha presieduto la prima riunione per il prossimo “anno santo” (a poposito di priorità e laicità dello Stato, tra l’altro) non ce l’ha fatta a non cedere al machismo politico che di questi tempi va per la maggiore e davanti alle telecamere ha precisato che di sindaco ce n’è uno ma può cacciarlo quando vuole (banalizzando il “commissariamento” ad una questione di voglie del re) e ironizzando sulle vacanze di Marino (che, per carità, sono indifendibili). Così, in pratica, usando il cerino Marino ancora una volta si svilisce la politica facendo annusare un’oligarchia che (non in base a scelte democratiche) ci concede la democrazia solo perché si sente particolarmente in vena.

Il Prefetto nominato dal Governo (che non è uscito da nessuna urna) ci sta facendo il piacere di organizzare il piatto ricco degli appalti (sicuramente “urgenti” tra breve) lasciando in vita gli organi eletti.

Tutti turbopolitici con i voti degli altri.

Europa: la banalità dei muri

muri-migranti-europa-fortezza-800x600

La collega Giorgia Furlan scrive un pezzo da tenere in tasca sull’utopia del muro come protezione. Di chissà che cosa.

Left ha realizzato una mappa interattiva dei “muri del Mondo” per fare chiarezza sulla questione e capire di cosa di tratta e quanto effettivamente è funzionale la costruzione di barriere per difendere l’ “impero” europeo da quelli che le destre descrivono come dei nuovi “assalti barbarici”.

 

Le minacce dei Casamonica al comico Dado sono una possibilità

dado1020Le minacce dei Casamonica al comico Dado per una semplice canzoncina irriverente pubblicata su Facebook ci dicono che la risata funziona e che i clan esistono grazie al generale timore reverenziale. Ma portano anche una buona notizia: ognuno con poco potrebbe risultare fastidioso. E se lo facessimo tutti la mafiosità non sarebbe esibita ma nascosta come una malattia di cui vergognarsi. Ne ho scritto qui.

L’interdittiva antimafia dentro EXPO

setup-675

La notizia dell’interdittiva arrivata per la Set Up Live di Torino è una notizia preoccupante non solo per EXPO ma per l’eventuale infiltrazione di un’azienda da decenni leader di settore. Niente “scatole vuote” questa volta. Per questo bisogna scavare.

Jeremy Corbyn e il sonno dei neoliberisti

Britain_Di-B-1-800x600

L’editoriale di Ilaria Bonaccorsi per il numero di Left, in edicola oggi:

L’alternativa non esiste dunque. Tenetevi ciò che avete, è il meglio che c’è. Lo ripete, lo ripetono in tanti sperando di “asfissiarci” le menti. Perché come diceva un amico qualche anno fa “chi è fallito non si preoccupa di se stesso, è già morto. Si preoccupa di chi non lo è. Di chi è vivo”. E allora questa settimana torniamo, indefessi sostenitori di un’umanità “naturalmente” di sinistra, a raccontarvi ancora una volta di chi nasce, di chi è vivo, di chi non si preoccupa di vincere o perdere ma di “cambiare” la vita degli altri. Di tutti gli altri. E in meglio. Di Jeremy Corbyn, probabile nuovo leader dei Labour inglesi. Colui che ha scatenato tale angoscia in Tony Blair da infiammarne persino la penna. «Anche se mi odiate, votate chiunque ma non lui», ha scritto sulle colonne del Guardian l’uomo della Terza via.

Continua qui.

A Ravenna con spettacolo e libro. In un giorno.

Artwork_A3_L'amico_degli_Eroi_CMYKlightSono molto contento di essere ospite ancora una volta degli amici di de Il Grido della Farfalla a Ravenna. E per non farci mancare niente abbiamo deciso di fare un doppio appuntamento: al mattino la presentazione del mio romanzo Mio padre in una scatola da scarpe e alla sera in scena con L’amico degli eroi. Insomma, ce n’è per tutti, eh.

Tutte le informazioni sono qui.

L’Europa secondo Banksy (che non è lui)

11935059_424924177703328_7259268296958289676_n

 

—aggiornamento—

Come ha precisato qualche giornale italiano – in alcuni casi correggendo l’errore dopo che gli era stato segnalato – la foto era stata utilizzata nel maggio del 2015 da un’organizzazione spagnola che si occupa di diritti umani, la CEAR (ComisiónEspañola de Ayuda al Refugiado), per una campagna di sensibilizzazione sui naufragi dei migranti nel Mediterraneo chiamata #UErfanos, e non è chiaro se sia stata in qualche modo “modificata”. Ancora oggi la foto è l’immagine di copertina dell’account Twitter della CEAR.

(fonte)

#Left cosa ci abbiamo messo dentro

cover_33_web-800x600

Che la sinistra rinasca proprio nell’ultima patria di Karl Marx? In Gran Bretagna Jeremy Corbyn, il candidato più a sinistra alla segreteria del Labour, cresce nei sondaggi ed è molto popolare tra i giovani. La cover di questa settimana di Left è dedicata proprio a lui, marxista di formazione, amato dai sindacati e dalla working class, fautore della statalizzazione dei servizi pubblici, compresa la scuola. Corbyn è un feroce nemico delle diseguaglianze sociali che con la Thatcher prima e il blairismo poi, sono cresciute a dismisura. Nella sola Londra vivono 2 milioni di poveri. Questo signore dalla barba bianca che ama viaggiare in bicicletta e dice cose di sinistra, sta facendo così tanti proseliti dentro il Labour – le cui primarie si tengono il 12 settembre – da produrre diversi interventi di Tony Blair, che lo accusa di voler distruggere la creatura da lui creata: un partito laburista che corre e spera di vincere al centro dello spettro politico. «Ma più Tony Blair parla e più la gente si convince a votare Corbyn!», afferma nell’intervista rilasciata a Left, lo scrittore Antony Cartwright che ha raccontato la stagione del thatcherismo in molti dei suoi libri.

In Società affrontiamo anche il problema dei migranti e delle scelte politiche che l’Europa si trova ad affrontare. Il direttore del Consiglio italiano per i rifugiati Christopher Hein sostiene che una soluzione potrebbe essere l’asilo europeo, mentre Fulvio Vassallo Paleologo fa il quadro delle politiche fallimentari e dei ricatti europei.

Cosa sta facendo il governo Renzi per l’ambiente? Ben poco. Anzi, è contraddittorio. Da una parte annuncia il Green act, dall’altra promuove nuovi inceneritori e trivelle e concede finanziamenti a strutture inutili. Left fa il punto sulla politica renziana della “lobby del grigio”. E sempre in Società una storia della creatività italiana attraverso il personaggio del giocattolaio Vittorio Lonzi.

Negli Esteri il punto sulla politica greca dopo le dimissioni di Tsipras con le motivazioni degli scissionisti di Syriza, mentre dall’Egitto l’analisi sul governo del presidente golpista al-Sisi che sta cancellando i protagonisti della Primavera araba. E ancora: Piattaforma Gaza, uno strumento di cartografia partecipativa per individuare le violazioni dei diritti umani messo a punto da Amnesty e Forensic Architecture di Londra. Left indaga poi sui desaparecidos: quelli di oggi in Messico dove esiste un legame tra pezzi di Stato e gruppi criminali e quelli di ieri in Argentina attraverso il racconto di una testimone del processo “Condor”.

In Cultura Francesco Erbani, autore di Pompei, Italia, racconta il degrado e il malaffare dell’area archeologica, metafora del Paese, mentre Pietro Greco fa il ritratto di Lise Meitner, la “madre” della fissione nucleare che disse no alla bomba atomica. E sempre per la scienza, Left parla del super batterio “modificato” per individuare le malattie del corpo umano. Infine, un omaggio al regista Jafar Panahi, di cui sta per uscire nelle sale il film Taxi Teheran.

(clic)

Guarda che forse l’umanità si affaccia in politica…

Le parole della Merkel e poi di Renzi sulla vigliaccheria di cavalcare la paura è un segnale importante. E un’occasione importante.

Ne scrivo qui.

Welcome_to_the_land_of_freedom

Quella bomba ad Altamura, la morte di ‘Zidane’ e l’antimafia un po’ strabica

1469758_1033163253368866_4823456023248112268_n-300x225Ad Altamura qualche mese fa, forse ve lo ricorderete, è scoppiata una bomba in una sala giochi. Un attentato mafioso in piena regola. Qualche settimana fa il ferito più grave è morto. Lo chiamavano Zidane, perché aveva il numero 10 sulle spalle e i piedi di fata. Mafia, morte e calcio: negli USA ci farebbero un film e qui non ce ne siamo nemmeno accorti. E invece è una storia che annega il cuore. Ne ho scritto qui.

#MéxicoNosUrge, l’appello per fermare la violenza in Messico

Parte da LEFT l’appello che non si può non condividere:

ruben_espinosa_mexiconosurge-1024x683«Come giornalisti siamo in pericolo, non abbiamo protezioni minime ma, anche se in queste condizioni, aquí estamos, noi ci siamo, tenemos mucha fuerza, abbiamo molta forza, porque tenemos la verdad a nuestro lado, perché dalla nostra parte abbiamo la verità». Il fotogiornalista Rubén Espinosa Becerril il 12 giugno 2015 si rifugia da Veracruz a Città del Messico dopo essere stato minacciato da “persone non identificate”. Un mese e mezzo dopo, il 31 luglio, viene assassinato con l’attivista sociale Nadia Vera, anche lei fuggita da Veracruz, e tre donne che vivevano nello stesso appartamento nella colonia Narvarte. Rubén continuava a denunciare come la libertà di stampa in Messico viene violentata quotidianamente, in particolare nello stato di Veracruz.

«In questi ultimi cinque anni, durante il governo del priista Javier Duarte de Ochoa sono stati assassinati 15 giornalisti, tutti gli omicidi sono rimasti impuniti. Veracruz è la culla della violenza contro i giornalisti», denunciava. Fino al 31 luglio, quando un gruppo armato irrompe nell’appartamento in cui viveva a Città del Messico. Un giorno qualunque, in un quartiere alto borghese, delle persone entrano in una casa e, dopo aver violentato l’attivista Nadia Vera, la studentessa Yesenia Quiroz Alfaro e altre due donne che si trovavano con loro, Nicole Simon e Alejandra, uccidono tutti.
Dopo la strage, che ricorda le dittature argentine e cilene degli anni 70, la domanda centrale è perché li hanno uccisi. La giornalista indipendente Catalina Ruiz-Navarro, in uno degli editoriali più interessanti scritti in questo periodo, afferma: «Li hanno uccisi perché hanno potuto. Nella vita reale, non possiamo fare niente se non abbiamo l’opportunità di farlo, e questa opportunità in Messico è strutturale: l’ingiustizia è lo Stato. Una mancanza di protezione e impunità quasi assoluta: per questi li hanno uccisi».

Dov’è il video di quello con la pistola?

Schermata-2015-08-26-alle-22.29.31-600x496Nella giornata di oggi nessun sito editoriale degno di questo nome ha trasmesso il video terribile che l’assassino dei due giornalisti in Virginia ha messo online su Twitter e Facebook prima di spararsi un colpo (e prima che sia Twitter che Facebook lo rimuovessero nel giro di pochi minuti). Lo hanno guardato e hanno detto “no, noi questa roba non la mettiamo”. Rimanendo ai nostri usuali punti di riferimento non lo hanno trasmesso BBC, Le Monde, Guardian, NYT, Washington Post, El Pais. Fra i nuovi media editoriali (quelli nati sul web e quindi molto sensibili ai click dei loro clienti) non lo ha trasmesso Huffington Post, né DailyBeast e nemmeno Buzzfeed.

In Italia invece, per rimanere ai primi tre siti informativi (Repubblica.it Corriere.it e La Stampa.it) i grandi giornali lo hanno immediatamente pubblicato tutti con la massima evidenza, con la solita avvertenza sulle immagini forti e con un taglio della scena finale con l’esplosione dei colpi di pistola: una legione di blogger stanchi alla disperata ricerca di pagine viste da archiviare titillando la morbosità dei propri lettori.

Una scelta del genere traccia una linea netta: da un lato rimangono i guardiani dell’informazione, quelli che credono che sia giusto ed economicamente conveniente offrire ai lettori un punto di vista organico, un filtro, un’interpretazione, giusta o sbagliata che sia. Dall’altra si trovano invece quelli che hanno scelto di frugare dentro il calderone dei contenuti in rete trasformandolo nella propria attività principale. Quel mescolone informe di curiosità, notizie non controllate, bugie, video di gattini, tetteculi, stranomavero, peli delle orecchie più lunghi del mondo ed ogni altra cazzatine buone a richiamare l’attenzione bulimica dei navigatori.
In altre parole –e brutalmente- da una parte il giornalismo, dall’altra l’utilizzo di Internet, intesa come luogo di incontro e relazione fra le persone, per un progetto economico che assomiglia molto ad un circo.

(Massimo Mantellini, ne scrive qui)

Io firmo i referendum. E li sostengo. E me ne frego delle sottane.

Schermata 2015-08-26 alle 19.15.16Ogni tanto mi capita di avere gli stessi pensieri di Gilioli; così mentre mi metto a leggere prima di scrivere trovo qualcosa che mi ronzava in testa a cui Alessandro ha già dato una forma. Come questo post qui. Poco male, comincerò a preoccuparmi quando mi succederà lo stesso con Calderoli.

Tornando al punto, invece, firmerò e sostengo gli otto referendum che in questa torrida e povera estate stanno banchettando con i volontari sotto il solleone. Già avevo scritto sul senso della stampa per Civati ma anche il gioco del pregiudizio politico a sinistra devo ammettere che sta dimostrando il peggio di sé.

Il punto è: sono utili questi referendum? Sì. Sono condivisibili? Sì. Avrebbero potuto essere pensati con una migliore gestione delle relazioni sociali e un’organizzazione iniziale più aperta? Sì. E sono sicuro che il movimento ‘Possibile’ rifletterà su questo.

Però se andate a leggervi il materiale informativo e lasciate da parte quelli che li chiamano “i referendum di Civati” e prendete una decisione sarebbe un bene per tutti. Che siate d’accordo o meno. Perché ho la sensazione che quelli che ci dicono che “sono i referendum di Civati” siano quelli che indipendentemente dall’interesse collettivo hanno scelto chirurgicamente che ‘Possibile’ vada a sbattere. Nonostante siano ‘compagni’.